Home ATTUALITÀ Si salvi chi può. Arriva la metropolitana.

Si salvi chi può. Arriva la metropolitana.

E con essa il parcheggio di scambio di 600 posti alla fine di Via cortina d’Ampezzo direttamente nel parco di Veio.
L’inizio dei lavori è previsto nel 2008 per terminare nel 2015. Si annunciano 7 anni di caos e di traffico, per non parlare dei rumori della metropolitana che passa sotto le nostre case. Mi chiedo perché non far passare la metro sotto Corso Francia in modo da servire sia Vigna Clara che Vigna Stelluti. E vogliamo parlare poi del parcheggio multipiano nel parco di Veio per 600 posti auto. Aggiungiamo altro caos al caos a questa zona che fino ad oggi era abbastanza tranquilla. Tra l’altro non sono descritte le ubicazioni precise delle stazioni.
Sono previste tra le altre le seguenti stazioni.

  • Farnesina
  • Giuochi Istmici
  • Giuochi Delfici
  • Parco di Veio alla fine di Via Cortina d’Ampezzo.
Visita la nostra pagina di Facebook

5 COMMENTI

  1. Caro Fabrizio, cari amici, io non sono d’accordo con questa visione tragica. Vivo in questo tranquillo quartiere da 35 anni, ci vivo bene, mi piace, ma non per questo devo considerarlo a tutti i costi un’isola felice da tenere sotto vetro, estranea alla modernizzazione, come i finti paesini nelle palle di vetro.
    Non possiamo lamentarci (come avviene anche in questo blog) di essere mal collegati, di non esserlo per nulla con il centro, che per andare alla Stazione Termini occorre prendere non meno di tre mezzi, che Corso Francia muore per lo smog da auto, che la Cassia è un lungo serpentone di auto a tutte le ore e poi drammatizzare e paventare l’arrivo della metropolitana come un mostro pronto a divorare tranquillità e zone verdi….
    Non esistono soluzioni e rimedi diversi a questi mali. Non servono più autobus e più taxi: sono palliativi che comunque impegnano le strade, comunque più o meno inquinano.
    Certo, con l’avvio dei lavori nel 2009 soffriremo disagi, avremo cantieri in zona che modificheranno per due/tre anni la nostra viabilità e le nostre abitudini, questo è lo scotto richiesto: una capillare metropolitana è l’unica soluzione che una città cosmopolita e vasta come Roma possa adottare, non c’è scampo.

  2. concordo in pieno con te claudio.
    il post è il tipico esempio (non me ne abbia a male l’autore) dell’Italia del NO che ormai conosciamo bene: “No alla TAV”, “NO agli inceneritori”, “NO al Mose”, ecc…
    Però contemporaneamente TUTTI vogliono che si risolvano i problemi. Chi non vorrebbe la botte piena e la moglie ubriaca? Ma poichè nella realtà è molto difficile avere questa situazione idilliaca, bisogna saper soffrire per poi avere la soddisfazione di godere di un vantaggio.
    Faccio un esempio.
    Io frequento ingegneria alla sapienza e devo andare al colosseo (i primi anni sono alla città universitaria) e poichè a mezzi pubblici siamo messi male, devo prendere la macchina fino a tiburtina (la moto non ce l’ho) e da lì la metro B. Con la metro C sarebbe fantastico, peccato che avrò finito gli studi, ma il vantaggio rimarrà per chiunque lavora in centro e cmq in posti vicini alla metro. Per me è un sogno avere la metro qua vicino!
    Sono d’accordo che ancora non si sa bene dove saranno le stazioni e tutto il resto, ma infatti non bisogna attendere passivamente; stiamo a vedere e speriamo non facciano cavolate (altrimenti dovremo muoverci a farci sentire).
    Poi la sera uno esce con la macchina, ma che pacchia uscire di casa, arrivare a villa s. pietro e poi scendere (per esempio) a Cavour…..Un sogno pensando ad una città come Roma attuale.

  3. E finalmente ho trovato qualcuno che non e’ d’accordo con me.
    Ma contınuo a rımanere della mıa ıdea. Quando ho acquıstato casa ho scelto questa area perche’ era una pıccola oası. Ora non lo sara’ pıu’. Dovro’ soffrıre 7 annı dı lavorı e dı traffıco e probablımente quando la metropolıtana passera’ sotto casa mıa fara’ rumore e vıbreranno ı vetrı. Mı dıspıace ma ıl mıo rımane un no ma non al concetto della metropolıtana a ma a come e’ stata pensata.

  4. Ma infatti le cose andranno fatte in maniera efficiente, perchè è impensabile che tu possa sentire la metro passare.
    Spero si mettano al lavoro nel miglior modo possibile e con enorme attenzione.
    Riguardo al traffico ed ai lavori, è vero, sarà un periodaccio sia nella tua zona, sia lungo le altre stazioni. Speriamo bene.

  5. Io abito nell”isola felice’ da poco più di tre anni, e devo dire sono estremamente contento che si siano ricordati di collegare il nostro microquartiere (parlo di tutta vigna clara sotto via Cassia, quindi da via dei giuochi istmici a via della Farnesina) al resto di Roma con la metropolitana. A mio avviso sarà un bene assoluto e ci guadagneremo tutti in salute ed in tempo. L’unica ‘pecca’ della nostra zona è la pessima qualità dei collegamenti…. Il tracciato della linea C è davvero interessante e – una volta finiti i lavori – renderà l’isola ancora più felice e tranquilla….
    Ciao

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome