Home ATTUALITÀ Alemanno: il terzo Patto per Roma sicura sarà firmato entro ottobre

Alemanno: il terzo Patto per Roma sicura sarà firmato entro ottobre

A valle dell’ultimo episodio di criminalità accaduto nella Capitale lunedì 29 agosto, quando in piazza dei Quiriti due rapinatori, per scippare una borsetta contenente una manciata di euro, hanno sbattuto una donna a terra causandole la frattura dell’osso parietale (leggi qui) oggi il sindaco Alemanno annuncia che venerdì prossimo incontrerà il ministro Maroni e gli chiederà di intervenire in tre direttrici per incrementare il livello di sicurezza nella città.

“Innanzitutto – spiega il sindaco sul suo blog – la questione dell’organico: le forze di polizia qui a Roma sono sottoposte ad un grande sforzo per la questione irrisolta delle scorte e anche per quanto riguarda le numerose manifestazioni che si svolgeranno quest’autunno. Bisogna fare in mondo che Roma non si trovi depotenziata.”

“Il secondo discorso riguarda il contrasto dell’infiltrazione della criminalità organizzata nel settore economico: bisogna creare un forte coordinamento e fare in modo che il sequestro degli immobili acquistati dalla mafia avvenga in modi più rapidi ed incisivi.”

“Il terzo discorso – continua il sindaco – è quello relativo all’aumento della tendenza alla violenza delle bande giovanili. Ci vuole più controllo del territorio, serve una mappa dei presidi e dei rischi, per capire dove ci sono aree, persone o gruppi con una tendenza alla violenza e contrastare il bullismo, la violenza e la criminalità. Su questo bisogna avere una strategia precisa.”

“Ogni cosa sarà condensata nel terzo Patto per Roma sicura – annuncia Alemanno – che verrà firmato entro ottobre. Noi vogliamo sottolineare, però, che non ci troviamo di fronte ad un’emergenza conclamata: Roma è nella media degli altri anni, anche in termini di omicidi (a parte il 2010) e sta nettamente sotto alla media nazionale e a quella europea. Non bisogna fare speculazioni o polemiche sulla città di Roma – conclude il sindaco – perché la nostra città per molti aspetti è sotto la media.”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome