Home ATTUALITÀ XX Municipio, Ariola – Mori (PdL): atto di giustizia il ritorno del...

XX Municipio, Ariola – Mori (PdL): atto di giustizia il ritorno del Comandante Bracci

“La vicenda che aveva visto il comandante Bracci divenire capro espiatorio per i fatti che hanno coinvolto la mobilità del quadrante “Due Ponti” a Febbraio scorso si è felicemente conclusa nella giornata di oggi con il reinsediamento del nostro amato Comandante a Via Caprilli, sede del XX Gruppo della Polizia di Roma Capitale”. Così si esprimono in una nota il Presidente del Consiglio del XX Municipio, Simone Ariola, e il Consigliere Giorgio Mori.

“Vale la pena osservare – continuano i due esponenti del PdL – che il Comandante Giuseppe Bracci, inizialmente destinato all’VIII Gruppo, quello storico del Comandante Di Maggio, che ha guidato la Task Force antiabusivismo, è attualmente titolare come vertice al XX Gruppo, ma è rimasto responsabile “ad interim” anche dell’incarico in VIII Gruppo, a dimostrazione che la stima riscossa da Bracci a Via della Consolazione è ampia ed indiscussa.”

“Questi riconoscimenti chiudono definitivamente una pagina che aveva lasciato molte ombre, soprattutto verso coloro che non avevano avuto il coraggio di assumersi responsabilità per fatti ampiamente prevenibili. Va osservato – ricordano Ariola e Mori – che il Consiglio del XX Municipio si era espresso compattamente a solidarietà del Comandante, chiedendone contestualmente immediata la ricollocazione a capo della U.O. XX Gruppo Polizia Locale di Roma Capitale, votando un documento (leggi qui) a firma dei sottoscritti e dei Consiglieri Scipione e Sciarretti. Giustizia è fatta – concludono – un galantuomo torna al suo posto.”

Visita la nostra pagina di Facebook

8 COMMENTI

  1. Grazie dal Comitato di Quartiere Karol Wojtyla per Siomone Ariola e Giorgio Mori che hanno preso una posizione netta nella vicenda.

  2. Non mi interessa minimamente, ma… A proposito di polizia. Ieri ammiravo l’ accampamento nel canneto sotto ponte duca d’aosta, con tanto di vasche, stendipanni, e annessa discarica, tra la ciclabile e la banchina. Mi chiedevo perche’ pago le tasse. Poi ho pensato che magari fa parte della politica di tutela dei taglieggiatori del parcheggio di largo mareciallo diaz. Probabilmente ci vivono loro. E ho ritrovato la tranquillita’.

  3. Gentile Signora Bibi o signor Bibi, la responsabilità del caos del quadrante nord in occasione della chiusura di via due ponti è da addebitarsi esclusivamente a chi non ha voluto ascoltare il sottoscritto e il Municipio XX. Doveva essere garantito almeno il deflusso in direzione Flaminia durante le ore di punta nella mattinata. L’allora comandante dei vigili ha subito come tutti noi la chiusura totale della via.

  4. Gentile signor Simone Ariola, chi è questo misterioso personaggio che non ha voluto ascoltare lei e il Municipio XX? questo dietro le quinte noi cittadini non lo conosciamo, e siamo erroneamente portati a pensare che il comandante dei vigili si occupi della viabilità, pensi un po’.

  5. Egregio/a Bibi, la risposta è nell’articolo che lei ci ha gentilmente indicato nel suo commento. Rilegga con attenzione queste parole “Resta un mistero il preambolo del caos. Se via di Fondovalle fosse stata aperta mercoledì non ieri decine di migliaia di automobilisti si sarebbero risparmiati ore di «apocalisse» stradale. In alternativa poteva essere ritardato il via libero ai cantieri di via dei Due Ponti. Ma non si è decisa né l’una né l’altra cosa provocando, indirettamente, una mattinata da incubo.”
    E se non le basta, legga anche quanto ha scritto il sempre egregio vignaclarablog
    https://www.vignaclarablog.it/2012021718024/sostituito-comandante-xx-gruppo-polizia-municipale/
    e ora caro/a Bibi si chieda: chi ha deciso l’apertura del cantiere solo dopo una settimana dopo la nevicata ? Chi doveva aprire la strada “fondovalle” prima dell’apertura del cantiere e non dopo ? Chi doveva organizzare soluzioni alternative prima che scoppiasse il caos ? Chi doveva informare i cittadini ? Suvvia Bibi, ci pensi un po’ e poi capirà che non era compito dei Vigili Urbani.
    E ora una domanda personale: devo continuare a scrivere egregio/a caro/a per tutto il futuro o mi può svelare se devo coniugare al maschile o al femminile ?
    Tante cordialità e buona notte.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome