Home ATTUALITÀ Che succede a Largo Maresciallo Diaz?

Che succede a Largo Maresciallo Diaz?

Carlo L. ci scrive per segnalarci strani “movimenti” e camper dal dubbio utilizzo fermi nei pressi di Largo Maresciallo Diaz, a pochi metri da Ponte Milvio. “Circa due volte alla settimana – ci racconta – lascio l’auto nei parcheggi vicini all’incrocio tra via Antonino di San Giuliano e Lungotevere Maresciallo Diaz. Sono solo quattro passi a piedi per raggiungere, passando per via De Robilant, il capolinea del 233. Alla sera la strada inversa”.

 “La settimana scorsa – continua Carlo – per due volte ho visto un paio di ragazze, se pur non tradite dal vestiario, cercare – anche con richiami a gran voce, nel loro accento dell’est Europa – di ottenere un passaggio, dal chiaro obiettivo, alle auto in transito su via di San Giuliano. Loro stavano all’incrocio tra questa strada e via de Robilant. Il tutto tra le 18 e le 19.”

 “Questa mattina sono comparsi due camper vetusti in sosta nei parcheggi di cui parlavo nell’incipit: per carità, magari son turisti di passaggio a Roma, ma viste certe cose nei giorni precedenti, si può essere portati facilmente a pensare altro. Cinque minuti più avanti, in via De Robilant, sul lato sinistro, altro vetusto camper, malconcio, con i vetri chiusi del giornale, mi sembra senza targa”.

” Può essere di un residente – prova ad ipotizzare Carlo – che lo sta restaurando per la prossima primavera-estate, ma di nuovo il primo pensiero è quello: alcove mobili, come sorgono – anche alla luce del sole – nella zona dei Campi Sportivi”.

“Ecco, in questi avvenimenti che vi segnalo, vorrei sbagliarmi a leggere i primi germi di quella che, se non bloccati subito, potrebbe diventare una nuova ondata di degrado di cui non si sente il bisogno”.
“Possiamo fare qualcosa?” si chiede Carlo formulando una proposta: “Nel frattempo mi permetto di suggerire di aprire una discussione ad hoc sul vostro quotidiano sperando di raccogliere altre segnalazioni, testimonianze, ecc. Non mi sembra di essere l’unico a passare da quelle parti.”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome