Home AMBIENTE Giustiniana – cassonetti o barriere architettoniche?

Giustiniana – cassonetti o barriere architettoniche?

I contenitori per la raccolta di rifiuti si trasformano in ostacoli insormontabili 

barriere.jpgPregate di conservarvi sempre in buona salute. E soprattutto di non essere mai costretti a percorrere in sedia a rotelle, a causa di un’invalidita’ temporanea o permanente, il tragitto da via della Giustiniana alla omonima stazione ferroviaria sulla via Cassia. Nonostante la buona volonta’ di chi ha fatto rifare i marciapiedi, corredandoli di scivoli e rampe per i portatori di handicap, la situazione e’ infatti drammatica, grazie all’AMA .

Come si puo’ constatare dal nostro servizio fotografico basta percorrere qualche metro per trovarsi la strada sbarrata dagli ingombranti cassonetti dell’AMA, “parcheggiati” sui marciapiedi o in prossimita’ degli accessi agli stessi, creando insormontabili barriere architettoniche.

[GALLERY=290]

 Un disabile che avesse l’ardire di volersi recare in parrocchia, o che desiderasse andare da solo a prendere il treno (in stazione gli ascensori non funzionano quasi mai, ma quella e’ un’altra storia), sarebbe costretto a rinunciare o, in alternativa, a rischiare la pelle procedendo sulla sede stradale. Le conseguenze, specie di sera o quando piove, possiamo prevederle. Le immagina certamente anche il nostro sfortunato amico, che finisce per rinunciare alla sua passeggiata (eppure il dottore glielo aveva detto: “si prenda una boccata d’aria, ogni tanto, che le fa bene”) e a rimanere rintanato, per paura di aggiungere al suo handicap le lesioni di un investimento automobilistico.

Soluzioni possibili? Chiunque non porti ancora i pantaloni corti ricordera’ come, alcuni anni fa, nel rifare i marciapiedi, il Comune si fosse adoperato per creare apposite nicchie per i cassonetti, che ne consentissero la collocazione fuori del marciapiede stesso, senza pero’ invadere nemmeno la sede stradale. Anche alla Giustiniana ce ne sono, ma non vengono utilizzate. I cassonetti, invece, una volta svuotati, sono praticamente scaraventati dai camion automatici nella sede che dovrebbe essere riservata al transito pedonale, talvolta ribaltati o di traverso, rendendo problematico il transito ai normali pedoni, figuriamoci a chi e’ costretto in carrozzina.

[GALLERY=291]

Il perche’ e’ facilmente intuibile. Innanzitutto le nicchie presenti non bastano ad accogliere tutti i contenitori, che sono via via aumentati di dimensioni e di numero. Inoltre, se l’operatore “umano” che scendeva e agganciava a mano il cassonetto al camion poteva avere la pazienza e la voglia di riposizionarlo nello spazio apposito, i bracci meccanici dei nuovi camion sono assai meno precisi e “scrupolosi”. Siamo nel ventunesimo secolo, pero’, e siamo certi che sia possibile trovare una soluzione non eccessivamente costosa che renda i marciapiedi percorribili da tutti, incluso chi e’ colpito da un handicap motorio. Che si tratti di aumentare le nicchie e insegnare ai conducenti dei camion della raccolta a “centrarle” o di qualcos’altro, l’importante e’ fare si al più presto che il nostro amico disabile, le passeggiate, smetta di sognarle dal balcone di casa sua.

Marco Modugno

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome