Home ATTUALITÀ Roma – militari in divisa viaggeranno gratis sui mezzi pubblici

Roma – militari in divisa viaggeranno gratis sui mezzi pubblici

soldati.jpgPresto a Roma i militari potranno prendere bus e metro gratuitamente. Purchè in divisa, allo scopo di aumentare il senso di sicurezza nei viaggiatori e dare un segnale di presidio ai malintenzionati. “Vedere una divisa su un mezzo pubblico – ha spiegato il sindaco Gianni Alemanno – può essere un deterrente per la criminalità, la micro-criminalità e l’illegalità, è un’immagine che dà sicurezza anche perchè chi indossa una divisa ha il dovere di intervenire se assiste a un reato”.

L’iniziativa, ha spiegato l’assessore ai Trasport, Sergio Marchi “prevede la concessione di 6.667 tessere non nominali ai militari che, se in divisa, potranno viaggiare gratis su autobus, metro, tram e ferrovie concesse della nostra città”, ma non sui mezzi Cotral e quelli di Trenitalia. “Riteniamo – ha aggiunto l’assessore – di fornire un servizio utile anche in chiave di deterrenza dei reati a bordo dei mezzi pubblici”.

Grande la soddisfazione espressa dall’amministratore delegato di Trambus, Adalberto Bertucci, che ha dichiarato: “L’iniziativa promossa dal Comune di Roma e dalle Forze Armate costituisce un ulteriore passo avanti per garantire maggiore sicurezza a bordo dei mezzi pubblici. La presenza delle forze dell’ordine, infatti, costituirà un prezioso deterrente nei confronti di delinquenti e molestatori, consentendo di accrescere la percezione di sicurezza per i passeggeri e il personale di guida”
“Anche Trambus ha avviato numerosi progetti per incrementare la sicurezza sui mezzi pubblici. Oltre allo studio della cabina di guida chiusa – ha aggiunto Bertucci – l’azienda ha promosso anche altre iniziative, come l’installazione delle telecamere a bordo di bus e tram e del pedale sos collegato direttamente con la nostra centrale operativa. In caso di pericolo, il conducente potrà premere il pedale di allarme e segnalare direttamente alla centrale operativa la situazione di emergenza”.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome