Home ATTUALITÀ A.A.A. cercasi (disperatamente) primavera

    A.A.A. cercasi (disperatamente) primavera

    vino-rosso
    Ottica Artigiana Carli

    Non troviamo altro modo per adescare lo scintillio della nuova stagione se non richiamarla, magari con un articolo a pagamento su qualche giornale, col classico “A.A.A. cercasi primavera”.

    Le immagini di ieri, postate sui social da molti navigatori della Rete, increduli per quel stavano vedendo i loro occhi fra nevischio, grandine e pioggia stile “diluvio universale”, sono diventate più virali del classico “décolleté” che, come urlano i “signori degli acchiappa-like” fanno impazzire il web.

    Le previsioni parlavano chiaro, c’era la cosiddetta “allerta gialla”, ma tutto si poteva immaginare, non di certo un’istantanea natalizia.

    Strade imbiancate a Roma dalla grandine, poco fuori la capitale da lacrime di neve. Allo stadio Olimpico, durante Lazio-Sassuolo, per qualche minuto è sembrato di giocare a Reggio Emilia (casa della squadra neroverde) e non alle pendici di Monte Mario. E sulla strada statale Cimina la neve ha richiamato all’attenzione gli automobilisti che cercavano di arrivare a Viterbo.

    Sono giunte in redazione istantanee di una Bellegra innevata, mentre ai Castelli romani non sono pochi i bambini che si sono attrezzati per scivolare per strada con i bustoni neri, quelli dell’immondizia, a far da slittino.

    Così, quando cominciavamo a intravedere la fine del tunnel pandemico, e nella speranza della parola “fine” alla guerra, ci siamo ritrovati a bere un bicchiere di vino rosso, ad accendere il camino e a commentare la questione atmosferica col laconico “non esistono più le mezze stagioni”.

    Massimiliano Morelli

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome