Home ATTUALITÀ Si terrà a Ponte Milvio lo Street Party di Adidas Original

Si terrà a Ponte Milvio lo Street Party di Adidas Original

streetpartyadidas.jpgUna corposa operazione commerciale di guerrilla marketing della Adidas, accompagnata dai tam-tam su facebook, ha tenuto in sospeso la curiosità dei giovanissimi romani per oltre due settimane. Ma l’arcano è oggi svelato: sarà a Ponte Milvio, venerdì 30 aprile alle 21, lo Street party di Adidas Original, il marchio lifestyle di Adidas, con musica live de i Lost, un gruppo che va per la maggiore.

Da tempo una pagina facebook chiamata “adidas street party” chiedeva di aderire ad una raccolta di firme presso uno dei due punti di vendita romani; in cambio della firma si otteneva l’ambito invito a partecipare al primo street party della capitale. Ma per sapere dove occorreva prima firmare.
Ed a cosa serviva la firma? Sempre su facebook ancora oggi si può leggere: “Abbiamo scommesso con il Comune di Roma che se raccoglieremo almeno 500 firme renderemo la città più originale, creativa e colorata. Firma il book che trovi in store e aiutaci a vincere la scommessa!”

clicca per ingrandireE da oggi non è più un segreto. Ponte Milvio è il luogo che è stato prescelto per questo tipo di manifestazione, molto in voga nei paesi anglosassoni. Allo Street Party di Adidas Original suoneranno dunque i Lost, la rock band italiana tra le piu’ amate dal pubblico giovanile che proprio in questi giorni sta lanciando il suo nuovo album “Allora sia buon viaggio” edito da Carosello Records. L’evento si terrà sotto il patrocinio dell’assessorato alle politiche culturali del Comune di Roma e dell’assessorato alla cultura e sport del XX Municipio.
E la scommessa con il Comune? Pare che le 500 firme siano state raccolte, l’Adidas dovrà dunque mantenere l’impegno di creare uno spazio urbano originale e colorato. Dove? Non è dato di saperlo, staremo a vedere il 30 sera.  (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. qualcuno sa dirmi quanto paga la Adidas al Municipio o al Comune per utilizzare a fini commerciali e pubblicitari lo spazio pubblico di Ponte Milvio ?
    grazie

  2. qualcuno sa dirmi cosa c’entra con la Cultura tutto ciò?
    e quanto ci costano questi abili “assessori alla cultura”?

    l’unico modo in cui questa amministrazione riesce a valorizzare un luogo come ponte milvio, sono una penosa sequela di operazioni commerciali, o in alternativa di pagliacciate per vip straccioni, che radunino i mocciani a sbavare dietro qualche transenna.

    nemmeno un Comune al fallimento, un municipio di disperati, ridurrebbe così un pezzo di storia per raggranellare quattro soldi.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome