Home AMBIENTE Via Gradoli – Todini (PdL): l’amministrazione e’ al lavoro e replichera’ il...

Via Gradoli – Todini (PdL): l’amministrazione e’ al lavoro e replichera’ il successo ottenuto in via Mastrigli

In relazione al comunicato di Francesco Storace (leggi qui) ecco la replica di Ludovico Todini, membro della commissione Sicurezza del Comune di Roma. “Spiace che il collega Storace non ricordi gli interventi che si stanno operando su via Gradoli, un argomento, questo, sul quale da tempo ci stiamo muovendo. Lo scorso 2 luglio abbiamo affrontato in commissione Sicurezza questa tematica e, proprio in seguito ai lavori condotti, abbiamo riscontrato che non c’e’ alcun immobilismo da parte dell’amministrazione comunale in merito al mancato ottemperamento dell’ordinanza sindacale 129/2007”.

“Abbiamo gia’ scritto all’avvocatura allo scopo di chiedere le procedure di acquisizione di provvedimenti specifici del Tar o, in caso contrario, valutare l’opportunita’ di approntare azioni idonee a sollecitarne l’emanazione, in attesa delle istanze di prelievo – ricorda Todini nel sottolineare  che “inoltre occorre  ancora completare un censimento dei reali abitanti e acquisire dalla Asl di zona la relazione sulle verifiche effettuate proprio per i civici cui Storace fa riferimento. Siamo inoltre in contatto costante con il comitato dei cittadini residenti proprio in quella zona, al fine di continuare a lavorare su soluzioni positive e replicare lo stesso successo che ci ha visti protagonisti nel ripristinare il decoro in via Mastrigli”, conclude Todini.

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Come Comitato che persegue la bonifica amministrativa ed edilizia di Via Gradoli non possiamo che essere grati a tutti coloro che si adoperano per sollecitare la soluzione delle problematiche della strada, siano essi di governo, siano di opposizione.

    Per quanto qui rileva, nella speranza che non ci si imputi di piaggeria trasversale (sarebbe peraltro solo l’ultima delle accuse rivolteci!), vogliamo ringraziare sia l’on. Storace, che per primo ebbe modo di sollecitare il sindaco, sia l’on. Todini con il quale il Comitato ha avuto, successivamente alla sopradetta seduta della Commissione, un sincero e proficuo confronto.

    Con riguardo alle altre figure politiche e (o) istituzionali che si sono fatte paladini, in varia misura, delle istanze dei cittadini di Via Gradoli (con alcune delle quali riteniamo, speriamo senza presunzione, sia sorta stima reciproca e anche una amicizia), li abbiamo ringraziati nelle sedi opportune.

    Quel che è certo è che il Comitato si sforza e si sforzerà di prestare la massima attenzione nel distribuire responsabilità e oneri, da un lato, ed onori dall’altro.
    Ciò anche alla luce di recenti comunicazioni dalle quali emerge chiaramente la non interferenza di terzi soggetti nel degrado tutt’ora presente nella via (ma questa è un’altra storia).

    Colgo l’occasione per ringraziare anche la redazione di Vignaclarablog.it, sempre pronta a dare rilievo alle attività del Comitato e per inviare, anche a tutti i suoi lettori, i miei più sinceri e cordiali saluti.

  2. Todini, forse sarebbe piu’ opportuno aggiungere un bell'”iniziare” a quel “ripristinare il decoro di via Mastrigli” perche’ se è vero che lo sgombero della palazzina B è effettivamente avvenuto – e di questo noi residenti plaudiamo – è anche vero che la situazione di degrado in cui versa la via è ben lontana dall’esser risolta. Il residence è ancora li’, idem il parcheggio/discarica.

  3. Vorrei porgere una semplice domanda alla redazione di VCB e a tutti i gentili lettori:
    cosa ne sarebbe ancora della vicenda di via Gradoli,una volta spenti i riflettori sullo scandalo Marrazzo e contorni di vari “suicidi-omicidi”, senza l’attenzione continua della suddetta redazione e di tutti gli altri organi di informazione, sia a livello locale che nazionale ?
    Domanda retorica, vi chiederete ? Credo proprio di sì. Conoscendo la consuetudine comune per cui la P.A. si attiva solo quando è costantemente sotto tiro dell’informazione e la magistratura inquirente intervine dopo i servizi di “Striscia” o delle “Iene”.
    Emblematico al riguardo è quanto accaduto nei giorni scorsi circa la cronica situazione della stazione Termini: martedì 10 Fabrizio Peronaci sul Corriere della Sera descriveva il degrado generalizzato e variegato di P,za dei Cinquecento e vie limitrofe.Tutta l’area ridotta a casbah maleodorante per i numerosi luoghi eletti a defecatoio e urinatoio dall’umanità dei disperati che gravitano nella zona; il suk invadente ha raggiumto le dimensioni di quelli del sub-continente indiano; tassisti abusivi altrettanto invadenti; posteggiatori, anch’essi abusivi, minacciosi e aggressivi; spacciatori stanziali e non certo abusivi e molto altro ancora.
    Tutte realtà a tutti da sempre note………eppure il giorno seguente ecco il blitz delle forze dell’ordine con la solita operazione di facciata e ieri si è replicato all’Esquilino con una maxi operazione dei Carabinieri.
    Certo i giornalisti, in modo paricolare quelli pigri, vanno seguiti, precisamente “informati “e adeguatamente “stimolati”.
    A buon intenditore………
    Al riguardo ritengo che il Comitato, pur nella sua breve storia, sia atato nolto efficace e attendibile.
    E non dicano ” chi si loda si sbroda ” !
    Anche a ferragosto siamo presenti : nel ’68 si diceva ” la rivoluzione non va in vacanza”.

    Lucio Maria

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome