Home ARTE E CULTURA La Farnesina si mette in mostra all’Ara Pacis

La Farnesina si mette in mostra all’Ara Pacis

Al via “Il Palazzo della Farnesina e le sue Collezioni”, una mostra speciale che si tiene dal 20 maggio al 3 luglio presso il Museo dell’Ara Pacis e nella quale vengono esposte le opere d’arte appartenenti alla Collezione Farnesina e le installazioni della Collezione Farnesina Design che, per la prima volta in assoluto, escono dall’edificio che dal 1959 ospita il Ministero degli Affari Esteri.

“Non e’ una mostra sulla Farnesina, ma è la Farnesina che si mette in mostra”. Così il ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha sintetizzato il significato della mostra intervenendo all’inaugurazione alla presenza del sindaco Gianni Alemanno

La mostra

Si tratta dunque di un’occasione unica per scoprire gli aspetti più inusuali della Farnesina, come la storia dell’edificio analizzata sia negli aspetti più propriamente architettonici sia nella decorazione interna e nelle raccolte d’arte acquisite nel tempo. Il Palazzo ospita due importanti collezioni, una di Arte Contemporanea e una di Design. Una selezione di circa cento opere saranno esposte al Museo dell’Ara Pacis con l’intenzione di “aprire una finestra” sulle raccolte.

Le opere contemporanee furono inizialmente acquisite a seguito di un concorso pubblico negli anni sessanta finché nel 2000, sotto l’impulso dell’allora Segretario Generale della Farnesina ambasciatore Umberto Vattani, si è deciso di istituire la Collezione Farnesina che oggi conta circa trecento opere dei più grandi artisti italiani dell’ultimo secolo. Di questa collezione, in mostra al Museo dell’Ara Pacis, ci saranno 58 opere tra quadri e sculture di famosissimi artisti.

La Collezione Farnesina Design è stata istituita nel 2008 al fine di sostenere la creatività e la capacità imprenditoriale italiana in questo settore. In mostra al Museo dell’Ara Pacis si troveranno 23 progetti di Ad hoc, Artemide, Bernini, Bosa, Cerruti Baleri, Domodinamica, Ducati, Fratelli Guzzini, Giovannetti, Ifi, Iguzzini, Knoll, Loccioni, Matteo Grassi, Metalco, Pininfarina, Progetti, Revolution, Richard Ginori, Rondine Motor, Stone Italiana, Venini e Voltolina.

La mostra sarà l’occasione anche per ammirare fotografie del Palazzo, in parte materiale storico – anche inedito – fornito dall’Istituto Centrale del Catalogo e della Documentazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dall’archivio Del Debbio, in parte scatti recenti del fotografo Vitaliano Lopez.

Il Palazzo, che è stato progettato dagli architetti Enrico Del Debbio, Arnaldo Foschini e Vittorio Ballio Morpurgo e decorato dai maggiori artisti del periodo come Amerigo Tot, Francesco Coccia, Alberto Paolo Bevilacqua e altri, è oggi oggetto di attenzione da parte della comunità scientifica e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali che, riconoscendogli una importante valenza storico artistica, lo ha “vincolato” attivando al tempo stesso una serie di studi e ricerche volte alla tutela e alla conservazione.

Saranno inoltre proiettati, per tutta la durata dell’esposizione, due filmati: “La Terza Roma” realizzato per la RAI da Philippe Daverio e un contributo sulla storia e sull’arte del Ventennio tratto dalla videoteca dell’Istituto Luce e montato con foto dell’Archivio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Informazioni

Orario
Dal 20 maggio al 3 luglio 2011 dal martedì alla domenica ore 9.00 -19.00. La biglietteria chiude alle ore 18.00. Chiuso il lunedì

Biglietto d’ingresso
€ 9.00 intero – € 7.00 ridotto
Per i cittadini residenti nel Comune di Roma (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza): € 8.00 intero – € 6.00 ridotto
Ingresso ridotto con il biglietto del parcheggio di Villa Borghese

Informazioni
060608 tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00 oppure www.arapacis.it

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome