Home AMBIENTE Università Agraria di Cesano, dove il contatto diretto fra uomo e la...

Università Agraria di Cesano, dove il contatto diretto fra uomo e la terra è ancora di casa

Forse sono in pochi a saperlo ma a nord della Capitale si trovano le uniche Università Agrarie del Comune di Roma, quella di Cesano e di Isola Farnese. E proprio pochi giorni fa, a Cesano, ha avuto luogo la riapertura del frantoio dell’Università Agraria per la stagione 2010. Una vitale realtà del nostro territorio che VignaClaraBlog.it ha visitato per voi.

Lo stabilimento costruito nel 2003 è uno degli immobili della proprietà collettiva fondata nel 1904 e che ha sede ufficiale a Cesano Borgo. A presiederla non è un Preside, bensì’ un Presidente. Le Università Agrarie infatti non funzionano come dei veri e propri atenei.

Si tratta di enti pubblici destinati all’amministrazione di beni di uso civico. Per uso civico s’intende un insieme di diritti appartenenti a una comunità specifica esercitati su un terreno al fine di ricavarne vantaggi utili ai bisogni e al sostentamento della comunità stessa. In passato infatti i terreni che costituivano la campagna romana erano di prorietà di famiglie nobili che cedevano un quarto del raccolto ai contadini che vi lavoravano. Col tempo le famiglie contadine si unirono in collettività (“universitas”, appunto) che vennero poi ufficializzate con Regio Decreto del 1827 col nome di Università Agrarie. Quella di Cesano è stata fondata nel 1904 con l’acquisto dei territori della famiglia Chigi.

[GALLERY=1092]

I terreni che costituiscono oggi l’Università sono, oltre allo stabilimento che ospita il frantoio, il campo sportivo adibito a maneggio e il grande Casale affittato a una società ristoratrice, entrambi situati lungo gli ulivi che percorrono Via Colle Febbraro. A questi si aggiungono gli immobili della sede ufficiale e soprattutto i 70 ettari di terreno alle porte di Cesano, lungo lo svincolo della Cassia bis. Originariamente i possedimenti erano molto più consistenti, infatti fino agli anni ’50 l’Università possedeva altri 500 ettari che poi vennero espropriati per la costruzione della Caserma di Cesano Borgo.

Le attività dell’Università Agraria vanno oggi dalla produzione dell’olio d’oliva a corsi di formazione per la potatura e l’innesto fino ai corsi per il rilascio del patentino per la raccolta dei funghi. Attività che si inseriscono in un più ampio disegno per riavvicinare la realtà agraria agli abitanti di Cesano.

[GALLERY=1093]

“Il nostro obiettivo è proprio questo – spiega a VignaClaraBlog.it l’architetto Alessandro Pioli, Presidente dell’Università – cioè cercare di mantenere quel contatto diretto tra gli abitanti della zona e la terra, con tutto ciò che vi gravita attorno. Anche per questo ci opponiamo al progetto che prevede l’amministrazione diretta da parte della Regione, che porterebbe allo scioglimento dell’ente. Si perderebbe il diritto del cittadino alla gestione diretta del suo patrimonio agricolo, affidandolo a un ente astratto che potrebbe non coglierne appieno le problematiche”.

Ed è proprio questo il punto. “La verità è che non c’è stata continuità temporale tra le generazioni. L’agricoltura oggi è in mano agli extra-comunitari. Se un tempo era il nobile a gestire il latifondo e la plebe a coltivarlo, oggi quella plebe è diventata borghese e si serve di mano d’opera straniera, prevalentemente rumena. I giovani in Italia non hanno più dimistichezza con la terra, perché è una realtà verso la quale non sentono alcun interesse. Per questo noi facciamo il possibile e i corsi di formazione servono anche per questo. Ma è una goccia nell’oceano, il problema sta a monte”.

E queste ultime parole potrebbero indurci a una utile e preziosa riflessione su quanto l’Italia stia velocemente e irrimediabilmente dimenticando le sue antiche tradizioni. Fortunatamente abbiamo ancora realtà come l’Università Agraria di Cesano a tenerle vive.

Adriano Bonanni

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma
Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome