Home AMBIENTE Amianto nell’Insugherata, dopo tre anni è ancora là

Amianto nell’Insugherata, dopo tre anni è ancora là

amianto nell'Insugherata
Ottica Artigiana Carli

Era marzo 2019 quando una gran quantità di amianto nascosta dalla vegetazione fu scoperta dalla nostra redazione all’interno della Riserva Naturale dell’Insugherata, a pochi passi da dove finisce via dell’Acqua Traversa e inizia via Panattoni.

Decine di lastre, alcune sane e altre frantumate dagli zoccoli dei cinghiali. E poi rifiuti di ogni genere. Il tutto a pochi metri dal Fosso dell’Acqua Traversa col rischio di inquinamento delle acque. Uno scenario preoccupante che fu oggetto un mese dopo di un servizio del TGR Lazio andato in onda il 30 aprile del 2019.

Due denunce in meno di sessanta giorni avrebbero dovuto smuovere le acque. Al contrario, sono trascorsi tre anni e non è accaduto nulla.

amianto-rifiuti-insugherata-22.3.2022A distanza di tre anni l’amianto è ancora nello stesso posto assieme a rifiuti e detriti che rendono la zona una vera discarica. Tre anni nel corso dei quali non è stato fatto nulla e neppure la pandemia può essere chiamata a giustificare l’inerzia visto che le due denunce sono di molto antecedenti al primo lockdown.

Che una gran quantità di eternit sia ancora oggi presente in una Riserva Naturale che dovrebbe essere protetta e tutelata da un ente regionale, RomaNatura, a ciò deputato, in un’area vieppiù in prossimità di tanti condomini, è del tutto inaccettabile.

Il servizio del TG Lazio di aprile 2019

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome