Home AMBIENTE Via Mastrigli – Antonini (CPI): Il Tar ha respinto il ricorso, via...

Via Mastrigli – Antonini (CPI): Il Tar ha respinto il ricorso, via allo sgombero del residence

“Il 14 aprile il TAR del Lazio ha respinto il ricorso presentato dal proprietario ing.Callarà, ed altre società ad esso collegate, contro l’ordinanza di sgombero del residence di via Mastrigli (clicca qui) emessa dal Sindaco Alemanno”.  Ne dà informazione in una nota Andrea Antonini, consigliere del Gruppo Misto in XX Municipio e coordinatore regionale di Casapound Italia.

“Dopo 27 anni dalla prima interrogazione parlamentare sul residence della vergogna, sembra che la soluzione di uno dei più grandi scandali del territorio sia vicina.Dopo le numerose ed eclatanti proteste di Casapound e la continua pressione del Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti, oltre all’impegno profuso dai tanti politici impegnati nella vicenda – incalza Antonini – il Sindaco ha ridato fiducia nelle istituzioni di prossimità e per questo non possiamo che augurarci che quanto prima si proceda allo sgombero”.

“Ho avuto modo di parlare recentemente con l’Assessore all’ambiente Fabio De Lillo il quale ha riferito di essere prossimo al reperimento delle ingenti risorse economiche necessarie alla bonifica del parcheggio del residence stesso. Così come ho attaccato decisamente la presunta inerzia istituzionale, devo oggi, con franchezza ed onestà – conclude Antonini – ringraziare la nuova Giunta capitolina per il piglio con il quale ha affrontato una vicenda oramai incancrenita”

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. Da parecchio tempo non lasciavo commenti, fra rabbia e impotenza, la sensazione che i furbi la facevano (e al momento continuano a farla) franca, in una realtà come quella in oggetto che conosciamo tutti bene da decenni, sembrava incredibile che nessuno riuscisse a scardinarla. E’ veramente giunta l’ora della giustizia? Me lo auguro ma fino al giorno della bonifica non mi illuderò…la vita mi ha insegnato che i furbi soprattutto se potenti e protetti riescono spesso a non pagare per le loro colpe nonostante le sentenze. Comunque grazie all’impegno civico del Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti, a tutti i politici della XX°, ai ragazzi di Casapound il problema legato allo scandaloso residence di Via Mastrigli sembra giunto veramente a una tappa fondamentale. Non che la rimozione del parcheggio/discarica e lo sgombero di alcuni loculi/appartamenti risolva definitivamente il problema ma sicuramente è il punto di arrivo da cui ripartire per legalizzare una situazione che giustamente Antonini definisce incancrenita.
    Grazie ancora a tutti e anche a vignaclarablog per la fondamentale azione informativa.
    Juan

  2. E’ incoraggiante sapere che anche il TAR abbia riconosciuto la validità della ordinanza di sgombero firmata dal sindaco Alemanno. La ordinanza, ricordiamo, è stata emessa sulla base del lavoro puntuale e certosino fatto da parte della Polizia di Stato, la ASL, la Polizia Municipale del Gruppo XX della Dott.ssa Mileto e dei tecnici del Comune, che ringraziamo vivamente.

    Ci dicono che trascorreranno altri 60 giorni dalla data della notifica agli interessati prima che la ordinanza venga eseguita. La cosa importante è che questa ordinanza non faccia la fine di quelle del 1990 e 1991 che non vennero mai eseguite. Nel frattempo siamo in attesa di vedere in azione le ruspe che portino via il parcheggio illegale realizzato nella riserva dell’Insugherata e fatto su di un multistrato di immondizia e di carcasse di elettrodomestici.

    Sono più di 1000 giorni che abbiamo iniziato questa battaglia contro il degrado e la illegalità sul territorio e siamo orgogliosi di sapere che ora altre decine e decine di cittadini, famiglie e ragazzi abbiano cominciato ad impegnarsi attivamente con il movimento Retake Rome per contrastare l’incuria e per una primavera di impegno e di riscossa.

    Diamoci da fare, rimbocchiamoci le maniche, il meglio deve ancora arrivare.

    Comitato Cittadini Villaggio dei Cronisti
    ccvcronisti@live.it

  3. Gia’ nel 1983 un’interrogazione parlamentare fatta da Emma Bonino e da altri esponenti radicali aveva denunciato la gravissima situazione di via Mastrigli, ma incredibilmente, malgrado la relazione molto dettagliata e precisa, non successe niente.

    Io sinceramente non me la sento di gioire perche’ siamo giunti esattamente allo stesso punto di vent’anni fa, quando un piccolo gruppo di residenti cerco’ di opporsi allo strapotere di Callara’ arrivando ad ottenere persino un ordinanza di sgombero, che tuttavia ahimè non venne mai eseguita.

    Intendiamoci, quanto fatto dal comitato con l’appoggio delle forze politiche “volenterose” e di questo splendido blog è eccezionale, ma siccome la storia spesso si ripete e ripercorre strade già collaudate, non vorrei che queste che stiamo festeggiando si rivelino alla fine vittorie di pirro.

    Ad esempio, perche’ intanto non si procede allo smantellamento del parcheggio/discarica abusivo che non è sottoposto a giudizio del consiglio di stato ?

    Siamo sempre di fronte ad un “prossimo reperimento di risorse”, io per una volta vorrei vedere qualcosa di dannamente concreto.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome