Home ARTE E CULTURA Malborghetto Roma Festival, semo o nun semo

Malborghetto Roma Festival, semo o nun semo

A conclusione della quarta edizione di Malborghetto Roma Festival, mercoledi 29 luglio alle 21.15, nel teatro delle Cave di Tufo (Via Rianese km 5.800) Nicola Piovani e La Compagnia dell’Ambra presentano “Semo o nun Semo – serata di canzoni romane”. L’ingresso è libero fino a esaurimento dei 1.000 posti numerati che si possono ritirare sul posto a partire dalle 19.30.

“Semo o nun semo – ha dichiarato Nicola Piovani – e’ il titolo di una canzone di Romolo Balzani ed e’ il titolo che abbiamo scelto per queste nostre serate di canzoni classiche romane. E’ noto che la storia della canzone romana e’ una storia minore rispetto a grandi tradizioni come quella napoletana, la cui araldica fa impallidire qualunque concorrenza, italiana e europea. Eppure anche Roma ci ha lasciato qualche serenata, qualche stornello, qualche saltarello che meritano di essere ricordati. Così abbiamo pensato di riunire in una serata alcuni dei pezzi più pregiati che ancora oggi ci appaiono come i canti di Roma più emozionanti, gli stornelli più profumati, insomma “i meglio fichi del bigoncio”. Le abbiamo rispolverate, lucidate e infiocchettate per presentarle in un concertino festoso, col vestito, col colore, con l’arrangiamento che possa di più rendere il loro sapore originale.”

Con questa serata si conclude quindi il Malborghetto Roma Festival 2009 che ha già visto oltre 5.000 spettatori assistere ai 7 spettacoli di teatro e musica delle serate passate. Tantissimi anche i partecipanti alle visite guidate gratuite nell’area archeologica del Parco di Malborghetto grazie alla collaborazione con la Soprintendenza. Un modo di riscoprire il nostro territorio attraverso la cultura, senza dimenticare il sociale, in quanto con lo spettacolo di domani si spera di raggiungere la soglia dei 10.000 euro raccolti per l’associazione So.Spe. di Suor Paola che aiuteranno a costruire la residenza per bambini diversamente abili a Roma in Via de’ Iacovacci.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome