Home ATTUALITÀ Grillo viaggerà con i pendolari della Ferrovia Roma Nord

Grillo viaggerà con i pendolari della Ferrovia Roma Nord

grillo.jpgPer chiudere lo tsunami tour che lo ha portato in giro nelle piazze italiane e che si concluderà venerdì 22 febbraio in Piazza San Giovanni, Beppe Grillo arriverà a Roma tenendo compagnia ai pendolari della Ferrovia Roma Nord, la Viterbo-Civita Castellana- Roma definita recentemente in un studio di Legambiente una delle peggiori tratte d’Italia. ”Quello di Beppe – dicono dal suo staff – sarà un viaggio simbolico, di solidarietà con i bistrattati pendolari”.

E in effetti, fare il pendolare su questa tratta “rappresenta ormai un’avventura…dove i passeggeri… 75.000 ogni giorno, si ritrovano con treni sovraffollati, vecchi e in ritardosostiene Legambiente nel suo dossier che non ha fatto altro che rafforzare quanto da mesi il Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord va dicendo.

Ma tornando al leader del Movimento Cinque Stelle, apprendiamo che, dopo aver fatto un comizio e pernottato a Viterbo, venerdì, alle 7 del mattino, partirà alla volta di Roma con il treno della Ferrovia Roma Nord gestito da Atac fermandosi alle stazioni di Morlupo, Castelnuovo, Riano, Sacrofano, Saxa Rubra dove dovrebbe scendere per un incontro con gli utenti della tratta e i cittadini. A quanto si apprende, pare che l’Atac si stia organizzando per affrontare in modo adeguato l’evento.

AGGIORNAMENTO del 21 febbraio: viaggio annullato, leggi qui

Visita la nostra pagina di Facebook

15 COMMENTI

  1. E’ veramente inverosimile vedere un milionario svizzero come Grillo viaggiare con i treni italiani, abituato com’è alla precisione,alla pulizia, all’educazione del personale viaggiante e dei passeggeri dei treni svizzeri. Chissà cosa lo spinge a quest’azione temeraria… deve esserci sotto qualche azione pubblicitaria per la sua carriera letteraria, per il libro scritto a 6 mani insieme al guru Casaleggio e al repubblichino Fo. Meno male che da martedì tornerà tutto nella normalità… italiana…

  2. Viaggio annullato. La promessa serviva per fare notizia sul comico urlante. Chieda scusa ai cittadini che alle 7 del mattino lo hanno atteso nelle diverse stazioni del tragitto credendo nella sua promessa. Speriamo che gli eletti del M5S si comportino differentemente.

  3. Se verrà fatto, sarà l’UNICO NON CANDIDATO a qualcosa che ci degnerà della sua presenza sui carri bestiame a cui siamo abituati noi comuni mortali.
    Niente auto blù, elicottero, scorta, gorilla……..
    Forse, qualcosa può cambiare davvero

  4. … già, o quantomeno che arrivi in ritardo alla stazione e non riesca a prenderlo. Non vorrei che a Roma si spargesse la voce che i romani vanno in treno con Grillo! Ahahahah

  5. Provo a fa conosce ar POPOLO quarcosa che magari nun sa .

    Domani 22 febbraio e’ n programma a San giovanni na grande manifestazione der M5S quarcuno ha pensato bene de da n’messaggio de vicinanza a problemi der treno che stanno a crea n’danno economico a tanta gente .
    F. Bonanni e’ conosciuto pe bataglie riguardo a tutte le cose brutte che stanno avvenì pe ATAC – COTRAl – SITA ecc ecc, Beppe ha corto l’occasione pe portà l’attenziona su na cosa che vie sottovalutata ma va incide ( se dice cosi no) su a vita de tutti i giorni.
    Poteva fallo er responsabile a mobilita de ROMA CAPITALEEEEEE
    Poteva fallo Alemannooooooo
    Poteva fallo Bersaniiiiiiiii
    Poteva fallo Berlusconiiiiiiiiiii

    O fa n GENOVESE , come PERTINI , MAZZINI che va n’ giro senza scorta NUN dice cavolate , sicuramente nun porta Bossi ar centro de Roma Ladrona pe mboccallo e fa na finta rappresentazione de n signore che vole frantuma l’Italia so arcinoti tutti l’insurti chi romani hanno dovuto subi , pe poi vede er fjo che pia er finanziamento pe fa li cavoli sua.
    A gente che sta n’ piazza domani e’ gente che nun viene dai centri anziani modello Samori , ma e’ gente che c’ha piene le scatole di cialtroni da politica .
    Domani ce stara’ chi votatava destra , chi votava sinistra , chi votava centro , chi nun votava piu e ha ripreso o stimolo d’ anna ar seggio .

    A tutte e persone a posto Tocca sta coll’occhi aperti pe ste liste civetta , Modello berlusconi di poveri da Olgiata , oppure modello Scilipotii , Razzi pe Prima Porta.
    E resto si so rose fioriranno .
    A Diamante speriamo che nun te sarta a corsa come fa spesso su a tratta de Valle Muricana , dove na disabile poraccia du settimane fa e’ rimasta a piedi perche ‘ l’autobus c’aveva n’ bastone che je mpediva de sali’ , Lei ca madre so dovute ritorna a casa pija a macchina e anna ndo dovevano anna

  6. Ah garzò, certo che ci vuole un coraggio,o incoscienza, ad avvicinare uno come Grillo a Mazzini … Pertini non è genovese, è nato in provincia di Savona…informati.. il fatto se grillo dice o meno cavolate è solo soggettivo, ma di cavolate nella sua vita ne ha fatte tante… ha fatto morì tre persone,ma può capità, ma non ha mai voluto parlare con la superstite della famiglia distrutta, che l’ha cercato diverse volte… sta facendo tutto sto casotto e poi non ha nemmeno la residenza italiana, ma questo qui a che le paga le tasse, alla Svizzera?? si è unito an certo Casaleggio, .. e adesso si fa vedè co Dario Fo, che adesso fa il compagno e sta coi centri sociali ,ma da giovane stava alla repubblica di Salò… tutta gente seria e coerente..

  7. La decisione di non prendere più il treno è stata presa per non gravare ulteriormente la situazione dei pendolari,poiché l’evento avrebbe creato ulteriori disagi ,sovraffollamenti e disservizi.Prenderà il treno solo Davide Barillari il candidato alla presidenza della Regione Lazio.Migliorare i servizi ferroviari significa disincentivare l’uso dei mezzi propri,diminuire inquinamento traffico e stress ai cittadini, e il programma regionale punta molto su questo a testimonianza della vicinanza del M5S a queste tematiche.
    Vincenzo,tutto ciò è ed era previsto per domani 22/02 non per oggi.

  8. O Anto pensi che scappo manco pe gnente.

    Te risponno e faccio tutte e fermate pe rimane n tema
    1) La storia:
    Beppe Grillo perse il controllo di un fuoristrada Chevrolet K5 Blazer mentre percorreva la strada militare che da Limone Piemonte porta sopra il Colle di Tenda. Il veicolo, sei km dopo Quota 1400, scivolando su un lastrone di ghiaccio cadde in un burrone profondo ottanta metri. A bordo con Grillo c’erano altri quattro amici genovesi con i quali stava trascorrendo il fine settimana dell’Immacolata. Grillo, rimasto contuso in stato di choc, riuscì a chiamare i soccorsi, tuttavia nel veicolo uscito di strada persero la vita i coniugi Renzo Giberti e Rossana Guastapelle, rispettivamente di 45 e 33 anni, e il loro figlio Francesco di 9 anni, mentre il quarantenne Alberto Mambretti fu ricoverato con prognosi riservata a Cuneo.
    Oggetto di critica è stato il fatto che egli stesso, condannato in via definitiva per omicidio colposo, volesse che fossero esclusi dal Parlamento italiano i condannati in via definitiva, o in primo e secondo grado in attesa di giudizio finale.

    A storia a vorte cambia a geografia e te da risposte che nun t’aspetti hai caito anto prima de parla penza.

    Sandro Pertini
    Data di nascita: 25 settembre 1896, Stella
    Data di morte: 24 febbraio 1990, Roma
    Partito: Partito Socialista Italiano

    2)Le tradizioni democratiche e la rilevante concentrazione operaia costituiscono uno dei motivi che spingono la città a mostrarsi ostile nei confronti del fascismo che sta conquistando il potere. “””” Nel 1927, anno in cui Savona diventa capoluogo di provincia”””””, si celebra il “processo di Savona”, nel quale Ferruccio Parri, Carlo Rosselli e Alessandro Pertini (che nel 1978 sarà eletto presidente della Repubblica Italiana) sono chiamati a rispondere della fuga del leader socialista Filippo Turati, organizzata 1´anno precedente.

    3) Papa razzingher 14 anni ca mano arzata, nazista , no era trascinato dar sistema npo come fa a gente co sto deficente che so vent’anni che ce sbombarda co li c……. sua mettece te er nome .

    Mo te spiego pecche faccio tutte e fermate perche risponno a tutti i punti che me fai nota e te dico che io so umano nun so perfetto .

    Si me dici na cosa giusta io te dico che so d’accordo co te , si me dici na cosa sbajata te dico che stai a sbaja , probabirmente si cerchi de famme digeri le c….
    io nun so scemo , quindi se Grillo fa er furbo co me nun attacca , hai capito oppure te devo manna un disegno .
    Vabbe mo te dico na cosa forte si Benito nun avesse fatto de cose indegne verso l’umanita nun se fosse sentito onnipotente probabirmente ero n fascista .
    Questo pe ditte che a certe persone er potere je da in testa .
    Comunque Anto rimani sur pezzo e ortre a esse critico cerca de chiappa se te riesce anche a parte bona de ogni cosa , magari cambi er giudizio.

    I pezzi che stanno qua sopra so stati presi pe spiega mejo perche io so n poraccio visto che sto XX e’ pieno de professori , dottori , presidenti , ingegneri, governatori da roma bene capiteme io so borgataro a PLEBE .

  9. Ah Garzò, oltre a ripassarti la geografia, perchè San Giovanni di Stella è in provincia di Savona, non è Genova, dai una ripassatina pure alla Storia, perchè la foto a cui ti riferisci che dovrebbe ritrarre il giovane Ratzinger , futuro Papa, è un falso storico, perchè la foto è del 1936, e in quell’anno lui aveva 8/9 anni e non 14 .
    Per quanto invece riguarda Grillo, continuo a pensà che ,insieme all’amichetto suo Casaleggio, ha voluto svoltà la carriera ormai finita, e quale mezzo migliore se non quello di cavalcare la protesta popolare derivante dalla crisi economica… ah sor garzò, ma se la gente stava bene,ma che se filava a grilletto…

  10. Sciaquateve la bocca, dato che destra e sinistra , cosi parlo la vostra lingua, hanno mandato a rotoli questo paese, in modo alterno e magari pure con inciuci.se non funziona nulla in questo paese e’ grazie alle persone che VOI avete mandato negli ultimi 30 anni a governare, in modo alterno lo ripeto.quindi de che stamo’ a parla’?

  11. Queta e’ l’urtima vorta che to dico anto .
    Pertini nasce nel1896 a Stella che a quer tempo era n ‘ provincia de Genova
    Nel1927 Savona diventa un capoluogo de Provincia

    RAZZINGHER
    Il servizio militare
    All’età di 16 anni, nel 1943, il giovane Joseph venne assegnato al programma Luftwaffenhelfer, “personale di supporto alla Luftwaffe”, insieme a molti suoi compagni di classe. Dapprima fu inviato con la sua unità a Ludwigsfelde, a nord di Monaco, e fu assegnato in un reparto di artiglieria contraerea esterno alla Wehrmacht che difendeva gli stabilimenti della BMW. Fu assegnato per un anno ad un reparto di intercettazioni radiofoniche.
    Il 10 settembre 1944 la sua unità fu sciolta e potè fare ritorno alla sua famiglia, ma già tornando a casa Ratzinger ricevette l’avviso di un nuovo progetto, nel Reichsarbeitsdienst. Fu quindi trasferito al confine ungherese dell’Austria, annessa alla Germania nell’Anschluss, nel 1938, e incaricato di costruire le difese anticarro in preparazione dell’attesa offensiva dell’Armata Rossa.
    Il 20 novembre 1944 la sua unità fu nuovamente sciolta e Ratzinger fece nuovamente ritorno a casa. Dopo tre settimane fu arruolato nell’esercito tedesco a Monaco e assegnato alla caserma di fanteria nel centro di Traunstein, la stessa città nelle cui vicinanze la sua famiglia viveva. Dopo la formazione di base nella fanteria fu inviato insieme alla sua unità a compiere marce in alcune città tedesche cantando canti nazionalsocialisti per sollevare il morale della popolazione. Non fu mai inviato al fronte e durante tutto questo periodo non ebbe mai necessità di sparare un colpo; non si trovò mai a partecipare a scontri armati.[14] Come egli stesso ricordò, nell’aprile del 1945 durante una di queste marce, disertò. Le diserzioni erano molto diffuse durante le ultime settimane di guerra, sebbene i disertori fossero soggetti a fucilazione se catturati. Ratzinger riuscì ad evitare la fucilazione, prevista per i disertori, grazie ad un sergente che lo fece scappare.[14]
    Con la disfatta tedesca e l’arrivo degli americani nella cittadina, Ratzinger fu identificato come soldato e fu recluso per alcune settimane in un campo degli Alleati, vicino a Ulma, come prigioniero di guerra. Venne rilasciato il 19 giugno 1945. La famiglia Ratzinger si riunì a Traunstein quando anche il fratello Georg, prigioniero in Italia, fece ritorno.

    N’ Cristiano sa che anche se uno ha fatto peccati deve essre perdonato.

    Venenno a Beppe Te lasso pensa quello che te pare magari Io sode coccio e nun capisco , siccome nun semo solo io e te che leggemo ognuno se po fa n’idea .
    Io sur comodino mio nun cio a foto de Beppe Grillo e me so mparato a riconosce le cose vere da quelle farse .
    A roma se dice fa npo come cavolo te pare

  12. @ Sig. Lepore, lei mi sembra uno di quelli che prima stavano ad applaudire a piazza Venezia e poi si riciclavano in comunisti convinti, come quel Dario Fo, che ha invocato l’altra sera il giorno della liberaziione dal fascismo, ma lui quel giorno era repubblichino a Salò… Ma lei è la prima volta che vota?? perchè se così fosse, posso accettare quel VOI , perchè altrimenti lei è falso prima di tutto con sè stesso e poi con gli altri. .. Ripeto ciò che ho già detto al sig. Garzone, se non c’era questa crisi economica che ci attanaglia tutti, uno come Grillo adesso non se lo sarebbe filato nessuno…
    p.s, : uso già un ottimo colluttorio.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome