Home ARTE E CULTURA Calcata – Claudia Lodolo, una personale “Senza Senso”

Calcata – Claudia Lodolo, una personale “Senza Senso”

a volte faccio dei quadri senza nessun progetto così come capita..guardo solamente l’equilibrio estetico. Solo quando è finito vedo il significato“. calcata.jpgCalcata è uno dei borghi medievali che caratterizzano il paesaggio rurale della campagna a Nord di Roma. Le sue origini risalgono al X secolo d.c. e tuttora conserva la sua struttura originaria. Arroccata su una rupe tufacea che domina la valle del Treia, dopo un lungo periodo di abbandono negli anni ’60 venne riscoperto da molti artisti che affascinati dai suoi luoghi apportarono una nuova e inaspettata vitalità al paese. In questo contesto, nella galleria di arte contemporanea “Le Tele Tolte”, s’inserisce la personale di Claudia Lodolo, una giovane pittrice le cui creazioni si calano nel filone dell’arte concettuale.

Andare oltre l’immagine figurata e la funzionalità degli oggetti che dismessi e abbandonati recuperano vitalità e nuovi significati : una gabbietta buttata nella claudia.jpgspazzatura diventa un omaggio alla libertà; una scritta”..Non torno più..” appesa alla porticina di questa prigione di ferro racconta l’inizio di una nuova vita, fuori dai quei confini e limiti a cui siamo soggetti. La tela è una superficie scabra, come gl’intonaci di una casa lasciati alle intemperie, senza cura; questa diventa il supporto per figure fatte non solo di colori o smalti, ma anche di parole e materia. Le suggestioni e la quotidianità degli eventi s’imprimono in queste sperimentazioni che danno il titolo alla mostra “Senza Senso”, un gioco di parole, uno scherzo grammaticale, come “l’aggancio” di un carosello che diventa la vera ricerca dell’artista.

La mostra di Claudia Lodolo (qui il suo sito) rimarrà aperta fino a Domenica 24 Maggio presso la Galleria Le Tele Tolte, via San Giovanni 49, Calcata Tel 0761 589036. Cell. 3381611206.

Licia Capannolo

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Ringrazio sinceramente l’autrice dell’articolo, Licia Capannolo, per la gradevole intervista che mi ha fatto e per questo bell’articolo! Spero che anche la mostra abbia offerto ed offra ai visitatori una interessante visione sull’arte concettuale.

  2. Conoscevo già Claudia e qualche suo dipinto , ma vedere le sue tele esposte tutte insieme è stata una esperienza anche per il suggestivo luogo dove erano esposte. Spero di avere colto il suo personalissimo “vedere” in modo diverso la vita e le cose che ci circondano. I colori e la materia dei suoi quadri assieme alle parole scritte hanno fatto si’ che ne apprezzassi il senso e l’emozione, per una visione di arte concettuale.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome