Home ATTUALITÀ Via Flaminia – muore scooterista per uno scontro frontale

Via Flaminia – muore scooterista per uno scontro frontale

Alle 14,30 di oggi, in un tragico incidente avvenuto al km 18 di via Flaminia, un uomo di 31 anni a bordo del suo scooter è morto dopo essersi scontrato frontalmente con un’auto. Gli agenti del XX Gruppo di Polizia Municipale hanno dovuto deviare il traffico per alcune ore per effettuare i rilievi che consentiranno di stabilire la dinamica.

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Via Flaminia…strada assassina!!!!!!………..cartelli inesistenti….guad reil divelti da mesi e controlli sulla velocità sporadici……non sò quante persone ci sono già rimaste in quel punto….le piante invadono la corsia e costringono i veicoli ad allargarsi…..brutta storia e purtroppo solito epilogo…

  2. La via Flaminia non è una strada assassina e questo mi pare assodato, sarebbe come dire che il computer non capisce nulla quando siamo alla tastiera… e, in fin dei conti, è assimilabile a tantissime altre strade d’Italia: manto stradale più simile ad un campo di battaglia, segnaletica nulla o confusa, nessuna corsia d’emergenza o piazzole, diffusissime strisce di nafta, carburanti vari ed olii che permangono al centro delle curve ( e chi va per moto sa quanto siano pericolose )…. sono un motociclista che viaggia sulla flaminia e per le strade d’Italia da circa 40 anni e il problema principale a mio parere non è avere controlli a tappeto per evitare che si corra come ad un gran premio ma è l’educazione, in questo caso motociclistica, ormai inesistente. Corro anche io, ma spesso in “trenino” con occasionali incontri mi rendo conto che la percezione dei limiti, delle possibilità di certe velocità, sorpassi azzardati, mancanza di valutazione del manto stradale e della sua “tenuta” o del colore di ciò che corre sotto le ruote sono materia asssolutamente sconosciuta ed ignorata. E non mi meraviglio se, prima o poi, qualcuno si fa male. Certo non è il caso di tutti o del povero motociclista morto in questa occasione ma, forse, rivedere prima la testa delle strade non farebbe male.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome