Home CRONACA Cimitero Flaminio, tomba profanata per rubare l’oro nella cassa

Cimitero Flaminio, tomba profanata per rubare l’oro nella cassa

cimitero-flaminio
Claudio Galli

Sempre più raccapricciante la cronaca di quanto accade nel Cimitero Flaminio, il più grande d’Italia con i suoi 140 ettari e 37 km di strade interne, ma anche quello che più spesso è nell’occhio del ciclone.

E’ lunga la lista degli episodi accaduti negli ultimi anni che ne denunciano lo stato di abbandono gestionale: salme cremate per errore, lapidi spaccate, furti, urne contenenti terra e sassi consegnate ai parenti al posto delle ceneri, fino all’ultimo scandalo – salme fatte a pezzi anziché essere cremate – per il quale pochi giorni fa è iniziato il processo con 16 persone alla sbarra.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

Non c’è pace neanche da morti. E l’ultimo episodio in ordine di tempo vede dei ladri aprire un loculo, estrarre una bara, dissaldare la cassa zincata in un angolo e da lì estrarre oggetti d’oro che i parenti della defunta avevano messo assieme alla salma.

Il fatto è accaduto nella notte di mercoledì 4 gennaio e a riferirlo è l’Agenzia Nova spiegando che nella bara profanata c’era la salma di una donna di origini Rom e, secondo quanto raccontato dai parenti ai testimoni, anche oggetti d’oro per un peso di circa 5 chili.

L’usanza di tumulare salme con oggetti preziosi è molto diffusa nella comunità rom. I ladri, al corrente di ciò, hanno quindi agito a colpo sicuro. Sul caso stanno indagando i Carabinieri della Compagnia Cassia.

Cimitero Flaminio, salme fatte a pezzi anziché cremate. In 16 a giudizio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 commento

  1. Appare impossibile che un estraneo, anche se smaliziato ladro, penetri indisturbato nel Cimitero ed attui la riapertura della cassa e la successiva chiusura, quindi evidentemente tale azione può essere effettuata solo dal personale del Cimitero. Come pure credo sia necessaria la complicità delle pompe funebri il cui personale, chiudendo la cassa, si è reso conto della presenza dell’oro. A meno che siano stati gli stessi membri della comunità Rom a penetrare nel Cimitero e riappropriarsi dell’oro.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome