Home AMBIENTE Insugherata – Roma Natura incontra cittadini e comitati

Insugherata – Roma Natura incontra cittadini e comitati

Giovedì 18 febbraio il Direttivo di Roma Natura ha incontrato i cittadini e i rappresentanti dei Comitati di quartiere con l’obiettivo di accogliere le loro istanze riguardo la situazione della Riserva Naturale dell’Insugherata. Un incontro importante perchè cementa la collaborazione fra l’Ente ed i cittadini. Per Roma Natura era presente l’intero Consiglio Direttivo, il Direttore Dott. Cresta, una rappresentanza dei Guardia-Parco e i giovani naturalisti della Cooperativa Climax; oltre 50 erano invece le persone in rappresentanza dei residenti e dei Comitati che hanno a cuore i destini della Riserva dell’ Insugherata. La riunione è iniziata alle ore 18 con il saluto del Presidente del Consiglio Direttivo; il Dott. Cresta ha invece ricordato ai presenti come l’Ente si occupi unicamente della gestione delle aree protette senza avere competenza per quanto riguarda gli interventi nelle situazioni di degrado.

 A seguire i 15 interventi dei cittadini, interventi debitamente verbalizzati.
I residenti hanno lamentato le numerose situazioni di degrado che affliggono la Riserva: dagli scarichi fognari agli insediamenti abusivi, dagli accessi sbarrati ai “barbecue domenicali”. Particolarmente grave la denuncia relativa ai fuochi che vengono accesi per recuperare il rame dai cavi elettrici; un cittadino ha documentato i resti di ben 15 focolai.

La Signora Paola Carra ha chiesto informazioni su gli accessi e itinerari che interesseranno il progetto della “Via Francigena”: i guardia-parco hanno risposto che ancora non sono stati individuati.
Il Comitato Robin Hood (anche a nome dei Comitati Cittadini Villaggio dei Cronisti, Cittadini per il XX, Comitato per Via Gradoli), nel suo intervento, ha chiesto di avere una risposta in merito alla convenzione stipulata con la Società Colle Adriano relativa all’ accesso di Via Panattoni e se Roma Natura intende fare propria la Risoluzione approvata dal Consiglio del XX Municipio lo scorso 21 Dicembre (leggi qui).
Le risposte fornite dal Dott. Cresta lasciano ben sperare in quanto il Direttore di Roma Natura ha dichiarato che dovrebbero essere disponibili i fondi per effettuare gli interventi necessari alla riapertura di un accesso; inoltre, sempre rispondendo al Comitato, ha assicurato che la convenzione avrà una maggiore durata (20 anni) e che i lavori dovrebbero presumibilmente avere inizio nel mese di Aprile.

Degno di nota l’intervento di Emanuele Montini, profondo conoscitore della Riserva e delle sue questioni legali: Montini ha sollecitato il Direttivo ad accertare quali siano effettivamente le aree private e quelle invece cedute dagli Enti Pubblici al Comune di Roma. In particolare l’area ex-ENASARCO (zona Tomba di Nerone) che si incunea verso i giardini pubblici. Qualora tale area fosse stata acquisita dal Comune non potrebbe più essere interdetto ai residenti l’accesso alla Riserva (come invece avviene oggi). Una ulteriore questione è stata quella relativa alla servitù di passaggio che l’ACEA vanta nei confronti dei proprietari.

La riunione si è conclusa con l’intervento del Presidente che ha riassunto le questioni verbalizzate e auspicato una sempre più assidua collaborazione tra l’ Ente e i cittadini. L’affollatissima riunione del 18 febbraio rappresenta un evento di particolare importanza sia per le questioni portate dai cittadini all’ attenzione del Consiglio Direttivo sia perché la questione accesso di Via Panattoni sembra essere in dirittura di arrivo.
(di Robin Hood, comitato spontaneo per la tutela dell’Insugherata)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome