Home ATTUALITÀ Banda Larga addio, a Roma come nel resto d’Italia

Banda Larga addio, a Roma come nel resto d’Italia

banda-larga.jpgDopo il taglio dei fondi sulla diffusione della banda larga, attivato da oggi sul sito della Provincia di Roma un appello online rivolto a tutti gli amministratori locali per una raccolta di firme affinché lo Stato italiano riconosca l’accesso a internet grazie alla banda larga come servizio universale. L’appello è stato lanciato dal presidente della Provincia, Nicola Zingaretti, in un articolo pubblicato oggi su La Repubblica: “L’accesso deve essere universale, poiché esserne esclusi significa vivere una nuova forma di disuguaglianza che penalizza, oltre ai cittadini, anche le aziende. Ho trovato triste che il Governo italiano abbia congelato i fondi promessi per portare l’accesso alla Rete in banda larga a tutti i cittadini entro il 2012, mentre un Paese piccolo, ma all’avanguardia, come la Finlandia ha deciso di sancirlo come diritto legale e irrinunciabile”.

“Chiedo di intervenire – continua Zingaretti – ai presidenti di Regione, Provincia, Sindaci: a chiunque sia impegnato nel confronto con i bisogni dei cittadini e delle imprese nella speranza che la nostra richiesta arrivi in Parlamento. E’ arrivato il momento di aprire un’ampia riflessione su questo tema. Non farlo significa limitare l’operatività di aziende, delle persone ma anche dell’amministrazione pubblica. L’uso della Rete consentirebbe di risparmiare tanto denaro pubblico. Si tratta di un tema importante, che inizia con il diritto alla socialità ma passa attraverso la medicina, l’ambiente e si chiude con il rilancio delle imprese, anche di quelle più piccole».

La Provincia di Roma sta realizzando il più imponente progetto in Italia per la diffusione del wi-fi gratuito per numero di abitanti coinvolti (circa 4 milioni di persone), superficie del territorio (5000 kmq) e Comuni interessati (121).

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Sarebbe veramente importante diffondere la banda larga… in Giappone hanno una connessione a 40 euro al mese di 100Mbit di upload e 10 di download… e NON viaggia su fibra ottica… noi stiamo ancora al punto di dover diffondere la classica banda larga! Anzi… addirittura rendiamo piu difficile tale cosa…

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome