Home AMBIENTE Parco di Veio – sequestrata una discarica abusiva di 3000 mq

Parco di Veio – sequestrata una discarica abusiva di 3000 mq

parco-di-veio.jpg“Il sequestro sia di monito a chi continua a scaricare indiscriminatamente del materiale all’interno del Parco di Veio ma soprattutto sia uno stimolo a proseguire la lotta alle discariche abusive nelle aree protette”. Lo ha dichiarato Luigi Camilloni, Presidente dell’Osservatorio Sociale, in una nota in merito al sequestro della discarica abusiva da parte del Noe a Formello all’interno del Parco di Veio.

“Ormai la guerra alle discariche abusive deve essere prioritaria e il sequestro di un’area di 3.000 metri quadrati ne è la prova provata – aggiunge Camilloni – Il buon risultato non deve però far abbassare la guardia, ma anzi deve far proseguire i controlli per scovare altre discariche abusive che potrebbero nascondersi all’interno del Parco di Veio. Sarebbe utile la collaborazione di tutti i cittadini per individuare altri siti, ma soprattutto per cominciare a stroncare questo fenomeno che sta gettando discredito sull’area protetta regionale di Veio”.

Il comunicato di Luigi Camilloni scaturisce dalla notizia di oggi, quando si è saputo che i carabinieri del NOE – Nucleo Operativo Ecologico – avevano sequestrato all’interno del Parco di Vejo una discarica abusiva di 3000 mq contenente rifiuti costituiti prevalentemente da materiali provenienti da attività di demolizione. In aggiunta al sequestro è scattata anche una denuncia a carico di un operaio che stava scaricando rifiuti speciali non pericolosi privo delle previste autorizzazioni. Su tale discarica Luigi Camilloni e VignaClaraBlog avevano già lanciato un allarme il 22 Agosto con questo articolo

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Sarebbe utile la collaborazione di tutti i cittadini per individuare altri siti ?!?!
    La discarica di via Mastrigli è lì, sotto gli occhi di tutti, da anni, sono solo gli occhi istituzionali a non vederla.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome