Home ATTUALITÀ XX Municipio – Antonini (LaDestra): caduto il cavallo di battaglia del PD...

XX Municipio – Antonini (LaDestra): caduto il cavallo di battaglia del PD e del Presidente Giacomini

comunicati-stampa.jpg‘Sono spiacente per il PD, che sarà costretto a cominciare una vera opposizione in Consiglio – i motivi non mancano – e per il Presidente Giacomini che dovrà, di conseguenza, cambiare nuovamente alleati, ma la Commissione Trasparenza non è più materia di baratto’. E’ quanto dichiara Andrea Antonini, responsabile di Casa Pound Italia in XX Municipio e Capogruppo de La Destra, in merito alla quesitone di illegittimità, sollevata dal Capogruppo del PD, sulla formazione della Commissione di Controllo e Garanzia,  – commissione assegnata per regolamento alle opposizioni – e sulla elezione del Capogruppo de La Destra a Presidente della commissione stessa. ‘La secca risposta del Segretariato Generale non lascia spiraglio alcuno e, temo, che il Capogruppo del PD dovrà iniziare ad interessarsi dei cittadini del Municipio prima che delle sue poltroncine’. ‘Per parte nostra – conclude Antonini – abbiamo festeggiato l’evento dando inizio alla camapagna di informazione sulla scandalosa approvazione del Piano Regolatore Sociale, fortemente voluta dal Presidente Giacomini, che portò alla occupazione dell’aula consiliare: sono curioso di vedere se, alla fine, ci saranno ancora attestazioni di solidarietà nei confronti del Presidente’
(per info : Andrea Antonini, 333.3484506, andrea.antonini@hotmail.it, sito web  www.andreaantonini.it)

Estratto dalla risposta del Segretariato Generale del Comune di Roma
Oggetto: Presidenza della Commissione di Controllo, Garanzia e Trasparenza XX Municipio: in riferimento alla nota, pari oggetto, prot. Mun. XX n. 35591 del 17 luglio u.s., si esprime l’avvisio che la nomina della S.V., presso codesto Municipio, alla Presidenza della commissione di cui all’oggetto realizzi nella sostanza l’esigenza primaria e fondamentale, indicata dal T.U.E.L., di attribuire alle Opposizioni la presidenza delle commissioni aventi funzioni di controllo o garanzia.

precedenti articoli correlati:
13 Luglio – sulla questione della Commissione Trasparenza il PD chiede l’intervento del Sindaco Alemanno

Visita la nostra pagina di Facebook

11 COMMENTI

  1. Cons.Antonini, ora che la sua posizione è stata confermata vorrà farci il piacere di dedicarsi all’ufficializzazione del registro pubblico degli interessi, o anche a lei interessa che gli interessi non siano pubblici ? Grazie
    Mauro

  2. ChiedO al Consigliere Antonini di tenerci informati su questo Blog o dove lui crede opportuno sulle attività della Commissione Trasparenza.
    Sarebbe un atto VERAMENTE TRASPARENTE
    Grazie

  3. Caro Antonini,

    sa benissimo che la precedente nota del Segretariato Generale da inidicazioni per il metodo di selezione del Presidente della Commissione di garanzia e trasparenza: i capigruppo di minoranza decidono il nome.

    Personalmente non ho mai contestato il suo profilo entrando nel dibattito che si è acceso sulla sua collocazione in Municipio. Lei ricopre un seggio in quota opposizione. In base a questo principio il Segretariato Generale (tramite il vice segretario) sostiene che viene rispettata l’esigenza primaria e fondamentale, indicata dal T.U.E.L., di attribuire alle Opposizioni la presidenza delle commissioni aventi funzioni di controllo o garanzia.

    Esigenza primaria a rigor di logica significa che il regolamento prevede più criteri da rispettare. Il metodo di selezione può anche essere quastione secondaria per le norme, ma è una questione. La questione diventa poi politica se pensiamo che Lei è stato eletto in commissione dai consiglieri del PDL (la maggioranza).

    Quello che a me non torna è che il controllore (membro di opposizione) viene nominato, in barba alle altre opposizioni (PD e Italia dei Valori), dai consiglieri di maggioranza.

    Personalmente non avrei accettato una nomina di questo tipo per un discorso semplice di libertà e agibilità politico-amministrativa.

    In attesa di un suo passo indietro

    Marco TOLLI
    Consigliere PD Municipio XX

  4. con riguardo al pubblico registro degli interessi devo aggiornare tutti su quanto appreso nel breve corso del mio mandato.

    Come tutti sapete, in data 25/05/2007 è stata approvata l’istituzione del Pubblico Registro degli Interessi con Risoluzione n. 48.
    In tale risoluzione si dava mandato alla Commissione Trasparenza di redigere il relativo regolamento attuativo, da presentare successivamente alla Commissione Regolamento e, previo parere positivo, da approvare in Consiglio.

    Ebbene il Regolamento fu redatto sul finire della scorsa legislatura dalla Commissione Trasparenza e lì ha giaciuto per compresibili “motivi elettorali”.

    Subito dopo l’insediamento della nuova Commissione Traparenza sono stata apportate alcune modifiche a nostro avviso fondamentali affinchè il PRI fosse autenticamente efficace.

    Il 7 luglio 2008, il Regolamento modificato in due successive sedute di Trasparenza, venne inviato alla Commissione Regolamento, la quale lo ha approvato senza eccezioni.

    Conclusa la pausa estiva e superati alcuni pesanti motivi di scontri – non che tali motivi non sussistano più, ma è momentaneamente sospesa la protesta nelle sue forme più eclatanti – è stata redatta, in Commissione Trasparenza, la Risoluzione con la quale il Regolamento attuativo doveva divenire efficace.

    Dopo oltre un mese di giacenza negli uffici, è stato sollevato dal nuovo Direttore una legittima accezione di procedure: occorre infatti accertare se il Regolamento debba essere approvato in Consiglio sotto forma di Risoluzione (poco probabile) o di Deliberazione, circostanza questa che comporterebbe un altro tipo di procedura amministrativa.

    Allo stato attuale siamo in attesa di un parere da parte del Direttore, avuto il quale sapremo se la Risoluzione redatta sia sufficiente o se si debba procedere all’estensione di una Deliberazione, da sotoporre, prima del protocollo, alla preventiva autorizzazione del dirigente competente.

    In ogni caso dovremmo essere in dirittura di arrivo. Non appena l’atto sarà pronto, procederemo alla pubblica illustrazione delle modifiche apportate.

    Colgo l’occasione per ringraziare i consiglieri che hanno, con spirito di collaborazione e volontà migliorativa, partecipato alla nuova stesura del Regolamento: Derenti, Erbaggi, Paris, Pasero, Torquati.

    Per quanto attiene alle attività della Commissione tese ad assicurare maggiori livelli di traparenza, è stata protocollata, in data 17 settembre, una roposta di Risoluzione nella quale si impegna il municipio a trasmettere le sedute di Consiglio in diretta via web sul sisto istituzionale del Municipio.

    La seconda strada da percorrere è quella delle sedute “serali”, ragion per la quale nei primi giorni di settembre è stata inviata una richiesta, agli assessori competenti ed al presidente, di verificare fattibilità e opportunità di assumere un provvedimento del genere e di riferire in Commissione trasparenza. Siamo in attesa di risposte.

    Andrea Antonini
    333.3484506
    andrea.antonini@hotmail.it

  5. Consigliere apprezzo il suo spirito e le sue iniziative e la ringrazio per le risposte date alla mia domanda provocatoria. Pero’… c’è sempre un però….
    “….dopo oltre un mese di giacenza negli uffici, è stato sollevato dal nuovo Direttore una legittima accezione di procedure” ……
    ” … siamo in attesa di un parere da parte del Direttore…..”
    “….Siamo in attesa di risposte…..”

    un mese di giacenza ?!? siamo in attesa di risposte ?!?
    un provvedimento così importante, votato oltre un anno e mezzo fa, per vedere definitivamente la luce ora deve soggiacere anche ai tempi degli uffici ed a quelli delle ponzate del direttore ?
    Lei non deve attendere, mi scusi, deve pretendere SUBITO una risposta. Possibile mai che la burocrazia prevalga sulla politica, sull’etica, sulla trasparenza ?
    Vada lì e non si muova dall’ufficio del direttore finchè non le da una risposta…..occupi la stanza se necessario ! (mi perdoni la battuta, spero che lei sia di spirito).

    Buon lavoro e sotto con la trasparenza, che ce n’è tanto bisogno, anche per capire, tanto per fare un esempio, chi, come, quando ha autorizzato quell’obbrobrio di squallido mercato da fiera paesana che per un mese intero stazionerà sotto Ponte Milvio. Saluti.
    Mauro

  6. Le sue osservazioni le condivido appieno e, non le nascondo, che il suo scoramento è spesso anche il mio.
    Purtroppo non esistono metodi “ortodossi” per scardinare questo sistema malato ed è per questo che ho provato profondo disagio quando – eccezion fatta per il consigliere Tolli – si è levato all’unisono (ad onor del vero anche molti consiglieri di AN non si sono dimostrati scandalizzati) il grido di “attentato alla democrazia” in occasione della pacifica occupaziuone dell’aula.
    Con riferimento al PRI l’ipotesi più probabile è che sia stato affrontato, al momento della sua istituzione, con una certa superficialità.
    Il tipo di atto non era probabilmente quello più amministrativamente corretto sin dall’inizio e, comunque, è apparso assai lacunoso

    Non è mia intenzione far polemica, ma ho sempre detto – anche nell’aula consiliare – che c’è differenza tra un provvedimento preso tanto per mostralo ai cittadini ed uno realmente efficace. Comunque posso garantire che, sulla vicenda, “sto sul pezzo” e, cosa ben più importante, sono disposto a TUTTO pur di avere le risposte che ci DEVONO fornire.

    PS la giacenza presso gli uffici non è ascrivibile ai dipendenti, ma a dubbi di legittimità sul tipo di atto e all’avvicendamento del direttore.

    PS2 sul mercato a ponte milvio è già pronta una lettera di richiesta alla Sovraintendenza ai beni Culturali per sapere se sia stato concesso il loro preventivo assenso……

  7. x Marco Tolli.

    Questa è una polemica che non mi interessa più (ammesso che mi abbia mai interessato). Continuatela voi; voi dotti, voi eruditi, voi saggi, voi “gente di popolo”.

    Non sono interessato neppure ad una poltrona e, può darsi che un giorno la abbandonerò anche, dato che la vivo più come una costrizione per la mia azione politica che come un privilegio.

    Può darsi che un giorno, quando avrete dato prova di costituire una vera opposizione e non un coacervo di interessi convergenti, molto spesso, sul Presidente di questo Municipio, comincerò a seguire i suggerimenti di voi gente navigata della politica.

    Di recente c’è stata la possibilità di far mancare i numeri alla maggioranza per l’adozione di un provvedimento (in verità si trattava di un semplice parere per cui non averte “salvato l’Italia) e non lo avete fatto. Perchè?

    Eccezio fatta per il consigliere Torquati, nessuno di voi si è mai presentato in Commissione per sollevare un problema o un approfondimento. Possibile che il problema della legittimità venga prima della legittima aspettativa dei cittadini?

    Potrei continuare a lungo, ma non intendo utilizzare questo blog per confrontarmi con chi vedo una volta al giorno in municipio; rischio peraltro di essere nuovamente censurato (mi consentirete la battuta).

    Solo un’ultima osservazione: sono certo che se oggi la Commissione Trasparenza fosse in mano a voi – o a qualcuno di voi – l’intero Municipio sarebbe consegnato nelle mani del Presidente e questo non è un bene. Spero che non vorrai richiedere pubblicamenente fatti, numeri e dati a fondamento di questa mia considerazione….

    I passi indietro li lascio a voi, non sono cresciuto politicamente con questa possibilità nella testa.
    In attesa di una vostra avanzata…..vi attendo con ansia sulla linea dell’avanguardia.

    Andrea Antonini

  8. Apprezziamo lo spirito critico e polemico che la discussione sulla titolarità della Commissione Trasparenza ha suscitato.

    Vorremmo però adesso ritornare su di un argomento per noi molto importante, sulla cui gestione i cittadini possono misurare immediatamente la effettiva capacità della opposizione di controllare l’operato del governo municipale.

    L’argomento a cui facciamo riferimento, e ce ne scusiamo con tutti i lettori di questo blog perchè è un vero tormento sia per loro che per noi che ci dobbiamo convivere da molti anni, è la nota vicenda della DISCARICA/PARCHEGGIO di Via Mastrigli.

    Gradiremmo sapere da Andrea Antonini, Presidente della Commissione Trasparenza, se ha mai ricevuto risposte dal Presidente del Municipio XX Giacomini alla sua richiesta di acquisire le carte relative al residence mostrate in aula consiliare e, se no, cosa intenda fare.

    Inoltre, vorremmo sapere da Antonini che cosa intenda fare in concreto per costringere l’assessore Fabio De Lillo e il direttore del Dipartimento XX del Comune, Dott. Bruno Cignini a completare la bonifica della discarica.

    Il tempo delle polemiche su chi debba ricoprire la carica di Presidente della Commissione Trasparenza è ormai finito, tutto quello che doveva essere detto, è stato detto.

    Adesso, dalla opposizione, sia che svolga un compito istituzionale in seno alla commissione trasparenza con la presidenza della stessa, oppure che svolga in consiglio il proprio ruolo di proposta, confronto e di opposizione, ci attendiamo un ruolo attivo e tagliente per la RIMOZIONE DELLA DISCARICA DI VIA MASTRIGLI.

    Chiediamo ad Antonini di fare in modo che Giacomini metta a disposizione della Commissione Trasparenza le carte di cui è in possesso. Ieri.

    La gestione della emergenza SICUREZZA, AMBIENTALE e SANITARIA della DISCARICA ABUSIVA non è proprietà privata del Presidente Giacomini.

    Perchè tutti questi misteri sulle carte di Giacomini? Quali scandali vengono nascosti ai cittadini e alla magistratura ?

    Intervenga Andrea Antonini, Presidente della Commissione Trasparenza del Municipio XX.

    CCVC
    email: ccvcronisti@live.it

  9. x ccvc

    Come sapete ho richiesto formalmente al Presidente di recapitare alla Commissione gli atti da lui solo mostrati in Consiglio.
    Non ho con me copia protocollata della richiesta, ma essa risale quantomeno alla settimana scorsa. E’ mia intenzione utilizzare tutti gli strumenti messi a mia disposizione dalla legge per ottenere questi atti. Contestualmente ho richiesto al Presidente di conoscere gli esiti dell’incontro avvenuto tra lui, l’assessore ed il ccvc; anche su tale richiesta, ancora nessuna risposta.

    In merito al coinvolgimento dell’Assessore, immagino che il Presidente – suo compagno di partito – lo abbia già informato del Consiglio che si svolgerà a Via Mastrigli. Qualora non lo avesse fatto, gli e ne chiederemo conto in quella sede.

    Trattandosi comunque di atti pubblici sono a disposizione per fornirli, atteso che, non appena mi sarò attrezzato, saranno presenti sul mio sito.

    Andrea Antonini

  10. Ringraziamo Andrea Antonini, Presidente della Commissione Trasparenza, per la risposta al nostro “post”.

    Chiediamo cortesemente ad Antonini di tenerci aggiornati sulle risposte che il Presidente del Municipio, Gianni Giacomini, vorrà dare alla Commissione Trasparenza e al Consiglio.

    Sembra a volte che, da parte dell’amministrazione municipale, il dovere di produrre informazione e trasparenza su atti e comportamenti posti in essere da parte di alcune spregiudicate persone che attentano alla sicurezza, alla sanità e all’ambiente siano considerate “atti di concessione del re sovrano” e non obbligo amministrativo, politico e morale. Il nostro pensiero va a Gianni Giacomini.

    Chiediamo quindi al nostro Presidente Gianni Giacomini:
    1) di fare una scelta di campo e di fornire alla Commissione Trasparenza tutti i documenti richiesti.
    2) di ottenere da Bruno Cignini, direttore del X Dipartimento del Comune e da Fabio De Lillo, Assessore all’Ambiente conferma delle date per il completamento della bonifica della discarica.

    Ad Antonini va un sincero augurio di un proficuo lavoro nell’interesse di tutti i cittadini.

    CCVC
    email: ccvcronisti@live.it

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome