Home ATTUALITÀ Cdbg, truffa che viaggia su Facebook e Messenger

    Cdbg, truffa che viaggia su Facebook e Messenger

    facebook
    Galvanica Bruni

    Ciao Claudio, come stai?
    Ricevo questo messaggio su Messenger nel primo mattino di martedì 16 aprile. Il mittente è una cara persona, un ex collega che non sentivo da un bel po’ di anni. Per rispetto della sua privacy, qui lo chiamerò Quinto.

    Guardo la sua foto sul profilo Messenger, non è cambiato affatto, mi dico. Poi, sorpreso e compiaciuto del fatto che dopo tanto tempo si sia ricordato di me gli rispondo
    – Ciao Quinto, mi fa molto piacere sentirti! Tutto bene grazie, a parte l’età che avanza… e tu come stai?

    Continua a leggere sotto l‘annuncio

    Passano pochi minuti e un bing sul cellulare mi avverte dell’arrivo di un nuovo messaggio. È sempre lui
    – Caro Claudio, sto abbastanza bene. Senti, ho visto il tuo nome sulla lista dei vincitori del CDBG, hai già sentito qualcosa da loro?

    Cado dalle nuvole. Mi interrogo, CDBG, ma che roba è? E cosa avrei vinto? La cosa mi incuriosisce molto. D’altra parte, mi dico, Quinto è sempre stato persona seria e informata, se lo dice lui di aver visto il mio nome sarà vero. E se invece fosse un omonimo?
    Tutti pensieri che mi frullano nella testa nei pochi secondi che impiego nel rispondergli
    – Ehi Quinto, ma cos’è il CDBG? Non ne so nulla, fammi capire meglio, mandami qualche link…

    E lui
    – Claudio, si tratta di una sovvenzione in blocco per lo sviluppo comunitario per l’anno 2024 che aiuta i disabili, gli anziani, i vedovi e i giovani nella società. Quindi non hai ancora ricevuto nulla da loro?

    E qui comincio a non capirci più nulla. Ora, è vero, anziano lo sono (anche se non mi ci sento); disabile fortunatamente no; vedovo, incrociando le dita per quella santa, amata e amabile donna di mia moglie, nemmeno.

    Interrompo lo scambio col mio amico e corro a googlare CDBG. Il motore di tutti i motori mi dice che “Il Community Development Block Grant, uno dei programmi più longevi del Dipartimento per l’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano degli Stati Uniti, finanzia le attività di sviluppo della comunità ..”

    Intanto un nuovo bing e un nuovo messaggio di Quinto
    – Io ho ricevuto da loro una somma di denaro di 100.000€ e ho visto il tuo nome sulla loro lista, penso che dovresti contattare l’agente responsabile della tua vincita. Sai come contattarli?

    Comincio a innervosirmi, comincio a pensare che Quinto abbia fatto colazione con la grappa o che abbia deciso di percolarmi dopo tutti questi anni che non ci sentivamo
    – Quinto, centomila euro??? Mi stai prendendo per i fondelli?? E a chi dovrei scrivere?!?Quinto ma che ti sei bevuto stamattina? Non ti ricordavo così zuzzerellone!

    E lui
    Clicca subito su questa pagina facebook, è quella dell’agente del CDBG, scrivigli e digli che io ti ho parlato di lui e che vuoi sapere come fare a incassare il premio e se lui ti dice che non ci sei ancora rientrato fatti dire come fare per presentare domanda per il programma in corso. Ecco il link sui cui cliccare… 

    Forse, con eccessivo ritardo, comincio a pensare che sotto sotto ci sia qualcosa.
    Sta roba puzza di truffa’ mi dico mentre apro Facebook sulla pagina indicatami da Quinto. Evito qui di riportare nome e link nel dubbio che sia stata clonata all’insaputa del proprietario. Dico solo che si apre con questa scritta: ‘if you are here to get your cdbg money messages us, we can know how to help you’.

    Sempre più convinto della puzza di bruciato, digito nel campo ricerca ‘Quinto xxxxxxx’ perché voglio veder se sul profilo del mio amico c’è qualcosa di più.

    Sorpresa! Facebook mi dice di avere due profili “Quinto xxxxxx”. Li apro. Uno ha zero post, un paio di foto e basta. L’altro, contiene numerosi post, foto, auguri di buon compleanno, insomma una pagina vissuta in modo reale. In entrambe, gli amici sono gli stessi (compreso me) e la foto di copertina è vera, è proprio lui, è Quinto.

    Ecco l’arcano che mi apre gli occhi. Il vero profilo di Quinto è stato clonato, e quello fake è stato usato per agganciarmi su Messenger e tentare di farmi cadere in trappola. E’ certo che se io avessi veramente contattato “l’agente” mi avrebbero chiesto del denaro per farmi rientrare in questo finto programma benefico (un po’ come accade per la truffa della finta donazione in denaro di cui ho scritto tempo fa – leggi qui – ).

    Torno quindi di corsa su Messenger e questa volta, finalmente scaltro, al falso Quinto scrivo
    Senti Quinto, non ci sto capendo niente, dammi il tuo cellulare che ti chiamo e parliamo a voce di questo benedetto CDBG

    Silenzio. Ripeto la richiesta dopo mezz’ora. Silenzio totale.
    Hai capito il truffatore? Alla richiesta di un contatto personale se l’è filata.

    Tramite amici comuni ottengo il numero del vero Quinto e lo chiamo. Un minimo di convenevoli e poi gli spiattello l’accaduto
    Amico mio, guarda che t’hanno clonato il profilo e lo stanno usando per tentare delle truffe!

    Torno infine su Facebook e, sorpresa!, il profilo fake non c’è più. Cerco quindi CDBG e che scopro? In mezzo a tante notizie sul vero programma americano per l’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano degli Stati Uniti, trovo altri finti agenti e soprattutto altri post che parlano della truffa in corso in questi giorni…

    Occhio, occhio alle truffe che viaggiano sulla Rete e su Facebook, fatevi furbi e veloci nell’accorgervene.

    Claudio Cafasso

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    1 commento

    1. Capitato anche a me! Dopo aver inviato gli auguri ad un amico (che chiameremo Astolfo Verdi), mi rendo conto che ha due profili e soprattutto che uno dei due è senza foto! Li per li non faccio caso, perché noi boomer magari per sbaglio creiamo due profili. Poi ricevo il messaggio che mi comunica la vincita al CDBG, subodoro l’inganno e telefono all’amico!

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome