Home ATTUALITÀ XV Municipio, problemi sulla verifica dei voti: salta il ballottaggio?

XV Municipio, problemi sulla verifica dei voti: salta il ballottaggio?

Vedi aggiornamento in calce

ballott.jpgPotrebbero non essere ancora definitivi i risultati elettorali del XV Municipio. Mancano, o non sono per il momento verificabili, qualche migliaio di voti. Da fonti certe VignaClaraBlog.it apprende che al seggio elettorale centrale di via dell’Arcadia, dove è in corso davanti ad un magistrato la verifica delle schede elettorali per la proclamazione ufficiale dei risultati e degli eletti, sono sorti dei problemi proprio per il XV Municipio. Problemi al momento di difficile soluzione.

Apprendiamo infatti che non si trovano gli scatoloni contenenti le schede di due seggi mentre le buste di altri quattro non conterrebbero la copia dei verbali. Verbali che sono stati redatti in duplice copia al termine degli scrutini, una da inserire nella busta che doveva essere consegnata in via dell’Arcadia e l’altra nella busta diretta all’ufficio elettorale Comune. E’ presumibile quindi che ambedue le copie siano state inserite nella seconda.

Ma ora sarà un vero problema trovare questi verbali fra le migliaia di buste consegnate in Campidoglio, basta ricordare che le sezioni erano ben 2600. Così come è da escludere, non è mai accaduto in passato, che l’ufficio centrale provveda a riscrutinare le schede.

In assenza dunque degli scatoloni nel primo caso e dei verbali nel secondo l’ufficio elettorale centrale non è in grado di determinare il risultato finale e quindi di decretare aperta la procedura del ballottaggio.
Nessuno sa infatti quanti voti a favore di Gianni Giacomini, candidato presidente del centrodestra, potrebbero rimanere inespressi e se con essi il 47% raggiunto possa arrivare al 50% + 1 decretandone l’elezione al primo turno.

Da una valutazione effettuata da VignaClaraBlog.it gli aventi diritto al voto nei sei seggi dovrebbero essere circa 4600. Applicando la percentuale di affluenza media (48%) registrata nel XV Municipio, si tratterebbe dunque di circa 2200 voti in discussione.

Ma secondo Gianni Giacomini, che il 9 e 10 giugno dovrebbe sfidare al ballottaggio Daniele Torquati, candidato per il centrosinistra, sono molti di più.

Raggiunto da VignaClaraBlog.it, Giacomini ha infatti dichiarato: “con questi voti potrei ancora vincere al primo turno, il ballottaggio non servirebbe. Sono infatti non meno di 3mila i voti che dovrebbero emergere a mio favore da questa situazione. Ma non sono frate indovino, chiedo quindi che si faccia immediata chiarezza su quanto sta accadendo in queste ore, il problema è veramente serio”.

Aggiornamento delle ore 22:30. Apprendiamo ora che non si tratta di due scatoloni contenenti le schede ma di due buste presumibilmente contenenti i verbali.

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

 

Visita la nostra pagina di Facebook

30 COMMENTI

  1. I voti sono stati regolarmente comunicati dai messi comunali, tanto che il Comune ha pubblicato i dati ufficiosi.
    Il Presidente del Seggio centrale deve solo ufficializzarli!
    Di quali sezioni parliamo?

  2. La verifica si fa perchè Giacomini non ha vinto? E se avesse vinto si sarebbe fatta ugualmente? Un presidente sfiduciato dalla propria giunta non dovrebbe neanche presentarsi come candidato! Come elettrice mi sento presa in giro da leggi che permettono queste possibilità.!

  3. @ Luisa, la presa in giro che dice lei, si chiama democrazia, si chiede al popolo cosa pensa, ed il popolo decide… anche quando uno viene sfiduciato da un consiglio municipale (formato da una maggioranza ed un’opposizione),non dalla sua giunta…. Se poi le piace qualche altra forma di governo , allora il discorso cambia..
    p.s. : la colpa è di chi a scuola decise di togliere una materia come l’educazione civica.

  4. Per ufficializzare i voti non servono le schede scrutinate, ma i verbali e le tabelle di scrutinio.
    Entrambi sono redatti in duplice copia, una inviata al seggio centrale e l’altra al comune, ma TUTTE le buste recano l’esatta indicazione del numero del seggio.
    Quindi per quanto i seggi siano 2600 credo che non sia poi così difficile trovare la copia consegnata al messo comunale in modo da ufficializzare i voti… Si perderanno massimo 1-2 giorni in più!

  5. Con quale faccia lo sfiduciato Giacomini osa parlare se non ha il coraggio di confrontarsi con i cittadini che si (ri)candida a governare e che già hanno sopportato la sua incapacità per 5 anni.

  6. Verifiche, ballottaggio ….. In realtà La vera “Vittoria” sono i consensi ottenuti lavorando sul Territorio e per il Territorio in maniera trasparente e mirando unicamente al benessere del cittadino.

  7. @ Sig.ra Paolini, sono d’accordo con lei,invece delle balle parliamo dei fatti : è vero o non è vero che all’inizio dell’amministrazione Alemanno le casse comunali erano vuote?? è vero o non è vero che all’inizio dell’amministrazione Alemanno è stato trovato un buco finanziario che fino ad allora è stato nascosto dalle precedenti amministrazioni di sinistra?? è vero o non e vero che durante l’amministrazione Alemanno c’è stata la più grossa crisi economica mondiale,che ha aggravato i bilanci di tutti gli stati, di tutte le città, sia delle floride e virtuose, che delle sprecone , figuriamoci poi in una città come la nostra, sul baratro del precipizio. Ma ci siamo dimenticati che non c’erano nemmeno i soldi per comprare i bollettari delle contravvenzioni, per rimuovere le auto in sosta vietata per il Comune insolvente . Di esempi se ne possono fare tanti, e con questo non dico che non siano stati fatti degli errori, sbagliare è umano (solo i professori o professorini come il candidato non sbagliano mai…). La situazione capitolina si è riverberata sui municipi, che si trova in prima linea a fronteggiare la quotidianità dei romani.
    La fortuna di quei signori, che hanno provocato quel buco finanziario, è che la gente ha la memoria corta, metabolizza tutto in poco tempo, e questo consente loro di ripresentarsi tranquillamente alla cittadinanza. Basta tirare fuori dal cilindro un “illustre sconosciuto” e il gioco è fatto. Bettini docet.

  8. @Nico Ferri
    Mi trovo d’accordo in buona parte con l’analisi da lei fatta. Ma non si possono in generale confondere e sovrapporre il livello comunale con quello municipale.
    Ed in particolare che nel municipio in questione (XV ex XX) la situazione è del tutto particolare. Ed un’analisi serena e senza pregiudizi legati a schieramenti politici la rende palese.
    Chi si occupa o si è occupato direttamente di questioni municipali potrà confermare.
    Ricordiamoci di ciò che dovrebbe essere guida di tutti noi, in particolare chi si impegna in politica o in blog pubblici come questo, ma che viene spesso dimenticato purtroppo anche tra noi commentatori: il bene comune.

  9. @ Sig. Dessy, il comune e il municipio vivono istituzionalmente in simbiosi,ma l’uno dipende dall’altro, quindi se le casse comunali sono vuote, quelle municipali non possono essere floride di conseguenza,io mi riferivo a questo. Fare un risanamento finanziario non porta consensi, e i risultati sono visibili.

  10. Mi ricordo di come nella passata consiliatura l ex consigliera delegata al Sociale volle far spendere all ex presidente sfiduciato ben 15000,00 euro per un convegno e rinfresco in occasione della festa della donna!! Ricordo come l ex presidente Giacomini ha utiizzato ben 40000,00 euro destinati alla raccolta differenziata per fare la sua festa della befana! I soldi ci sono, sono spesi malissimo! Continuate ad affidarci a personaggi come Giacomini e Casasanta

  11. Sbaglio o il sig. Ariola è stato eletto ed ha amministrato invece al presidente Giacomini per un buon 80% del periodo amministrativo scorso?? cercare di rifarsi una verginità solo qualche mese prima della fine naturale non è che depona molto a suo favore : la gente non gli ha creduto prima,con la sfiducia, e lo ha dimostrato nell’urna. Se ne faccia una ragione, la gente non crede a chi si comporta come tira il vento. Di soldi spesi male io invece ricordo le decine di milioni per le notti bianche,specialmente quella del blackout settembrino di Uolter.

  12. Sono stato questa mattina a Via dell’Arcadia dove sta per concludersi il conteggio delle preferenze ottenute dai candidati al nostro Municipio. Mi hanno detto che ancora non vi è traccia dei verbali scompars!
    N.Bufalini

  13. Nico Ferri, la mozione di sfiducia è firmata da me da Luglio 2011. Se non è stata presentata è perché qualcun altro si è tirato indietro. Prima di parlare di me e di cose che non sa s’informi !

  14. Io sto de qua tu stai de la .
    Ma de che stamo a parla.

    Er monno va cosi; “er rabbonitore der territorio e l’amico incredulo”

    E fu cosi che er rabbonitore der territorio cerco de fa der BENE ar popolo.
    A rega stamo alla frutta a me me rimasta na mela che famo sa spartimo ?
    Nun c’e piu’ tempo pe gioca dx , sx centro e m’arimovo dovemo da cambia sinno n’avorta finita sta mela se scannamo .

  15. Sig.Ariola, nulla di personale, ma firmare una mozione ,ma non dimettersi all’atto di quella firma serve a poco , ma queste chiacchiere ormai sono al vento ,dato che il popolo romano del nostro municipio ha deciso che lei non è il loro presidente.
    Cordiali saluti

  16. egregio nico ferri,
    dimettersi dopo la firma sul documento di sfiducia quando questa non sarebbe mai arrivata in porto sarebbe servito a poco, comunque il Consigliere eletto Ariola ha fatto bene a candidarsi nella Lista Marchini, perchè adesso potrà dar battaglia alla maggioranza senza sentirsi accusato di connivenza, al contrario di alcuni che, prima hanno sfiduciato Giacomini e poi, anche se in partiti diversi, hanno sostenuto e sostengono la candidatura. Questi sono i personaggi da criticare!

  17. E magari il risultato del ballottaggio può anche mandare Giacomini e il PDL all’opposizione dando la possibilità al nuovo Municipio XV di nascere sotto il segno del cambiamenento e in coerenza con il governo futuro di Roma capitale.

  18. E magari dopo l’intervallo,rappresentato dalla giunta Alemanno, inizierà il secondo tempo del festival di San.. Buffo… di cui il suo partito è esperto, vero sig. Pira??

  19. @ “Nico Ferri”: ma il fatto che Ariola abbia sfiduciato Giacomini (grazie al cielo), cosa cambia rispetto a quanto da lui affermato? La notizia tirata fuori da Simone Ariola era un’altra, non cerchi, come sempre e in modo meschino, di spostare l’attenzione da quello che non le piace leggere. Provi a commentare il fatto che Giacomini ha speso i 40.000 euro destinati alla raccolta differenziata per organizzare la sua festicciola della Befana. Avanti, ci dica la sua opinione secca su questo fatto. Ce la fa?
    Ah, dimenticavo, visto che l’ha citato di nuovo… La storiella del “buco finanziario” gliala ho già smontata varie volte, tra cui questa: https://www.vignaclarablog.it/2011111516863/focus-del-pd-sul-xx-municipio/ (negli interventi del 25 novembre 2011 delle h 13:24 e delle h 18:30). Se ne faccia una ragione, glielo ricorderò ogni volta che la tirerà fuori, “chiunque” lo scriva…
    PS: che poi Ariola ha avuto quasi tanti voti personali, quanti quelli raccolti da tutta la Lista Fratelli d’Italia, dove c’era chi ha sostenuto Giacomini appena dopo averlo sfiduciato… Una piccola soddisfazione per cui ha a cuore la coerenza…

  20. di Buffo conosco il Mistero teatrale di Dario Fo. Roma sceglierà Marino sindaco e si cambierà la storia dei prossimi anni di questa città umiliata da una amminsitrazione opaca, piena di scandali e fallimentare. Ai citadini del Municipio XV la scelta di come votare: se sono contenti di come è andata negli ultimi anni rivotino Giacomini altrimenti votino per il cambiamento.

  21. La lingua batte dove duole il dente… ogni volta che si parla del debito lasciato dalla sinistra arriva il soccorso rosso… Se i BUFFI non c’erano non si capisce perché il Comune lo scrive nel resoconto ufficiale di fine mandato, dove parla di piano di rientro del debito e politica di risanamento , come hanno già riportato altri commentatori. Nel 2008 ne parlavano tutti,anche le associazioni dei consumatori http://www.aduc.it/comunicato/762+milioni+euro+debito+comune+roma+modello+roma_13894.php , ora si continua a negare la realtà per fini elettorali.
    Non si capisce perché se Giacomini ha distratto dei fondi destinati ad altro, nessuno lo abbia denunciato alla magistratura. Se i 40.000 euro sono uno spreco di denaro pubblico,come dobbiamo definire i MILIARDI di euro spesi nelle notti bianche e nei festival del cinema di Rutelli e Veltroni??
    Ignazio Marino non è il cambiamento, è la restaurazione.. in peggio..

  22. miliardi di euro spesi nelle notti bianche e nei festival del cinema ? miliardi di euro ?
    ma lei ha idea di quanti sono miliardi di euro o si è fatto prendere la mano dal gusto dell’iperbole ? Faccia il bravo, visto che è sempre pronto a dare link, me ne dia almeno uno attendibile in cui si parla di questi miliardi. Attendibile però, non come il suo post !

  23. @ “Federico”: Panem et circenses, sono sempre stati elementi che hanno assicurato una relativa quiete ai cittadini-sudditi: le giunte “progressiste” si sono attenute scrupolosamente a questo principio. Tanto Rutelli che Veltroni, infatti, interpretando disinvoltamente e discutibilmente la partecipazione agli eventi dei romani hanno dato il meglio (si fa per dire) riempiendo i bilanci di feste cinematografiche e notti bianche, sfilate e mostre spettacolari , a cui aggiungere tutti i costi degli straordinari notturni dei dipendenti comunali e per le aperture straordinarie sommando tutte le varie manifestazioni negli anni rutelliani e veltroniani, si arrivano alle cifre iperboliche..
    Io non devo dimostrarle un bel niente.. di come è stato lasciato il comune di Roma nel 2008 ne parlava anche Grillo nel suo blog http://www.beppegrillo.it/2008/06/notti_bianche_c.html

  24. La propaganda elettorale non dovrebbe mai utilizzare falsità per difendere le proprie ragioni. Si possono avere opinioni diverse, fare valutazioni di merito ma non falsificare i fatti con mezze vferità o menzogne. Sul debito di Roma Capitale l’ex assessore al bilancio Causi ha risposto con documentazione adeguata alle strumentalizzazioni di parte. Per chi vuole documentarsi seriamente veda : http://www.marcocausi.it/interno.asp?id_dettaglio=61862&id=130 .
    Una cosa sono debiti fatti per alimentare clientele (vedi parentopoli e scandali vari) altra fare opere strutturali tipo metropolitane o investimenti produttivi che si pagano e producono ricchezza. Qui sta la differenza. E i 12 punti didistanza tra Marino e Alemanno sono un primo segnale che cambiare è possibile. Per ridare a Roma Capitale la dignità che merità .

  25. Quindi un link dell’assessore di quella giunta vale più di un resoconto ufficiale di fine mandato pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Roma, non capisco questo modo di ragionare.
    Se i romani non hanno compreso che Alemanno è riuscito a risanare quel debito, lo capiranno se accadrà quel cambiamento che invoca il sig. Pira,che io invece continuo a chiamare RESTAURAZIONE.

  26. @ Ferri, non sono i link che contano ma l’invito a leggere i contenuti e valutarne la credibilità politica. Come lei ha suggerito a qualcun altro se vi è dolo o malaffare ci si rivolge alla magistratura. Se si devono fare valutazioni politiche contano gli argomenti e i fatti esposti. Il suo link si affida a dichiarazioni di yun comizio di Grillo. Io invito a leggere un documento che motiva ed espone argomenti che a me paiono di ben altro spessore di analisi e oggettività. Per il resto ognuno voterà come meglio crede.

  27. @ Ferri: prendo atto che non ha trovato neanche un documento per giustificare le sue parole di oggi sui MILIARDI di euro spesi per la festa del cinema e le notti bianche ! Miliardi !!! Ma è così difficile dire mi sono sbagliato ? Poi mi tira fuori un post di Grillo come se fosse il Vangelo !! A chiacchiere so tutti bravi….

  28. @ Sig. Pira forse non ha letto i commenti precedenti : su questo blog è stato già pubblicato da una commentatrice il link del resoconto ufficiale di fine mandato di Alemanno. Non penso che ci siano scritte delle corbellerie,lei che dice?? ora glielo trovo……… è quello della signora Mariella Zanni del 28 maggio ore 12,38 , le allego il link https://www.vignaclarablog.it/2013052223231/pedersoli-pdl-nel-xv-cultura-libera-accessibile/#comment-52683
    Buona lettura, specialmente quando parla di rientro dal debito e suo risanamento.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome