Home AMBIENTE Inaugurato all’Inviolatella Borghese il Parco Pubblico attrezzato

Inaugurato all’Inviolatella Borghese il Parco Pubblico attrezzato

parco.jpgInaugurato oggi ed aperto al pubblico il ‘parco didattico integrato di uso libero e gratuito’ all’Inviolatella Borghese sulla Cassia. Quattro anni di lavoro sono stati necessari per restituire ai cittadini di Roma Nord un prezioso lembo della campagna romana, tredici ettari strappati al degrado, bonificati, riqualificati ed attrezzati a beneficio della comunità locale.

 Situato all’interno del Parco naturale Regionale di Veio, il parco pubblico attrezzato è delimitato a Nord dal complesso di Villa Lauchli, sede della Scuola internazionale Marymount, ad Est da Via Cassia Nuova, a Sud da Via Vilfredo Pareto e ad Ovest da Via Cassia Antica. Allo stesso vi si accede da via di Villa Lauchli, seconda traversa a destra di Via Cassia Antica per chi proviene da Piazza Giuochi Delfici, e si estende per 13 ettari di verde, un grande lembo di campagna ai piedi del quartiere di Vigna Clara.

 [GALLERY=763]

 I lavori di ristrutturazione, progettati dall’architetto Simone Ferretti, sono iniziati nel 2007. Di 353mila  euro è stato l’investimento per la ridefinizione dei margini e degli accessi, per piantare alberi e piante e bonificare l’area dove prima insisteva una discarica abusiva, per la realizzazione di un’area giochi e di un piccolo belvedere, la sistemazione idraulica di un piccolo laghetto e la messa in sicurezza di un casale.

 [GALLERY=764]

 Il progetto finale prevede anche un centro di cultura ecologico, percorsi didattico-botanici per persone diversamente abili ed un’area cani che sorgerà nella prima parte del parco. L’area giochi, molto apprezzata dai bambini presenti, prevede numerose attrezzature distribuite lungo un percorso curvilineo in pozzolana stabilizzata che disegna una serie di aree ove sono disposti i giochi e le masse arbustive e arboree.

[GALLERY=765]

E’ stata una grande festa questa mattina, soprattutto per i comitati di quartiere, in primis il Comitato Cittadino XX Municipio che per anni si é battuto per la salvaguardia e la riqualificazione di questo polmone di verde e di ossigeno alla cui inaugurazione, oltre ai tanti cittadini ed ai rappresentanti del Comitato Rosanna Oliva, Domenico Angelini e Mario Attorre, hanno partecipato l’assessore capitolino all’Ambiente, Fabio De Lillo, il direttore dell’Ente Parco di Veio, Salvatore Codisposti, Vanna Mannucci, vice presidente della sezione romana di Italia Nostra, e, per il XX Municipio, il presidente Gianni Giacomini, gli assessori Giuseppe Molinari e Marco Perina, i consiglieri Francesco Scoppola, Alessandro Sterpa, Federico Targa e Marco Tolli.

[GALLERY=766]

Al termine del breve discorso dell’assessore De Lillo, il presidente del Comitato Cittadino XX Municipio, Domenico Angelini, a nome degli abitanti e delle Associazioni gli ha consegnato una copia del Libro “in Difesa del Parco di Veio”(di Rosanna Oliva e Mario e Fabio Attorre) avanzando formalmente la richiesta che si elabori, a cura dell’Ente Parco di Veio e in collaborazione con le associazioni, un progetto di parco campagna per l’intera ex Tenuta agricola dell’Inviolatella Borghese, che assicuri l’unità della gestione delle parti di proprietà pubblica, affidandole in gestione all’Ente Parco di Veio, secondo lo schema adottato per il Parco della Caffarella e si crei una rete tra i proprietari privati, alcuni dei quali coltivatori diretti, per la valorizzazione delle attività agropastorali tipiche della vecchia campagna romana.

Ma non solo, proponendo che sia esercitato al più presto il diritto di prelazione per i due terreni con accesso rispettivamente da via Cassia Antica e da via Cassia Nuova, di recente offerti in vendita,  Domunico Angelini ha sollecitato all’assessore De Lillo l’ultimazione dei lavori di sistemazione e di messa in sicurezza del parco e la sottoscrizione di un protocollo che regolamenti la gestione dello stesso, compreso l’uso degli impianti sportivi e del parcheggio, mediante l’osservanza delle clausole della concessione-convenzione tra il Comune di Roma e la Marymount International School.

[GALLERY=767]

E’ infatti la scuola Mary Mount che curerà la manutenzione del parco ed è sempre la Mary Mount ad essere proprietaria del parcheggio, oggi ad uso esclusivo dell’istituto, posto a poche decine di metri dal nuovo parco. La necessità di un parcheggio per i frequentatori del parco, ora inesistente, è indubbia e la sua assenza è un vero neo nell’ambito di una realizzazione di questa portata. Lo abbiamo sottolineato all’assessore ai Grandi Parchi del XX Municipio, Giuseppe Molinari, che ci ha dichiarato che si adopererà al più presto per risolvere il problema. (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

31 COMMENTI

  1. Blocco auto per Smog e inaugurazione del Parco attrezzato all’Inviolatella: due notizie solo apparentemente scollegate.Difendere le aree verdi rimaste all’interno della città consolidata impedisce il peggioramento in termini di inquinamento atmosferico e traffico di una situazione già ai limti del collasso permanente, fma purtoppo non ne sono consapevoli coloro che non capiscono perchè un parco regionale , che interessa nove comuni dell’area metropolitana, debba arrivare fino a Vigna Clara.

  2. Dal momento che come tutti sappiamo non ci sono i giochi al parco di Via della Maratona, sono corsa a vedere questo nuovo parco nelle vicinanze. Bella l’iniziativa, bellissima l’ubicazione, belli i giochi solo che con tutta quella sabbia,/ghiaia/pozzolana quando siamo tornati a casa era come se fossimo andati a lavorare in cantiere…. Resterà così o metteranno un tipo di pavimentazione diversa?

  3. Ho visitato ieri il parco è l’ho trovato in condizioni penose. Si capisce che i lavori sono stati fatti in fretta e furia a mero scopo elettorle.
    icino el capanne indiane c’erano fili scoperto e materiali da lavoro. In un angolo addirittura ammucchiati come discarica i resti dei camenti e collanti utilizzati. Anche gli strumenti di lavoro erano alla portata di bambini e ragazzi. Ma insomma possibili che la ragionevolezza sia sparita del tutto.
    Spero che oggi Lunedì abbiamo rimosso quelle assurdità.

  4. Alex , spero che il parco sia provvisto comunque di una comoda panchina sulla quale ripassare al tiepido sole primaverile , la grammatica.
    Italiana.

  5. La maggior parte delle opere viene inaugurata quando i lavori non sono ancora ultimati: è il caso delle ferrovie, autostrade e persino dell’Auditorium e l’Ara Pacis. Si è vero, all’Inviolatella ci sono ancora le macchine per i lavori, mancano i vialetti e le recinzioni sono da sistemare, ma parlare di condizioni pietose mi sembra assurdo.
    Ieri alle 17 sui giochi c’erano almeno 30 bambini e diverse persone correvano sul bellissimo prato; disprezzare una eccellente realizzazione per motivi politici mi sembra ingiusto e puerile.

  6. Da precisare che Fabio De Lillo si è presentato senza neanche scusarsi con sessanta minuti di ritardo peraltro era presente all’inaugurazione il direttore editoriale di VCB che può confermarlo. Da precisare ancora che il parco ci è costato la modica cifra di 350.000 eurii … Da precisare che abbiamo regalato in concessione-convenzione … oltre ai parcheggi con cotanto parco-laghetto ad un Convitto della Roma bene (Marymount) dove è iscritto Manfredi ALEMANNO. ALEMANNO stava per regalare 13 ettari di terreno (non edificabile) sempre del parco di Veio ad un’associazione (ancora non meglio identificata) che avrebbe edificato. Dopo una lunga battaglia le associazioni di quartiere riuscirono ad evitare tale vergognosa trattativa. Nonostante tutto il Direttore del Dipartimento X° appena investito e gratificato della nomina dal De Lillo alias Paolo Giuntarelli ex Direttore di ROMA NATURA che firmò a suo tempo per donare al Papa in cambio di una copia numerata e autografata del Compendio della dottrina sociale della Chiesa un casale appena ristrutturato il cui intervento è costato duemilionidieuro. L’ immobile è situato poco distante dalla sede dell’ Ente … la storica Villa Mazzanti ed è stato consegnato recentemente alla Fondazione Raphael ONLUS. C’è proprio da dire che le vie del SIGNORE sono infinite ….

  7. Se le cose che dice GMT hanno rilevanza penale sarà la Magistratura a stabilirlo e di conseguenza ad intervenire, questo non diminuisce la bellezza e la piacevolezza del Parco dell’ Inviolatella. Ricordo a GMT che in Italia esiste una Legge sulla “privacy” che tutela i cittadini e in modo particolare i minori. Dire che Manfredi Alemanno (che ha 15 anni e con questa questione non c’entra nulla) è iscritto ad una certa scuola viola gravemente tale legge.

  8. Caro G.M.T.
    mi dispiace (e non è la prima volta…) riscontrare nelle tue parole malafede o, perlomeno, DISINFORMAZIONE.
    Le tue “precisazioni sono, pertanto IMPRECISE :

    1) Il figlio di Alemanno non ha MAI frequentato il Marymount in quando alle medie era iscritto al Calasanzio ed adesso al Convitto Nazionale;
    2) La “concessione/convenzione” (STIPULATA DALL’EX SINDACO VELTRONI) non riguarda nè il laghetto nè il parcheggio nè tantomeno l’area giochi, che SONO e SARANNO di fruizione PUBBLICA;
    3) L’importo stanziato (SEMPRE DALL’EX SINDACO VELTRONI) per i lavori mi risulta essere inferiore a quanto da te sostenuto

    “Le vie del Signore saranno infinite”……. ma “la madre degli stolti è sempre incinta”…..

  9. Una prima doverosa e urgente precisazione: la concessione convenzione con la Procura generalizia delle Suore del Sacro Cuore di Maria Vergine Immacolata prevede “la realizzazione di un Parco didattico integrato con l’onere della relativa manutenzione e guardiania , l’apertura giornaliera ,al pubblico , la sorveglianza ….”e la parte dotata delle attrezzature per lo sport, teatro all’aperto e centro biologico sarà utilizzata dalla concessionaria mediante il ricorso a specifiche convenzioni da stipularsi con enti e/o associazioni e scuole pubbliche e private” . Metteremo al più presto sul sito del Comitato Cittadino per il XX Municipio e se lo desidera, su VCB, il testo della concessione convenzione e della delibera comunale n. 29 del 21 febbraio 2007 che l’approva, nella quale è precisato anche che ” la verifica di quanto concordato oltre ai soggetti istituzionalmente preposti sarà allargata ai rappresentanti delle associazioni che storicamente in questi anni si sono battuti per la tutela e la slavaguardia del Parco di Veio, anche al fine di segnalare eventuali incompatibilità delle strutture previste con il carattere di parco naturale regionale nonchè al fine di garantire l’intera fruizione pubblica dell’area. ” L’intenzione è quella di esercitare tale ruolo con la collaborazione di tutti, resa possibile grazie alle informazioni diramate attraverso la meritoria opera di VCB

  10. @ Angela & a quel signore che si nasconde dietro il nick STRIX …

    1) Ho fatto presente che il figlio di Alemanno è iscritto al Convitto Marymount in base a notizie-gossip riportate su un blog di internet;
    2) La concessione del parcheggio è stata ampiamente contestata da VCB mentre la manutenzione del parco sarà a cura del Convitto secondo le recenti dichiarazioni dell’assessore De Lillo (Rete ORO);
    3) L’importo dei lavori (per chi non sa nè leggere né scrivere) è stato riportato nell’articolo soprariportato da VCB in base a documentazione probante e certo non si può mettere in discussione la innata serietà di questo giornale;

    ESTRATTO dell’articolo:
    ” I lavori di ristrutturazione, progettati dall’architetto Simone Ferretti, sono iniziati nel 2007. Di 353mila euro (trecentocinquantatremilaeuro) è stato l’investimento per la ridefinizione dei margini e degli accessi, per piantare alberi e piante e bonificare l’area.”

    Io invece mi chiedo, se la mamma degli stolti è sempre incinta sarà ben stupido anche chi ce la mette no?

    Felice Pasqua a tutti … VCB compresa !

    Giovanni Maria Tamponi

  11. Dimenticavo … della mancata cessione dell’inviolatella e del casale al Vaticano “lor signori” alias Angela & Strix (amici di Alemanno) non ne hanno fatto stranamente alcun cenno ! Ma guarda un pò …. bye bye !

  12. E’ evidente che GMT non ha il senso di quello che dice. Aver fatto presente che esiste una legge sulla privacy e che il figlio quindicenne di un politico NON DEVE essere tirato in ballo (non sapevo che si potesse attingere alle “notizie-gossip” come se fosse Vangelo) mi qualifica come “amico di Alemanno”.
    Non conosco il Signor Alemanno e non mi pare che sia una colpa essere amici di un Sindaco.

  13. Dimenticavo…non mi occupo di politica e non sono politicamente schierato. Non conosco Alemanno ma neppure Veltroni; e non conosco neanche prelati e vescovi (un frate francescano, si). Ho difeso la privacy del figlio di Alemanno come avrei difeso quella del figlio di GMT. Sono andato a vedere il Parco dell’ Inviolatella e l’ho trovato bellissimo: cosa c’è dietro non mi interessa. Addio…………!

  14. Cari lettori,schierarsi politicamente è una scelta che non voglio discutere,ma il signor G.M.T. penso che farebbe meglio ad essere un pochino più obbiettivo ed apprezzare almeno le poche cose che vengono realizzate. Ora non va bene neanche che sia stato creato un parco giochi, capisco non sarà terminato ma quantomeno qualcosa ora si vede.Non vorrei criticare la classe politica, ma le varie giunte che si sono alternate, hanno dilianato sino all’inverosimile il denaro a disposizione.A tal proposito voglio ricordare al caro GMT che prima dell’attuale giunta,a governare le ultime due legislature sono stati i suoi amici e a me non sembra che si siano realizzate grandi opere.
    Forse si!!!! Effettivamente è stato realizzato uno splendido Auditorium, è stata restaurata l’Ara Pacis ecc. (queste sono le splendide opere)
    Scusa GMT effetivamente dobbiamo essere tutti fieri di quanto fatto precedentemente,però ora tranquillizati un pochino e cerca di essere un tantino più obbiettivo, e sopratutto impara a rispettare le opinioni di chi la pensa diversamente da te.
    Ciao a tutti e Buona Pasqua
    Luca

  15. Risposta a Claudia: sicuramente ci saranno percorsi per lo jogging, anzi la ivito a visitare il parco per commentare lo stato dei lavori anche da questo punto di vista. grazie.

  16. Si ricorderanno di mettere anche dei cestini per rifiuti? Non ne ho visto nemmeno uno, non ci voleva un’aquila per pensarci…

  17. @ Luca
    Purtroppo il peggio non è mai morto … dopo RUTELLI, VELTRONI … altra profonda delusione per ALEMANNO, anche se posso tranquillamente dire che sono un caro amico della sorella GABRIELLA (il figlio era nella classe di Luca Maria, mio figlio) nulla toglie però allo spreco incondizionato di denaro PUBBLICO dell’attuale sindaco. A te non pare che 352 mila euro siano una cifra spropositata per i lavori effettuati nel parco e che l’importo stanziato sia passibile di denuncia da parte della Corte dei Conti !?! Non capisco perchè non fai cenno della nomina di Paolo Giuntarelli (ex Direttore di ROMA NATURA) che firmò a suo tempo per donare (soldi NOSTRI!) al Papa un casale appena ristrutturato dove sono stati spesi 2 milioni di euro (soldi NOSTRI !). Il Direttore del X° Dipartimento fresco di nomina, inoltre, invece di tutelare l’alto valore paesistico della zona (via Cortina d’Ampezzo) ha rilasciato recentemente il N.O. per costruire nella RISERVA dell’ INSUGHERATA con il conseguente abbattimento di querce secolari “170 box auto PRIVATI (15 milioni di euro)” nonostante l’opposizione di ITALIA NOSTRA e del nostro Movimento . Inoltre, non capisco perchè non fai cenno della battaglia delle associazioni di quartiere che riuscirono ad evitare la vergognosa trattativa circa la donazione del Sindaco Alemanno alla Fondazione Raphael dei tredici ettari dell’Inviolatella Borghese per edificare in un terreno soggetto a vincoli di tutela ambientale il villaggio degli ercolini. Fortunatamente, in seguito con delibera dirigenziale revocò l’assegnazione poichè considerata illegittima. Per quanto riguarda l’obrobrio dell’ ARA PACIS e l’ubicazione dell’Auditorium sono completamente d’accordo con te e per questo posso rassicurarti che sono decisamente apolitico … non sono schierato, l’attuale politica mi fa schifo … è subdola, meschina, corrotta e distruttiva. Mi sento un pò come gli ideatori di VCB … non amo le ingiustizie e in alcuni casi devo dirti sinceramente che per la rabbia mi parte proprio l’embolo. Ora ti saluto e auguro una felice Pasqua a tutti … anche al Sig. TRIX che continua a mantenere l’anonimato !
    Giovanni Maria Tamponi

  18. Di fronte alle notizie distorte che sono state date a vari livelli, ritengo doveroso fornire i seguenti dati per ristabilire una corretta informazione a tutti.
    La S.r.l. “Immobiliare Cassia ‘87” che fa capo alla società “Acqua Pia Marcia”, controllata dal gruppo del costruttore Caltagirone, avrebbe voluto realizzare un insediamento edilizio di 150.000 mc. nel comprensorio ricadente a cavallo di via Cassia Nuova (da via Cassia Antica a via deu Due Ponti), destinato a sottozona E/1 (espansione edilizia) dal P.R.G. del 1962. Con la deliberazione n. 279 del 23-24 luglio 1991 il Consiglio Comunale ha approvato la cosiddetta “Variante di Salvaguardia” che ha destinato a zona “N” (Verde Pubblico) l’intero comprensorio: il “Comitato Promotore del Parco di Veio”, presieduto all’epoca dal sottoscritto, ha contribuito fortemente a far approvare la suddetta “Variante”, che ha anche cancellato l’edificazione di 5 lottizzazioni ricadenti l’interno del futuro Parco di Veio e dimezzato quelle ricadenti ai suoi bordi (Borghetto S. Carlo, Volusia, Grottarossa e Saxa Rubra).
    Applicando per la 1° volta il principio della “compensazione edificatoria”, al costruttore Caltagirone è stato poi concesso di edificare i 150.000 mc. alla Magliana, a ridosso della futura “Città della Musica” promossa ed ottenuta dal cantante Renato Zero, cedendo gratuitamente in cambio al Comune i ca. 40 ettari dell’Inviolatella, che riguardano anche le aree poste a nord ed a sud di via dell’Inviolatella Borghese: con deliberazioni n. 172 dell’8.11.1999 e n. 2 del 12.1.2000 il Consiglio Comunale di Roma ha conseguentemente approvato la “cessione a titolo gratuito al Comune di Roma di aree del parco dell’Inviolatella”.
    Con delibera n. 135 del 16.3.2005 la Giunta Comunale ha successivamente approvato il progetto definitivo, redatto dal Dipartimento X per la realizzazione del parco dell’Inviolatella Borghese di 113.566 mq. per un importo di spesa di € 353.314,53, ritenuta poi insufficiente: il progetto si articola in 3 aree, la A (tra via Cassia Antica e via di Villa Lauchli), la B1 (a ridosso dell’Istituto Marymount) e la B2 (tra via di Villa Lauchli ed il Fosso dell’Acquatraversa).
    Il 7.4.2006 la Marymount International School (in rappresentanza della Procura Generalizia delle Suore del Sacro Cuore di Maria Vergine Immacolata) ha allora presentato un proprio progetto defintivo di completamento, relativo alla realizazione di un Parco Didattico Integrato che prevede fra l’altro la realizzazione (all’interno dell’area B1) di un campo polivalente in materiale sintetico di mt. 100 x 60 e di un teatro all’aperto in legno che si impegna a realizzare a propria cura e spese (per un investimento complessivo di € 1.423.371,00) in cambio di una sua gestione direttamente legata alle attività didattiche dell’Istituto Marymount.
    Negli anni precedenti l’Istituto scolastico aveva già chiuso al transito, anche pedonale, il proseguimento di via di Villa Lauchli, realizzando nei pressi anche un parcheggio per circa 100 posti auto ad uso esclusivamente privato, impedendo di fatto la possibile fruizione di un parco pubblico esteso anche alla porzione più lunga di via di Villa Lauchli che arriva a sboccare sempre su via Cassa Antica a fianco dell’Istituto “Ancilla Domini”,
    Con deliberazione n. 74 del 9 maggio 2007 il Consiglio Comunale ha approvato il progetto defintivo del Parco Didattico Integrato (in sostituzione di quello redatto dal dipartimento X) e la convenzione-concessione alla Procura Generalizia delle Suore del Sacro Cuore di Maria Vergine Immacolata per la gestione dell’area.
    Oggetto della convenzione é la concessione in uso per 33 anni (con possibilità di rinnovo) alla suddetta Procura Generalizia dell’area di proprietà comunale di 98.373 mq. per la riqualificazione a verde e arredo urbano con l’onere della relativa vigilanza e manutenzione dell’area stessa: il canone di concessione annuo per l’uso dell’intera area (stimato in € 60.0000) non deve essere nemmeno corrisposto al Comune, perché compensato dalla spese di investimento affrontate e dall’onere di vigilanza e manutenzione.
    Nelle premesse della delibera viene espressamente riconosciuto che “la collocazione del plesso scolastico all’interno del Parco crea una integrazione fisica tra le due realtà pressocché imprescindibili” e precisato inoltre che “l’esistenza di una servitù di passaggio a favore della scuola determina una connessione funzionale tra la realizzazione e manutenzione del Parco e l’attività didattica ivi svolta”.
    L’applicazione materiale delle suddette premesse é stata la realizzazione anticipata del campo polivalente di mt. 100 x 60 (soprattutto di calcio e di rugby) e del teatro all’aperto ad uso praticamente esclusivo dell’Istituto Marymount. che di fatto sottrae al godimento pubblico la quasi metà del Parco, lasciando la fruizione soltanto alle aree A e B2.
    A far “benedire” l’approvazione della suddetta convenzione, senza opporsi nettamente e soprattutto senza portarne subito a conoscenza il sottoscritto e comunque le altre associazioni che da sempre si battono per il Parco di Veio, “gestendo” così in proprio la vicenda, hanno effettivamente contribuito il Sig. Mario Attorre (allora come ora attuale Presidente del “Comitato Promotore del Parco di Veio”) e Rosanna Oliva Lupo (membro del Consiglio Direttivo del Comitato Cittadini del XX° Muncipio) che ora tiene a precisare che “la verifica di quanto concordato oltre ai soggetti istituzionalmente preposti sarà allargata ai rappresentanti delle associazioni che storicamente in questi anni si sono battuti per la tutela e la salvaguardia del Parco di Veio, anche al fine di segnalare eventuali incompatibilità delle strutture previste con il carattere di parco naturale regionale nonchè al fine di garantire l’intera fruizione pubblica dell’area”.
    Il passo suddetto fa parte delle premesse della delibera n. 74 del 9 maggio 2007 e non della “della delibera comunale n. 29 del 21 febbraio 2007 che l’approva”, come invece dichiarato da Rosanna Oliva Lupo, che richiama altresì la lettera i) dell’art. 4 della Convenzione secondo cui “la parte dotata delle attrezzature per lo sport, teatro all’aperto e centro biologico sarà utilizzata dalla concessionaria mediante il ricorso a specifiche convenzioni da stipularsi con enti e/o associazioni e scuole pubbliche e private”: faccio presente che il campo di calcio viene attualmente noleggiato alla tariffa oraria di 150 € + IVA.
    Ai fini di una completa informazione va infine detto che della collina dell’Inviolatella Borghese compresa tra via Cassia Nuova e via dei Due Ponti fanno parte anche i 13 ettari confiscati a società collegate con la “Banda della Magliana” che il Sindaco Alemanno aveva assegnato in un 1° tempo alla Fondazione Raphael, per poi incamerarli di nuovo nel patrimonio del Comune, nonché altri 70 e più ettari di proprietà del Demanio che li gestisce attraverso il CRA-Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura, (cosiddetto Istituto di Genetica per la Cerealicoltura).

    Dott. Arch. Rodolfo Bosi
    Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS)

  19. @ G.M.T

    essendo in procinto di trasferirmi in zona Cortina D’Ampezzo sarei interessato a sapere di più riguardo la costruzione di questi nuovi 150 box auto. Quale zona dell’Insugherata verrà coinvolta? Ho votato per Alemanno sindaco ma trovo preoccupanti le concessioni fatte ai palazzinari: hanno iniziato rovinando La Castelluccia, poi la Braccianese, poi il parco di Veio, poi l’Insugherata…….stanno martoriando quel poco di agro-romano rimasto. Inoltre qualcuno è in grado di dirmi se l’accesso all’Insugherata da Via dell’Acqua Traversa è permesso oppure no?? Ci sono cartelli che dicono “proprietà privata divieto di accesso” accanto ad un cartello di “benvenuti nel parco del’Insugherata”.

  20. A proposito delle difficoltà di accesso al’insugherata , magari G.M.T. potrebbe partecipare alla passeggiata dell’undci aprile ,di cui ha dato notizia anche VCB, organizzata da tre Comitati del XX municipio (per info: Alvise 3407193499 Francesco 3384355172 – In caso di pioggia la passeggiata è rimandata al giorno 25 Aprile

  21. Come alcuni hanno già constatato con stupore, dopo l’inaugurazione
    pre-elettorale di sabato 27 marzo, il parco attrezzato dell’Inviolatella, (ingresso Villa Lauchli) è di nuovo inaccessibile.
    Nonostante tutto è possibile una Pasquetta senza traffico nel Parco di Veio,
    in via dell’Inviolatella Borghese(2° traversa a destra della Cassia Nuova vendno da Corso Francia )
    Il Comitato cittadino per il XX Municipio e l’Associazione per la Mobilità Fleming -Vigna Clara invitano lunedì 5 aprile fino al tramonto gli abitanti di
    Vigna Clara, Fleming, via Cortina d’Ampezzo e via San Godenzo
    Nei prossimi giorni i Comitati solleciteranno la riapertura definitiva, che deve includere l’uso del parcheggio anche nei giorni in cui la scuola è chiusa.

  22. Allucinante. a questo punto l’apertura è stata veramente uno spot elettorale!!!!
    Se lo sbarramento della strada è un atto di arbitrio del Marymount, come afferma Italia Nostra, la cosa richiede un intervento immediato del comune. E se il comune non interviene, che si vada a buttare giù tutto a calci. A queste suore affariste gli fa comodo che si mantenga il loro paradiso terrestre in uno pseudo parco di Veio che esiste solo per l’utilità di questi affaristi del vaticano, o dei cittadini??? Un bell’esproprio, ci vorrebbe. Scusate lo sfogo.
    saluti

  23. A proposito di spreco di denaro pubblico penso che sia giusto evidenziare una situazione che sta degenerando non solo per i presunti 100 posti di lavoro a rischio ma soprattutto per sapere che fine faranno le centinaia e centinaia di cani di uno dei canili comunali più importanti d’Italia. Alla Muratella, oltre al mancato pagamento degli stipendi dei lavoratori, si protesta contro l’orientamento dell’amministrazione comunale di non garantire i 119 lavoratori dei canili. Soprattutto sono a rischio il destino di 1200 cani. Il sindaco Alemanno afferma di non avere i fondi necessari. Alloraaa … mi domando e dico …. perchè regalare milioni di eruro (Casale di Roma Natura) al Vaticano !?! Vorrei sapere che interessi ci sono … Per finire dovremmo sentire i cani cosa hanno da dire… ma forse è una fortuna per noi umani che gli animali non possano parlare, in questo caso.

    @ Rosanna
    L’ undici aprile … ci sarò !

    @ Matteo
    Per quanto riguarda le informazioni su il Parcheggio interrato nella Riserva dell’Insugherata di via Cortina d’Ampezzo puoi consultare il link di VCB : https://www.vignaclarablog.it/200903245167/via-cortina-dampezzo-ci-incateneremo-agli-alberi/

  24. Vorrei segnalare che l’attuale fruizione del parco dell’inviolatella ( nuovo parco sotto il Marymount) come percoso di Jogging, allo stato attuale non è pensabile. Il meraviglioso “prato” non è altro che un campo arato con l’erba tagliata. Sfido chiunque a correrci senza rischiare di slogarsi una caviglia o cadere sui rovi . Il laghetto è di una assoluta pericolosità qualora non venga adeguatamente recintato. Infine mi è parso di capire che teatro e campi attrezzati sono di uso esclusivo della scuola mentre, coreggetemi se sbaglio, dovevano essere di uso pubblico. E’ possibile dare pubblictà e trasparenza alle delibere citate con pubblicazione si VCB.
    Infine sarebbe un bell’esempio che chi gestisce la cosa pubblica abbia anche fiducia in questa, mandando figli e congiunti alle scuole pubbliche e ricoverandosi in ospedali pubblici. Sempre a titolo di esempio ricordo, a chi non lo sapesse che la scuola pubblica elementare Vallombrosa, che insiste nello stesso territorio del Calasanzio, non ha neppure i bagni separati per maschi e femmine e complessivamente solo 5 servizi per 100 e più bambin, per non parlare di spazi dedicati ad attività sportive, quali una palestra o dei problemi relativi all’impianto elettrico etc . etc. Meritevole l’iniziativa del parco pubblico, ma forse nell’ordine delle priorità vengono prima le scuole. Prima di correre forse devo imparare a camminare e magari con un paio di scarpe! Grazie Giulia

  25. praticamente la giungla amazzonica…. giulia, hai notato le anaconde? ci sono anche i piranha.
    ma è sufficiente non andarci dentro, e il laghetto non ti ucciderà. è sufficiente non correre nell’erba alta, e non ti slogherai una caviglia.
    magari semplicemente ci si siede e si legge un libro, si gode il sole, l’aria, il verde.
    sempre questa psicosi di recintare, spianare, rendere la natura a prova di idiota, o di bambino deficiente. o meglio di mamma psicopatica.

    lo spazio sicuro per bambini c’è… c’è pure un’orrida recinzione antiscavalco che sale per le colline… finiamola. il parco di veio è campagna, non è villa borghese!!!

  26. Caro Piero,
    se a te non sta bene quanto afferma Giulia, invece di lamentarti quando gli altri esprimono un pensiero diverso dal tuo, è sufficente non andare in aree che non sono di tuo gradimento.Gli spazi ci sono e la campagna per leggere il tuo bel libro lo trovi sicuramente.

    Ciao

  27. veramente l’area è di mio gradimento. era giulia che si lamentava, forse hai capito male.. boh.

    secondo me lamentarsi di uno spazio verde appena aperto non ha senso. bisogna esserne contenti, vista l’aria che tira.

  28. Che fine ha fatto il parco di via Cassia antica sotto il Mary Mount inaugurato in pompa magna prima delle elezioni e chiuso il giorno dopo? Il costo indicato nella delibera riportata su questa rivista era di 359.000 Euro, come sono stati spesi? E’ Vero che sono finiti i fondi? La gestione non era affidata al Mary Mount in cambio del parcheggio e dei campi di calcio? Il parcheggio ed i campi ci sono, ma sono di esclusivo uso della scuola ed il parco è chiuso e abbandonato. Da aprile è stato fatto un piccolo sentiero che lo attraversa e che la vegetazione si sta per rimangiare. Il parco non solo non è oggetto di lavori ma non è manutenuto e versa in stato di abbandono dopo la significativa spesa iniziale. Vogliono i nostri amministratori farci sapere come gestiscono i nostri
    P.S.
    A proposito del parco vorrei ricordare ( anche se con ritardo ma gli eventi mi hanno dato ragione) che si tratta di un parco non di aperta campagna il cui costo è pari a 0, e non è questo il caso visto il significativo impegno economico. Quanto al fatto che fosse necessario attrezzarlo per consentire un minimo di attività sportiva mi pare che fosse previsto, dato che è stata realizzata una pista orai è abbandonata. Non è un concessione o elargizione quella che viene fatta ai cittadini ma è gestione di soldi pubblici di cui gli eletti devono rendere conto.Il parco non è Villa Borghese, ma comunque, visto che è stato chiuso per mancanza dei requisiti di sicurezza è evidente che non può essere classificato come campagna. E non intendo dire meglio che niente! Se quel niente è costato 359.000 euro e non li vale, qualcuno mette in tasca la differenza!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome