Home AMBIENTE Cassia – L’accesso pubblico all’Insugherata oggetto di una manifestazione

Cassia – L’accesso pubblico all’Insugherata oggetto di una manifestazione

“L’annosa questione degli accessi all’Insugherata, nonostante l’intervento della Commissione Ambiente del XX Municipio, non sembra aver trovato ancora soluzione ed è per questo che i Comitati di quartiere organizzeranno l’11 Marzo una manifestazione per richiamare l’attenzione delle Autorità e il sostegno dei cittadini.” Ad annunciarlo è Robin Hood, il comitato che, sorto oltre due anni fa, ha fatto della tutela e della fruibilità della Riserva naturale dell’insugherata la sua missione di vita.

La manifestazione si terrà nei Giardini di Tomba di Nerone, proprio nel punto dove da anni i comitati locali stanno chiedendo la realizzazione di un accesso pubblico alla Riserva. All’organizzazione dell’evento partecipano, oltre a Robin Hood, il Comitato Cittadino per il XX Municipio, l’associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) e RetaKe Roma.

“Nel corso della manifestazione – dichiara il rappresentante di Robin Hood – verranno illustrate ai cittadini le problematiche e le soluzioni proposte dai Comitati mentre verrà allestita una piccola mostra fotografica per mostrare le situazioni di degrado della Riserva. Sempre nella stessa giornata verrà effettuata una raccoltà di firme per sollecitare le istituzioni ad incontrarsi ed elaborare una fattiva strategia di intervento”.

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. No Guido, il problema non è la vegetazione, ma la chiusura degli accessi con reti e cancelli da parte di privati e condomini, ovvero la mancanza di un accesso pubblico istituzionale

  2. Perdonami Duccio, ma quello che intedevo era aprire l’accesso pubblico istituzionale
    chiuso dalla vegetazione da anni. L’accesso c’e’ !

  3. Di ingressi alla Riserva a Tomba di Nerone ce ne sono ben 2; uno al termine di Via Tomba di Nerone (quello chiuso dal supercondominio) che dà accesso a terreni che secondo una Deliberazione comunale dovevano entrare nel patrimonio del Comune di Roma in quanto frutto di una compensazione edilizia. L’altro coincidente con un sentiero poderale che attraversa terreni di proprietà della FIRC (Fondazione Ricerca sul Cancro). La soluzione pertanto poteva essere trovata dai nostri Amministratori molto rapidamente ma evidentemente non c’è la volontà. E’ per questo motivo che vogliamo manifestare e chiediamo il sostegno dei residenti.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome