Home ATTUALITÀ Riflettori accesi sull’occupazione della Stazione Farneto

Riflettori accesi sull’occupazione della Stazione Farneto

Ad accenderli IES-TV con un servizio che andrà in onda nel TG di Mercoledì 7 Maggio

ies-tv.jpgAbbiamo accompagnato una troupe di IES TV che documenterà con un servizio l’occupazione in atto della Stazione Farneto da parte dell’Associazione Area 19, occupazione ignorata dai media romani e da quelli locali nonostante che gli occupanti si siano già dati un gran da fare per ripulire l’area in previsione di realizzarvi un centro d’aggregazione giovanile. Il servizio, curato da Elisa Innocenti, oltre a documentare l’occupazione in atto anche con un’intervista ad Andrea Antonini, neo consigliere de La Destra al XX Municipio, ripercorrerà in sintesi la storia di questa stazione costata 15 miliardi di lire nel 1990, usata solo 8 giorni e da allora abbandonata. Non perdetelo, sarà trasmesso Mercoledì 7 Maggio su IES TV (canale 59) nel TG delle 14.00 e nel TG delle 19.30

[GALLERY=100]

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. Complimenti alla IES Tv per il servizio mandato in onda.
    Complimenti a loro ed anche a Cafasso per i commenti assolutamente “asettici”.

    Mi sarebbe piaciuto se avessero filmato anche l’interno dove pare ci sia un enorme crocefisso costruito con lamiere e posto al contrario assieme ad altre simbologie che denotano un uso di quel luogo da parte anche di picchiatelli adepti di più o meno sataniche sette .
    “Sette” è pure troppo , manco “due” come cervello meriterebbero questi.
    Non solo quindi furti di rame o rave party ma anche messe “sataniche”.
    Mancano solo combattimenti di cani e corse clandestine.
    Tutto questo nella più completa ignavia delle autorità.

    Se gli scopi sono quelli dichiarati da Antonini – e non ho dubbi in riguardo – magari diamogli una mano anche “solo” economicamente per aiutarli ad acquistare quanto necessario per ripristinare la zona.

  2. Bravo Andrea Antonini e bravi i ragazzi di Casa Pound per l’impegno civico e la denuncia dello spreco di denaro e di strutture pubbliche.
    Unica nota stonata della iniziativa, sono quegli striscioni (“postazione nemica) e tetri simbolismi che fanno riferimento a concetti militareschi da guerra civile “light”.
    E’ arrivata ora di disarmare i cuori e le parole dei giovani, di mettere insieme le persone di buona volontà e di praticare una cultura di partecipazione per migliorare i romani e Roma.

    Aravir

  3. Ho visto il servizio e devo dire che qualche grave dimenticanza c’è stata,prima fra tutte quella di fare presente che la stazione nacque dietro forti pressioni dell’allora COL Italia ’90 (il comitato organizzatore) e in tutta fretta. La stazione, come ho spiegato in altro post, era totalmente fuori norma, tanto è vero che si rese necessario contingentare gli accessi proprio per evitare pericolosi affollamenti in banchina, banchina posata al posto di uno dei binari. Perchè FS chiusero baracca e burattini? Perchè non c’era nessun itneresse all’epoca a mantenere il servizio, ed inoltre la stazione, posta in fondo ad una stretta strada senza uscita, in caso di pericolo era difficilmente raggiungibile dai mezzi di soccorso. Inoltre, in tutta onestà, allo Stadio olimpico arrivi molto prima con il 2.
    Suppongo che i dirigenti FS dell’epoca siano stati prosciolti in quanto l’allora Ente FS non aveva poteri decisionali propri, i finanziamenti e di progetti venivano direttamente dallo stato. Il progetto di suo non era malvagio, diciamo che si sottovalutarono alcuni fattori. C’è da dire che la stazione venne lasciata in abbandono, la parete in metallo è arrivata anni dopo.E della stazione se ne occuparono a più riprese i giornali.
    Ora, è appurato che la stazione non potrà essere riaperta, i lavori di adeguamento non giustificherebbero il potenziale flusso passeggeri, ed inoltre c’è il problema della strada di accesso…A questo punto, per dare a tutto una parvenza di legalità, visto l’impegno e le buone intenzioni degli occupanti, sarebbe veramente opportuno un bellissimo accordo tra le parti per arrivare ad un comodato d’uso della struttura (magari il Muncipio può farsi garante e pagare lui un affitto ad FS), questo sia per renderla completamente fruibile, sia per mettere a riparo gli occupanti da azioni legali, perchè, dura lex sed lex, per quanto animata dalle più buone intenzioni, quella è sempre l’occupazione abusiva di una proprietà privata

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome