Home ATTUALITÀ Prima Porta, spara contro un bar: rintracciato e arrestato in 24 ore

Prima Porta, spara contro un bar: rintracciato e arrestato in 24 ore

carabinieri-manette.jpgNella serata di domenica 28 ottobre, arrestato dai Carabinieri della Compagnia Cassia un catanese di 49 anni, residente a Prima Porta, accusato di danneggiamento, porto abusivo di arma da fuoco, esplosione di colpi d’arma da fuoco in luogo pubblico, detenzione di munizioni da guerra e detenzione di sostanze stupefacenti. I fatti risalgono alla tarda serata di sabato 27 ottobre, quando i Carabinieri vennero chiamati in via Frassineto dopo che qualcuno aveva sentito l’esplosione di colpi da arma da fuoco.

Giunti sul posto i militari verificarono che effettivamente dei colpi di pistola erano stati esplosi, tant’è che un palo dell’illuminazione pubblica e il muro esterno di un bar erano stati colpiti. Scattate le indagini, grazie ad alcune testimonianze Carabinieri sono risaliti ad un’auto che è stata notata allontanarsi velocemente dal posto subito dopo le esplosioni.

Raggiunto nel suo domicilio di Prima Porta, l’intestatario dell’auto, appunto il 49enne catanese, ha però dichiarato di non essersi mai mosso da casa mentre contemporaneamente, nel corso della perquisizione, sono stati trovati 4 proiettili calibro 9 parabellum e 35 grammi di stupefacenti.

Nel corso degli accertamenti è poi emerso che lo scorso 24 settembre, proprio in quel punto di via Frassineto, l’uomo era rimasto coinvolto in un incidente stradale a seguito del quale, nel corso della violenta discussione che ne era scaturita, aggredì i Carabinieri intervenuti proprio su chiamata del titolare del bar, lo stesso bar contro il quale sono stati esplosi alcuni colpi di pistola.

Il 24 settembre l’uomo venne arrestato solo con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. Oggi i capi di imputazione son ben più gravi.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome