Home AMBIENTE Inviolatella Borghese, cinghiali sconfitti in casa

Inviolatella Borghese, cinghiali sconfitti in casa

involatella-barriera-anticinghiali
Promuovi la tua attività commerciale a Roma Nord

Chi lo avrebbe detto che i cinghiali di Roma Nord, oramai padroni di strade, piazze e giardini. la loro prima sconfitta l’avrebbero subita proprio “in casa”.

All’Inviolatella Borghese, quella grande fetta di terreno quasi incontaminato che corre lungo la Via Cassia Nuova partendo da Corso Francia, i cinghiali sono stati infatti sloggiati dagli uomini. Non solo, una barriera fatta da rami di ginestra ne impedisce il passaggio. Un chiaro avvertimento:” Qui, anche se siete a casa vostra, non si passa!”.

Protagonisti di questa vittoria portata nella casa del “sus-scrofa” alcuni senza tetto che hanno ricavato le loro baracche all’interno di un valloncello coperto dalla vegetazione, roba che neanche un drone li scoverebbe.

Per impedire poi intrusioni non desiderate hanno tirato su, sul sentiero di accesso alle loro abitazioni, una barriera naturale anti-cinghiale. Un’idea che potrebbe essere mutuata a costo zero dal Campidoglio, da RomaNatura e dall’Ente Parco di Veio  che si  apprestano a sbarrare i tanti varchi utilizzati dai cinghiali con cancelli e reti elettrosaldate.

Comunque, la presenza di baracche nell’Inviolatella non è certo una novità. Dieci anni sono passati da quando Vignaclarablog.it fece la prima segnalazione denunciandone l’esistenza; era il mese di novembre del 2011 e poco tempo dopo l’Ente Parco di Veio insieme alla Polizia Locale sgombrarono l’insediamento abusivo.

Poi più niente. Sono passati dieci anni e mezzo e le baracche, più volte ricostruite,  sono sempre al solito posto, in quel valloncello protetto dalla vegetazione. I loro abitanti ovviamente sono cambiati ma la postazione è sempre la stessa.

Ma non solo, all’Inviolatella Borghese, eccezion fatta per il taglio dell’erba, tutto il resto versa nell’incuria a cominciare da quell’edificio oramai fatiscente che l’Ente Parco di Veio voleva acquisire per adibirlo a Sede dei Guardia-parco; abbandonato e con le strutture pericolanti, è ricolmo di sporcizia e rifiuti dal momento che in passato è stato utilizzato più volte dai senza tetto.

Francesco Gargaglia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 COMMENTI

  1. ……vivo a Roma da quando sono nato, oltre quaranta anni fa, e ancora devo trovare una cosa una!! che funziona in questa città.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome