Home AMBIENTE Area Cani di Via dell’Alpinismo. Un altro pezzo di verde pubblico concesso...

Area Cani di Via dell’Alpinismo. Un altro pezzo di verde pubblico concesso ai privati.

Misteriosi lavori estivi nel giardino di Via dell’AlpinismoIn merito all’occupazione di una parte del giardino dei cani di Via dell’Alpinismo (leggi articolo) riportiamo qui di seguito le evidenze inviateci dall’assessore ai Lavori Pubblici del XX Municipio Stefano Erbaggi che si è notevolmente prodigato per venire a capo della situazione. Aggiornamento del 18 settembre.
– parte del circolo tennis ivi presente era posto su un’area del Comune di Roma e lo stesso circolo non aveva alcuna autorizzazione per quell’area.
– nel 1997 il Comune di Roma chiedeva il rilascio del terreno e il risarcimento danni
– Il sig Meneschincheri chiese l’usucapione ventennale in quanto il circolo del Tennis era in loco dal 1958 senza che il Comune richiedesse, in tempo utile, il rilascio del terreno
– nel 2001 il Giudice competente accoglieva la domanda del Circolo del Tennis
– nel 2002 il Comune fece ricorso contro tale decisione
– nel 2004 la Corte d’Appello emetteva sentenza parziale per l’immediato rilascio e restituzione del terreno e, contemporaneamente, con separata ordinanza rimetteva la causa a ruolo nominando C.T.U.
– nel 2005 con una definizione stragiudiziale della vicenda i proprietari del circolo offrivano di acquisire la porzione di terreno in contenzioso e la definizione delle somme dovute a titolo d’indennità d’occupazione e nel 2006 e 2007 integravano la proposta chiedendo il trasferimento di ulteriori 1037 mq, rinunciando al ricorso in Cassazione proposto in data 24-1-2006 contro la sentenza del 2004.
– il Comune ha accettato considerando la cosa congrua e favorevole
– con delibera n. 37 del 17-3-2008 il Commissario Straordinario del Comune ha deliberato di autorizzare quanto detto sopra
– l’atto di compravendita è del il 23-7-2009
– il 4-8-2009 è stato fatto il verbale di consegna dell’area dal Dipartimento III
– il 5-8-2009 è stato trasmesso.

Fine dichiarazioni Assessore Stefano Erbaggi

Il risultato è che, stando alle carte, il circolo del Tennis sarebbe in regola.

Sulla base delle dichiarazioni fornite dai proprietari del circolo sembra che sull’area acquisita non sia possibile “fare cubatura”. Gli stessi proprietari del Circolo si sono dichiarati disponibili a stipulare una convenzione con il XX Municipio per mettere a disposizione, a costo zero per il Municipio per gli studenti della zona, spazi orari in orario scolastico e non per l’utilizzo dell’impianto.

Dall’altra parte i frequenatatori del parco dei cani di Via dell’Alpinismo sono seriamente dispiaciuti per la sottrazione si un ulteriore spazio di verde pubblico a favore di privati. Il tutto senza una benché minima comunicazione in merito. Riportiamo qui di seguito alcune dichiarazioni dei cittadini.

Un altro pezzo di verde di questo giardino ci viene sottratto. Dopo l’edicola all’angolo di Via dell’Alpinismo altri 1000 metri quadri vengono concessi a privati. E’ ora di finirla. Combatteremo contro questa occupazione con tutte le armi legali a nostra disposizione.

Il fatto che le aree verdi del nostro territorio vengano regalate a privati è lo specchio di come la RES PUBBLICA ed il verde siano tenuti in poco conto. Nel nostro territorio diverse aree verdi sono state concesse a privati. Alcuni esempi? Villa Manzoni ora ambasciata del Kazakistan, l’area del Tevere concessa a Villa Bau per 19 anni, la nuova costruzione di 2 palazzine all’inizio dei Via Cortina d’Ampezzo, il prossimo affidamento del Parco di Tor di Quinto. E’ un segno dell’impotenza dell’amministrazione a gestire e conservare il nostro territorio. Noi vogliamo il verde e non nuove occupazioni di territorio.
NDR: Villa Manzoni fu concessa ai privati dal Comune di Roma nel febbraio del 2003, l’area delle riva del Tevere di Villa Bau è stata concessa dalla Regione Lazio quest’anno.

Come è possibile che l’amministrazione comunale non fosse a conoscenza della situazione e non abbia fatto nulla di concreto per impedirlo. Il fatto che l’assessore Erbaggi abbia dovuto brigare per informarsi per venire a capo della situazione è quantomeno inquietante.

Altri soldi sprecati. Il XX Municipio era finalmente riuscito a completare l’illuminazione del Parco che ora una parte di quella illuminazione dovrà essere eliminata in quanto effettuata nell’area di proprietà del Circolo del Tennis.

Trovo che questa acquisizione sia stata effettuata in modo poco pulito e nella completa mancanza di rispetto dei cittadini. Sono veramente arrabbiata. Tra i proprietari dei cani di questo parco ci sono degli avvocati. Faremo in modo che l’area ci venga restituita.

Un altro pezzo di verde che se ne va. Dove arriveremo?

Visita la nostra pagina di Facebook

18 COMMENTI

  1. Capisco il problema dei cani, ma pensiamo anche al futuro dei nostri figli. Ritengo che le aree sportive nel quartiere siano indispensabili al ritrovo pulito e sano dei giovani. Non dimentichiamo che lo sport e lontano da droghe e delinquenza. Inoltre stiamo parlando di una piccolissima area in confronto alla restante.

  2. Tanto per dare un’idea di quanto siano redditizie queste operazioni – al limite della legalità e sicuramente fuori da ogni decenza e rispetto della cosa pubblica e di beni di quartiere – ricordo che Villa Manzoni – asset pubblico di grandissimo valore storico ed economico – fu venduta per 3 milioni di Euro circa al fondo Carlyle (i texani di Bush&co.) nel 2003 per poi essere rivenduta 15 mesi dopo circa- grazie al Comune di Roma che non esercitò la prelazione – per quasi 6 milioni di Euro all’Ambasciata Kazaka.
    Conclusione: il Comune di Roma ha “aiutato” dei privati (peraltro non italiani) ha fare una plusvlenza di circa 3 milioni di Euro, ovvero un rendimento del 100% su base annua (alla faccia di rendimenti di mercato nell’ordine di 2, 3 max 15%). Ovviamente a rischio zero (parliamo di Comune e ambasciate con garanzie pubbliche e governative) e senza muovere un dito…magari un paio di firme su qualche pezzo di carta dal notaio.
    La motivazione è stata la riduzione del debito pubblico…
    Viva l’Italia!

  3. Il primo fazzoletto di verde ce l’ha espropriato l’edicolante … il secondo LEI … Giuseppe o … chi per LEI ! Consideri che nella nostra zona esistono due punti verdi qualità dove sono stati installati diversi impianti sportivi. La distanza è di appena 500 mt l’uno dall’altro e nessuno … dico nessuno nonostante l’obbligatorietà in base al bando pubblico (!?!) ha rivendicato l’ area ludica dedicata agli animali. Il sottoscritto attraverso una raccolta di migliaia di firme è riuscito a farne realizzare almeno uno, dai costruttori MEZZAROMA, attuali concessionari del P.V.Q. di Via della Mendola. Il vergognoso spazio a NOI concesso è di appena 500 mt (lettiera per gatti), non è attrezzato … e oltretutto fuorilegge poichè posizionato su una pendenza quasi irraggiungibile da persone anziane, domina il circolo AREA ed è rimasto a tutt’oggi una vera e propria discarica. Un saggio consiglio per LEI e per i giovani sportivi : praticate la “Pet Therapy” che non é una panacea ma è utile a risolvere tanti problemi psicologici. Non me ne voglia … ma noi canari siamo piuttosto i******ti! Buona giornata !

  4. @ Giuseppe
    Il verde, lo sport, le attività per i giovani.
    Ma non veniteci a prendere in giro per favore. Qui si tratta di malcostume delle nostre amministrazioni che concedono a privati spazi pubblici. E’ ora di finirla con questa svendita del territorio per fare cassa e per accaparrarsi voti. Ricordo che se anche ancora lontane le Elezioni Regionali sono già iniziate.
    Vedi la cessione dell’arenile a Villa Bau e la prossima concessione del Parco di Tor di Quinto a privati.

    Perché caro Giuseppe non si è indignato quando poco tempo fa è stata chiusa la scuola federale di calcio dell’Acqua Acetosa?

    Per quanto riguarda poi quella che lei definisce “piccolissima area” le rammento che sono ben mille metri quadri. Sa quanto valgono oggi mille metri quadri in questa zona?

  5. Il XX Municipio era finalmente riuscito dopo anni di sollecitazioni a completare l’illuminazione del Parco. Ora una parte di quella illuminazione dovrà essere eliminata. Quanto spreco di denaro pubblico ! Per ultimo, trovo assurdo che in unarea ludica per animali non esista una fontanella per far abbeverare i nostri amici a quattro zampe. Erbaggi ci dia una zampa !

  6. Caro giovanni maria tamponi, condivido l idea dell ampliamento dell area sportiva per i giovani e non solo. Purtroppo,leiinvece suggerisce a chi vuole giocare a tennis di sottoporsi alla pet therapy per problemi psicologici(sue parole) Vuole per caso dire che tutte le persone che amano fare lo sport sono psicopatici! Forse lei si dovrebbe documentare e aumentare la sua conoscenza a livello anche di prevenzione e tutela della salute dell uomo e non pensare solamente ai can, e soprattutto rispetti le nostre sportive esigenze. Le confesso che io ho due da dieci anni e li adoro, ma non li ho portati raramente in quel parco enorme, abbandonato da alberi pericolanti e da cacca dei cani! Le aree sportive…punti verdi qualita…sono in via della mendola, se per lei e vicino per me no e abito in piazza giochi delfici.
    Cari saluti

  7. @ Giuseppe
    Intervengo di nuovo a seguito del suo commento.

    Il parco di Via dell’Alpinismo non è enorme. E’ un piccolo fazzoletto di terra dove circa 50 padroni di cani tra i quali io portiamo quotidianamente i nostri amati compagni a scorrazzare. Il fatto che a lei non piaccia quel giardino non ha alcuna importanza.

    A noi padroni di cani piace e ce lo godiamo quotdianamente anche come luogo di ritrovo e forse come dice lei non è tenuto alla perfezione. Ed è proprio contro l’abbandono delle aree comuni per darle in gestione a privati che ci battiamo.

    Il fatto poi che ci siano pochi impianti sportivi nella nostra zona non corrisponde a verità. Vada sulle rive del Tevere dalle parti di Tor di Quinto e vedrà quanti campi da tennis ci sono. Anzi penso che ci sia una delle maggiori concentrazioni di circoli sportivi di Roma.

  8. caro giovanni, non ho detto che non mi piace il parco dei cani, intendevo dire che potrebbe essere tenuto meglio ma molto meglio. Dato che lei sostiene che tor di quinto sia cosi vicino per portare i nostri figli a praticare lo sport, perche non ci porta il suo cane in quella zona, pensi che bello soprattutto quando e inverno e fa notte presto! Dalle sue affermazioni deduco che non ha le nostre esigenze e magari non ha figli, quindi non potra mai capire l utilita di circolo sportivo a centinaia di metri da casa e comunque in un area alquanto controllata. Provi ad immaginare di mandare un figlio da solo a via due ponti o a tor di quinto.
    Cari saluti

  9. @ Giuseppe

    Forse … anzi … quasi sicuramente nella suo ultimo commento mi ha confuso con il Prof. Vigna … comunque sia … condivido la saggia ed esauriente risposta del professore. Per ultimo, la informo che ho un figlio di 17 anni (moto-sufficiente) che pratica moltissimi sport in vari circoli sportivi e … non solo il tennis.
    Insisto sulla Pet-Therapy … buona giornata !
    G.M.T.

  10. Sig. Giovanni,
    Non intendo piu ripondere a simili messaggi e lascio giudicare ai lettori di questo bel sito i suoi suggerimenti alquanto sconcertanti.
    Cari saluti

  11. Mi dispiace non volevo offenderLa … e non trovo sconcertante praticare la “pet-therapy” … La definizione d’altronde viene tradotta con “terapia con animali domestici da accarezzare”. Di fatto quando accarezzo anch’io i miei cavalier … la pratico … assiduamente ! Piuttosto … con la VOSTRA recinzione non vi siete allargati un pò troppo ! E’ stata sottratta … a mio modesto parere … una parte del corridoio d’ingresso all’ area gioco per i cani. Comunque … ci penserà il NOSTRO Avv. Roberto Colica a verificare … gli abusi. B.giornata !
    G.M.T.

  12. Io non ho cani e non ho figli, ma una cosa la so: è orrendo vedere che qualcuno si arrichisce in questo modo becero a spese della collettività.
    1000mq in quel punto valgono un sacco di soldi.

  13. E dove sono ora i protettori dei cani di Villa Bau?
    Dai vari MAX, Francesca, Gioavanna, Massimone, pat etc che tanto hanno difeso Villa Bau, amanti degli animali e dello spazio a loro dedicato… silenzio assoluto

  14. Avvocatoooo Colicaaaaa … una volta interagivi GRANDIOSAMENTE in questo BLOG … !
    Che fine ha fatto il NOSTRO … ANIMALISTA ?!?
    Giovanni Maria Tamponi

  15. Scusate l’ignoranza in “affari legali” ma da quello che si legge si evince che il Comune aveva vinto la causa in appello, e non solo i Meneschincheri non rilasciano il terreno, ma addirittura ricevono altri 1047 mq. quadrat! E il Comune? Di nuovo, nonostante appunto fosse vincitore del contenzioso , glieli concede perchè considera la cosa ” congrua e favorevole”?. Boh, forse ho perso un passaggio o non ho capito. Qualcuno me la può spiegare meglio?
    .Poi leggo “Gli stessi proprietari del Circolo si sono dichiarati disponibili a stipulare una convenzione con il XX Municipio per mettere a disposizione, a costo zero per il Municipio per gli studenti della zona, spazi orari in orario scolastico e non per l’utilizzo dell’impianto”. Risulta a qualcuno che questo sia successo? Io anni fa ho avuto a che fare con questi signori, quando mio figlio faceva tennis, e non so perchè, ma trovo la cosa alquanto improbabile!

  16. Lucia,

    hai capito benissimo.

    Il Comune, che aveva vinto la causa, ha voluto fare un regalo enorme al signor Meneschincheri (alias giuseppe?):

    non solo il Comune ha rinunciato a riprendersi il proprio spazio, come aveva deciso ilgiudice, ma ha anche “ritenuto conveniente” dare al buon Meneschincheri anche altri 1000 metri quadri di parco in una delle aree più costose di Roma da disboscare e mettere a reddito privato.

    Il Comune è stato stupido? Certo! Ma il Comune è un ente… rappresentato da persone.

    Domandiamoci tutti:

    “Come avrà fatto il signor Meneschincheri a convincere chi nella vicenda rappresentava il Comune ad essere temporaneamente stupido?”

    Sinceramente mi piacerebbe che di questa vicenda piuttosto che avvocati, si occupessero magistrati.

  17. Lucia … Alberto … se esistono i presupposti per una denuncia alla magistratura … vogliamo accordarci e presentarla insieme. Siamo stanchi di questi abusi da parte dei poteri forti. Il mio cellulare è il seguente: 3471009835. FateVi sentire … presto !
    Ciao.
    G.M.T.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome