Home CRONACA Vicenda Poldo, LAV: “Chiederemo il referto dell’esame autoptico”

Vicenda Poldo, LAV: “Chiederemo il referto dell’esame autoptico”

cinghiale-via-del-podismo
Ottica Artigiana Carli

“Siamo sconcertati da quanto accaduto qualche giorno fa a Vigna Clara. Un cinghiale pacifico, amato e conosciuto dagli abitanti della zona, che lo avevano soprannominato Poldo, è stato narcotizzato, portato via e successivamente abbattuto”.
E’ quanto dichiara Anna L. Cavalli, responsabile della Sede LAV – Lega Anti Vivisezione –  di Roma.

La vicenda è nota, ed è stata raccontata in esclusiva e quasi in presa diretta dalla nostra testata: sabato 26 marzo l’animale, provenendo presumibilmente dall’Insugherata (dove vivono in centinaia) e dopo aver percorso un paio di chilometri di strada trafficata, è arrivato nel parchetto di via del Podismo, a Vigna Clara, un parchetto a dire il vero abbandonato e non curato come VignaClaraBlog.it ha documentato in una recente inchiesta.  Lì si è rifocillato, poi si è sdraiato sull’erba e si addormentato. Probabilmente non era in buone condizioni fisiche visto che dopo ore era ancora a terra. Nel pomeriggio sono giunti agenti della Polizia Locale di Roma e della Città Metropolitana con i servizi veterinari. Poldo é stato narcotizzato e portato via. Voci, delle quali non ci sono riscontri ufficiali, dicono che sia stato poi ucciso.

“Questa vicenda – continua Anna L. Cavalli – riporta alla memoria l’uccisione tragica e ingiustificata di una mamma cinghiale e dei suoi piccoli avvenuta nel 2020 nel parco Mario Moderni, in via della Cava Aurelia, nonostante le forti proteste dei cittadini. Senza l’adozione di provvedimenti adeguati che escludano il ricorso alle uccisioni, la presenza dei cinghiali a Roma continuerà ad essere un problema irrisolto. I cinghiali si spingono in città alla ricerca del cibo, attratti dai rifiuti che non vengono raccolti regolarmente.”

Secondo la responsabile della LAV, “Serve un vero programma di prevenzione con pulizia delle strade, recinzione dei parchi e l’avvio di un progetto di studio sull’immunocontraccezione. Non possiamo permettere che la questione cinghiali venga affrontata con l’abbattimento degli animali”.

“Ci chiediamo a che punto è la ridefinizione promessa dell’inutile in parte, dannoso per l’altra parte, Protocollo di intesa cosiddetto “Ammazza-cinghiali” del 2019, firmato da Regione Lazio, Città Metropolitana e Roma Capitale, e approvato dall’Assemblea Capitolina. È diventato urgente avviare un tavolo di confronto tra associazioni animaliste, Comune e Regione al fine di sospendere tale protocollo”.

“Chiederemo il referto dell’esame autoptico del cinghiale ucciso” annuncia Anna Cavalli spiegando che “Al di là degli evidenti e chiari aspetti etici, andrebbe anche considerato che le politiche di abbattimento non hanno prodotto il risultato prefissato del contenimento numerico dei cinghiali”.

“Uccidendo gli adulti di questi animali – conclude la responsabile della LAV – s’innesca una risposta compensativa nella fertilità. Gli esemplari aumentano di numero e si disperdono sul territorio. Servono soluzioni civili e incruente. Ribadiamo il no alle uccisioni”.

Vigna Clara, narcotizzato Poldo, il cinghiale solitario in via del Podismo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 COMMENTI

  1. penso che siamo oltre , ma molto oltre l’umana comprensione
    A parte un Cavalli che difende il Cinghiale Poldo magari ci sta come solidarietà animale
    Mamma cinghiale e dei suoi piccoli ….. tragedia avvenuta nel recente 2020 ! Terribile , la magistratura indaga
    e lo Zio Cinghialone che ha rincorso la signora a via panattoni , scampata per miracolo ? Qualche Gip ha indagato ?
    ed il lui nonno che si è intrufolato nel condominio di via azzarita sfondando porte e copritermosifoni ? per puro caso nessuno è uscito o rientrato in quel frangente ! Denunce ?
    e come affiliati alla famiglia casamonica scorrazzano indisturbati nel piazzale del commissariato della medesima via
    Ma il “senza l’adozione di provvedimenti adeguati che escludano il ricorso alle uccisioni” che senso ha ?
    quali provvedimenti ? una vasectomia generalizzata ? pillola del giorno dopo alle mamme cinghialesse ? di cosa state parlando ? cercate di essere chiari e precisi
    perlomeno che senso ha oggi , dopo che sono prolificati a dismisura sia come numero sia come dimensioni a prescindere dai rifiuti o meno
    non c’è stata nessuna politica di abbattimento a parte qualche tiro di schioppo tanto per fare rumore , magari

  2. Mentre cercano i responsabili della morte di Poldo, ieri sera domenica 3 aprile, una signora coi suoi due cani anziani e di taglia medio-grande sono stati caricati e feriti da una famiglia di cinghiali a Piazza Igea. Uno dei cani ha un buco grosso quanto un bicchiere per fortuna sulla coscia.
    Continuate a difendere questo lerciume di realtà. Continuate a considerare le riserve naturali (quelle cittadine) come quelle del Serengeti, andrà tutto meglio. I cinghiali mica provengono dal verde, no, hanno monolocali nei dintorni delle piazze di roma nord. E vista la quantità di cuccioli il prossimo anno quando saranno dieci volte tanto, gli animalisti saranno finalmente appagati.

  3. C’è anche il rischio che trasmettano la peste suina che si può trasmettere anche all’uomo e in concomitanza con altre patologie essere anche mortale. Non ce ne dimentichiamo!

    • Se ne parlò in concomitanza con l’arrivo della Sars-CoV-2, la Prof Capua ha detto che per studiare questo coronavirus, tutti i virologi hanno dovuto fermare gli studi che stavano portando avanti su un virus che potrebbe cancellare i suini dai mercati, perché letale, contagiosissimo proveniente dai cinghiali (PSA che non è l’antigene prostatico ma peste suina africana). Però l’attenzione sul COVID poi cancellò l’interesse e le preoccupazioni che prima o poi torneranno a ripresentarsi, perché anche grave minaccia per la nostra economia.

  4. Questo “lerciume di realta” come lo chiama lei SalvoF non lo hanno creato gli “animalisti” (4 gatti!) ma i “politici”, quelli che voi votate e che pensate siano in grado di gestire la cosa pubblica. Il problema cinghiali è il frutto dell’incapacita e mancanza di professionalità di chi ci amministra….prendetevela con loro….

    • Un rocambolesco flusso di coscienza che la fa atterrare sempre su un campo politico che attecchisce alla realtà come l’olio si mischia all’acqua. Se vuole proprio citarmi mi decontestualizzi delle sue intuizioni antipolitiche (su cui si trova sempre a planare)e stia più sul pezzo o sul cinghiale. Grazie.

  5. Bel commento ma con le sue di planate…inconcludente. Capisco che la verità non piace a nessuno tanto da farle dire che non c’è attecchimento con la realtà….e il protocollo del 2020 Zingaretti-Raggi cosa è? Una bufala o fantasciena? Be certo…bisogna esserne a conoscenza. Non ci vuole uno scienziato per capire che i cinghiali frequentano gli ambienti urbani non per guardare le vetrine, fare acquisti o 4 chiacchiere con gli amici ma solo perché trovano di che mangiare in strada e accanto ai cassonetti….Comunque tranquillo, non lo cito più. Grazie a lei e mi stia bene.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome