Home ATTUALITÀ Ponte Milvio: continuano i controlli dei locali della movida

Ponte Milvio: continuano i controlli dei locali della movida

locale.jpgNel corso del week-end appena trascorso è continuata l’attività di controllo sui locali della movida nell’area di Ponte Milvio e dintorni. In particolare, nella zona del Foro Italico, due locali sono stati multati perché somministravano alcolici superiori a 21 gradi. Ad ognuno è toccata una multa di 3mila euro più il sequestro delle bottiglie incriminate. Ad uno dei due alla prima multa se n’è aggiunta una seconda di mille euro dovuta al fatto che non ha rispettato l’orario di chiusura: alle 4 del mattino era ancora aperto e superaffollato.

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. In via Riano riapre in un altro locale VICINO al primo, il proprietario del bar che è stato chiuso e multato più volte per vendita di alcolici a minori. Che poi è anche proprietario dell’officina che ripara le mini car sempre in via riano.
    Come è possibile dare ancora una volta il permesso a questa gente? Che sulla stupidità dei ragazzini. ingrossa senza scrupolo le proprie tasche?

  2. Quello che mi chiedo è come si faccia a dare altre licenze per bar e ristoranti nell’area di Ponte Milvio! Gli abitanti sono esausti, la zona degradata; è ignoranza o malafede?
    Nel contempo i vigili presenti fischiettano invece di multare tutti gli abusi, dalle bancarelle, alla sosta in doppia e tripla fila.
    Noi dobbiamo subire per questo anche una inutile ztl che ci ritarda il rientro a causa degli ingorghi che crea!
    Ci sono regole e vanno rispettate poichè i cittadini, che pagano cara la cura della città in cui vivono, ne hanno diritto!
    L’Amministrazione del XX Municipio se ne deve far carico, non può continuare a fare gli interessi di pochi a discapito di quelli dei cittadini.

  3. …”due locali sono stai multati perchè somministravano alcolici superiori a 21 gradi”… perchè non si fanno i nomi? … cara vcb ce l’hai questa informazione e non la vuoi cominicare o non ce l’hai proprio? non sarebbe utile conoscere quali sono i locali che non si comportano bene e quali no? io penso di sì

  4. Gentile Gianluca, come abbiamo avuto già modo di chiarire pochi giorni fa per un’analoga richiesta su un articolo di pari argomento, queste notizie si basano su comunicati ufficiali delle forze dell’ordine che non esplicitano mai la ragione sociale dei locali coinvolti. A volte riusciamo poi noi a conoscerli, a volte no.
    Cordialmente
    La Redazione

  5. Io invece mi chiedo perché ragazzini di 14-15 anni sono a spasso alle 3 di notte.
    A me non era concesso, è vero che i tempi cambiano però mi sembra una cattiva consuetudine.
    Per rispondere a elsa gli esercenti ingrassano sui ragazzini che sono in giro a ora tarda hanno macchinette e disponibilità economiche per vivere da “mini adulti” ossia con i vantaggi degli adulti ma senza lavorare e senza coscienza.
    Siamo sicuri che puntare il dito solo sui commercianti anziché sulle famiglie sia un ragionamento equilibrato?

  6. Concordo con Vincenzo e mi chiedo come facciano i genitori a dormire tranquilli, o insonni ed in pena fino al rientro dei loro ragazzi , sperando di non ricevere visite o telefonate infauste. D’accordo che sono cambiati i tempi, ma sono aumentati i pericoli, e prevenirli serve a non piangere quando ormai il guaio è fatto.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome