Home AMBIENTE Cesano – Salva Radio Vaticana, la Cassazione conferma il diritto dei cittadini...

Cesano – Salva Radio Vaticana, la Cassazione conferma il diritto dei cittadini al risarcimento

Radio Vaticana salvata dalla prescrizione. E’ il risultato della sentenza della IV Sezione penale della Cassazione che ha confermato la prescrizione per la condanna a 10 giorni di reclusione nei confronti del cardinale Roberto Tucci in relazione all’elettrosmog prodotto dalle emissioni della Radio Vaticana ai danni degli abitanti di Cesano a favore dei quali, però, la Suprema corte ha confermato il diritto al risarcimento dei danni patiti.

La notizia giunge da RaiNews24 in un lancio di questa sera, giovedì 24 febbraio, dopo le ore di attesa che hanno fatto seguito all’udienza di questa mattina durante la quale il sostituto procuratore Mazzotta  aveva chiesto la conferma della prescrizione e l’annullamento del risarcimento danni ai cittadini di Cesano.

Non accogliendo la richiesta del procuratore Mazzotta la Cassazione mette dunque la parola fine al caso di Radio Vaticana, iniziato alla fine degli anni Novanta, confermando quindi il diritto al risarcimento per i cittadini di Cesano colpiti dalle emissioni nocive di onde elettromagnetiche provenienti dai ripetitori poco distanti di Santa Maria di Galeria. Sarà ora la Corte d’Appello di Roma a determinare l’entità del risarcimento

“E’ una grande vittoria: finalmente giustizia è fatta e gli abitanti di Cesano potranno ottenere i giusti risarcimenti”. Cosi’ il presidente del Codacons, l’avvocato Carlo Rienzi, ha commentato a caldo la decisione della Cassazione.

L’intera vicenda nei precedenti articoli di VignaClaraBlog.it: clicca qui

.

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. Un grande risultato frutto anche, e soprattutto, di battaglie quotidiae condotte dai cittadini di Cesano, dal Comitato Bambini Senza Onde e dai Comitati di Roma Nord; i quali, anche questa mattina, hanno realizzato un flash mob davanti al Palazzo di Giustizia, dove poi è stata confermata la sentenza della IV Sezione penale della Cassazione.

    Daniele Torquati
    Capogruppo PD Municipio Roma XX
    danieletorquati@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome