Home ATTUALITÀ Ponte Milvio: in via Riano arriva il doppio senso

Ponte Milvio: in via Riano arriva il doppio senso

Nei pressi di Ponte Milvio, in via Riano, dove ha sede il mercato rionale ed il centro commerciale, oggi di fatto vuoto, sono in corso gli ultimi preparativi per l’introduzione del doppio senso di marcia, che entrerà in vigore nei prossimi giorni. Ecco come cambierà la viabilità locale, ne diamo notizia in anteprima.

“La decisione – ci dice Antonio Scipione, consigliere PdL del XX Municipio delegato alle politiche della mobilità – fu presa dal Consiglio del XX Municipio nella seduta di lunedì 11 ottobre 2010 raccogliendo un’istanza della società PPM Srl, proprietaria dell’immobile del centro commerciale, e della Cooperativa Operatori Mercato di Ponte Milvio, ambedue convinti che la rivitalizzazione del sito fosse strettamente legata ad una modifica della viabilità con l’obiettivo di consentire alle migliaia di potenziali clienti di Roma Nord una migliore fruizione del centro commerciale.”

Ottenuto il nulla osta vincolante del VII Dipartimento del Comune di Roma, cui spettava l’ultima parola, negli ultimi tempi sono iniziati i lavori “le cui spese – sottolinea Scipione – sono state sostenute dalla proprietà del complesso”.

Ma di quali lavori si tratta e come cambierà la viabilità? Vediamolo in dettaglio.

Allargamento della carreggiata di via Riano, sulla quale verrà introdotto il divieto di sosta su ambo i lati per consentire lo scorrimento del traffico nei due sensi di marcia;

Realizzazione di un parcheggio a raso sulla laterale interna di viale Tor di Quinto per recuperare i circa 20 posti auto persi a via Riano;

Restringimento della corsia laterale di viale Tor di Quinto e realizzazione di una corsia “di accumulo” sulla carreggiata principale che consenta, a chi proviene da Ponte Milvio, di svoltare a sinistra ed entrare a via Riano;

Spostamento verso est del varco di accesso alla corsia interna di viale Tor di Quinto.

 mappa via Riano – Viale Tor di Quinto

 

mappa via Riano

 

A quando l’avvio del doppio senso?

“Manca pochissimo – ci dichiara Gianni Giacomini, presidente del XX Municipio – ancora qualche giorno per le ultime formalità e amministrative e poi sarà mia cura darne ufficialmente l’annuncio”.

Novità nella novità: arriva Trony

VignaClaraBlog.it lo aveva già anticipato nell’articolo del 10 marzo scorso (leggi qui). Un intero piano del centro commerciale che da circa dodici mesi giace in abbandono dopo la chiusura, in soli due anni, dei circa 40 negozi, sarà occupato dalla catena di distribuzione Trony. Grandi striscioni già lo annunciano, come visibile in una delle foto qui pubblicate.
Su questo arrivo contano molto gli operatori del mercato al piano terra, la speranza è che la presenza di Trony rivitalizzi il moribondo palazzone rosso.

Saranno dunque il doppio senso e l’arrivo di Trony a far risorgere il centro commerciale di Ponte Milvio, in agonia da tanto, troppo tempo?

Fabrizio Azzali

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

21 COMMENTI

  1. La nuova viabilità non farà cambiare idea alle migliaia (Cosa? Quanti?) di potenziali clienti… per un centro mal progettato e peggio gestito la viabilità circostante è solo una goccia nel mare. Prima di studiare nuove soluzioni si dovrebbe almeno provare ad applicare quelle esistenti, ad esempio il rispetto del divieto di fermata su via Flaminia direzione Corso Francia.

  2. dovevano mettere qualcosa come mediaworld. Fnac. trony fa schifo non ha alcun richiamo, è una catena di schifo.

    se gli operatori contano molto su questo arrivo per sbloccare la situazione..beh.. penso siano degli illusi.

    vediamo il doppio senso di marcia se può dare una mano. chissà che non fosse una condizione sospensiva apposta sul contratto di trony.

  3. .. se ci avessero messo lo Sportello Anagrafico del Municipio ci sarebbero state decine di migliaia di abitanti dei quartieri limitrofi, ben felici di andare lì piuttosto che imbarcarsi in un assurdo viaggio alla volta di Prima Porta, ecc. Un bel movimento di persone che, come è noto, è una delle condizioni fondamentali per assicurare lo sviluppo di attività commerciali…

  4. Parole sante, Prof. Paolo.
    Ma l’idea è troppo “logica” e semplice per sperare che il XX municipio la prenda in considerazione.

  5. Egregi signori, mi permetto segnalarvi che in questa occasione state prendendo un piccolo granchio. Dobbiamo dare a Cesare quello che è di Cesare: non per difenderlo, ma se non ricordo male qualche mese fa il presidente del municipio 20 ha annunciato proprio su questo sito che fra settembre-ottobre avrebbe aperto un ufficio anagrafico nel centro commerciale e che i lavori erano già a buon punto.
    Diamogli tempo, il tempo è galantuomo.

  6. Gentile Urbano, mai come questa volta spero di aver preso un granchio. Francamente non ricordavo questo annuncio (il mio cervello ormai rifiuta di sprecare memoria con le promesse di Giacomini… ha una sorta di firewall che le fa rimbalzare…). Mi fido invece di quanto lei dice. Quindi mi armo di pazienza e ottimismo. Stiamo a vedere. Certo, settembre è già passato…
    Saluti

  7. Anch’io spero che il Prof. Paolo e quindi anche io abbiamo preso un granchio. Vero è che si è detto tra setttembre e ottobre e ottobre eccolo e non se ne parla proprio. Mentre per fare i lavori per il doppio senso e resto pronti via…

  8. Basta con i centri commerciali! Le persone non hanno soldi ma chiedono servizi quindi ben venga la sede del Municipio. In questo quartiere esiste una biblioteca? Per poter prendere in prestito un libro dobbiamo rincorrere “Bibliobus” siamo a Roma o in un paese sottosviluppato? Che ci facciamo con un doppio senso se la struttura non ci interessa?

  9. settembre, ottobre e poi novembre e dicembre e viene Natale. Ma siete tutti contenti della sede ASL o sarebbe meglio prevedere un’altra struttura? Perché non considerare la “convivenza” ASL e servizi anagrafici tutti in locali migliori di quelli attuali ?

  10. Grosso errore realizzare una struttura del genere per accogliere un mercato rionale, gli spazi interni sono angusti e non hanno il fascino che caratterizzano quelli all’aperto, anche se in effetti la situazione precedente era antiigenica.
    Una buona realizzazione mi sembra quella di viale Paioli angolo viale della Moschea.
    Buona soluzione sarebbe l’acquisizione a strutture pubbliche, come il trasferimento della ASL.

  11. Di certo un ufficio anagrafico sarebbe utilissimo così come un ufficio postale più grande… Concordo sull’incompatibilita della presenza del mercato rionale e la Asl per questioni igienico sanitarie. Penso oltremodo che non sua sufficiente la viabilità in entrambi i sensi, ma sia necessaria la fermata dell’autobus perché nn tutti possiedono la macchina e hanno la facilita con i pesi delle buste della spesa a raggiungere quella situata a via tor di quinto. In più il mercato dovrebbe fornire un servizio di carrelli fino al parcheggio interrato, per garantire a tutti un facile trasporto dei propri acquisti

  12. Trony aprirà sui due piani del centro commerciale, sarà un negozio di elettronica più grande d’Italia, e dovrebbe aprire anche uno sportello de XX municipio all’interno del mercato.

  13. @ sig. Ettore : vorrei che il sig. Ettore – autore del primo post – avesse la coerenza di andare in giro con un cartello che lo possa identificare per bene il giorno in cui andrà a comprare un tv od una lavatrice in sottocosto approfittando delle offerte della “schifosa” catena Trony. Non sono un “fan” dell’elettronica massiva e credo altresì che altre strutture di maggior pubblica utilità sarebbero state una soluzione migliore per rispondere alla richiesta di servizi da parte dei cittadini, ma approcciare in questo modo lo trovo ipocrita e poco coerente. A regola di questa affermazione praticamente nessuno di coloro che stanno commentando la notizia in questione dovrebbero visitare il nuovo negozio – e infatti mi aspetto commenti successivi al mio del tipo “non ci metterò mai piede!” – ma una “passeggiatina” a vedere com’è ce la faranno tutti.
    Saluti a tutti.

  14. confermo lo sportello all’interno del centro commerciale(ci sto lavorando),per quanto riguarda la catena trony(ci tengo a precisare che non è la mia preferita),credo stia realizzando veramente un gran bel negozio!! speriamo adesso che facciano anche dei prezzi interessanti!!! mi serve un impianto surround bose ahahah

  15. Tutte le cose dette sono più o meno giuste, una cosa non detta è che, tutto quello costruito, è stato costruito con semplici autorizzazioni comunali:
    1-aumento di cubatura in corso d’opera fuori dal progetto iniziale
    2-il ristorante di vetro non era nel progetto iniziale
    3- il piccolo fiume presente nel terreno è stato convogliato in una tubatura
    4- altre mille cose non regolari (carte alla mano)
    5-ed ultima, quando è stato fatto l’asfalto per il cambio di viabilità della strada di via Riano, hanno asfaltato e chiuso anche i tombini di scolo per l’acqua.
    Risultato quando piove si allagano i palazzi, le officine, il negozio di acqua e sapone e il supermercato. Vorrei sapere a fronte di quale motivazione,è stato concesso tutto questo?

  16. Simone, mi dispiace davvero, ma quando si tratta di elettronica compro tutto online, mi creda, risparmio tempo e anche denaro. non vuole essere ipocrisia, davvero non ci metterò mai piede 🙂 libero di non credermi.

    quando voglio fare una passeggiata a vedere i prodotti di solito vado da mediaworld a porta di roma, e di sicuro questo trony a ponte milvio non mi farà cambiare idea.

  17. Da ieri è attivo il doppio senso di marcia, i vigili hanno fatto togliere le automobili parcheggiate e si sono messi su viale Tor di Quinto, quando da via Flaminia le auto continuavano a imboccare contromano, vista l’abitudine e la segnaletica non troppo evidente.

    Stamattina c’erano tutte le macchine parcheggiate e ho visto gente prendersela con uno scooter che percorreva la strada nel nuovo senso di marcia (lui gentilmente ha spiegato la novità a chi lo insultava). Nessun vigile presente.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome