Home ATTUALITÀ Flaminio, vertice in ASL Roma A sulla chiusura del poliambulatorio

Flaminio, vertice in ASL Roma A sulla chiusura del poliambulatorio

La sanità pubblica tiene banco a Roma Nord dove le decisioni di ASL Roma E e ASL Roma A sono nel mirino delle forze politiche e dei comitati. Mentre a Labaro si protesta contro la chiusura del poliambulatorio di via Offanengo che sarà sostituito con quello di via Clauzetto e i cui costi vengono messi in discussione, al Flaminio ci si batte contro la chiusura della storica sede di Piazza Gentile da Fabriano. Ma il sit-in svoltosi mercoledì 13 marzo sembra aver dato qualche frutto.

“La prossima settimana avremo un incontro con il Direttore Sanitario e Amministrativo della ASL”, annuncia in una nota Francesco de Salazar Presidente del Movimento Cittadino Flaminio Parioli Villaggio Olimpico, organizzatore della manifestazione alla quale avevano preso parte circa duecento cittadini, soprattutto anziani preoccupati dal fatto che, se la chiusura avverrà, dai prossimi mesi dovranno recarsi fino alla sede di via Tagliamento con  notevole aggravio di tempo e disagi.

“Durante il sit-in di martedì scorso – spiega il rappresentante del Movimento – abbiamo invitato la ASL ad individuare locali pubblici, appartenenti al patrimonio regionali dell’Ater sfitti e presenti sia al quartiere Flaminio che nel vicino territorio del Villaggio Olimpico dove spostare i servizi del Poliambulatorio. Ci opponiamo infatti alla volontà attuale dei vertici della ASL di trasferire tutte le specialità mediche a Via Tagliamento, sede scomoda per i residenti del Flaminio e mal collegata.”

“Per tal motivo – conclude De Salazar – stiamo proseguendo la raccolta firme in tutto il quartiere per manifestare la volontà popolare di trattenere nella zona almeno le principali attività ambulatoriali attualmente erogate dal Poliambulatorio di Piazza Gentile da Fabriano.”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome