Home ARTE E CULTURA Al Flaminio il nuovo Teatro dell’Opera di Roma ?

Al Flaminio il nuovo Teatro dell’Opera di Roma ?

riccardomuti.jpgUna nuova sala multifunzionale per il Teatro dell’Opera di Roma potrebbe sorgere nell’area delle caserme di Via Guido Reni, a pochi passi dal Museo Maxxi, nel quartiere Flaminio. Lo ha annunciato ieri il sindaco Gianni Alemanno spiegando che si tratta di ”un’ipotesi, ma che sarebbe una struttura di cui la città ha bisogno: una sala moderna, multifunzionale per il Teatro dell’Opera” che potrebbe sorgere “in quello spazio ‘che va da Villa Glori al Ponte della Musica, passando per l’Auditorium Parco della Musica e il Maxxi, e che costituisce il Parco della Musica e delle Arti progettato da Renzo Piano”.

”La nuova grande sala, attrezzata con strutture moderne per mettere in scena l’opera, con tremila posti, e’ il grande sogno di Riccardo Muti”, ha sottolineato il sindaco, spiegando che ”a maggio Renzo Piano sarà a Roma per illustrare il progetto, e se c’è la fattibilità economica, si potrà annunciare e partire subito con i lavori. Sarebbe bellissimo fare incontrare il genio di Muti con quello di Piano. Se invece la fattibilità’ economica non ci sarà, si dovrà destinare quell’area a qualche altro progetto”.

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. non sarà tutta una farsa,per concludere che i soldi non ci sono e quindi autorizzare l’uso dell’area suddetta per altri scopi? non mi pare che nella “capitale”la cultura sia mai stata molto considerata!!

  2. Il Sig. Muti evidentemente non sa che al Flaminio NON ci sono parcheggi e meno che mai in Via Guido Reni dove oltre al MAXXI c’è anche un grande mercato coperto. Più volte, proprio su questo blog, è stato evidenziato come tutto il quartiere, dove insistono Auditorium, Palazzetto dello Sport, Stadio Flaminio e MAXXI , non ci sono idonee aree di parcheggio e come tutto il disagio si riversi sul povero Villaggio Olimpico.
    Il Parco della Musica e delle Arti è una chimera!
    Usiamo quei soldi, se ci sono, per la MANUTENZIONE del quartiere, per dare un volto umano a Piazza Mancini, per il restauro di Ponte Flaminio, per la bonifica delle sponde del tevere, per la realizzazione di un parco fluviale……….
    Alla fine meglio destinare l’area delle caserme ad un grande parcheggio pubblico (gratuito) in maniera da rendere più vivibile l’esistenza a chi abita in quel quartiere, un tempo una oasi e un vero gioiello.

  3. Perchè non utilizzare a parcheggio l’area Maxxi attigua alla parrocchia di S.Croce?A proposto del Maxxi, a che serve la gru che da anni è ferma nell’area? Chi paga il noleggio?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome