Home ATTUALITÀ Un food truck per sfamare i senzatetto della Cassia

Un food truck per sfamare i senzatetto della Cassia

Cucina-Mobile-Arca
Beauty journal

Presentato oggi, in piazza San Pietro, il nuovo servizio della ‘Cucina Mobile’ di Fondazione Progetto Arca onlus, che sarà attivo da questa sera per distribuire pasti caldi alle persone senzatetto che dimorano nelle strade dei Municipi I e XV.

Le Unità di strada di Progetto Arca distribuiscono cibo alle persone senza dimora della zona di San Pietro da oltre 10 anni; negli ultimi mesi i volontari hanno operato utilizzando mezzi propri, mentre ora con l’arrivo della Cucina Mobile, con fornelli, forno e bollitori a bordo, si migliora e potenzia il servizio per raggiungere quante più persone possibili.

Da un giorno all’altro le persone in strada si sono trovate sole, senza la rete di supporto a loro conosciuta e necessaria per sopravvivere. Per la prima volta abbiamo incontrato persone senzatetto che non mangiavano da giorni” ha spiegato Alberto Sinigallia, presidente di Progetto Arca. “Da qui la decisione di non chiuderci in casa ma di inventarci qualcosa per star loro vicino. Abbiamo allora messo le ruote alla cucina: i senzatetto non potevano recarsi a una mensa e siamo andati noi da loro”.

Questa cucina mobile è una bella notizia per la città di Roma, una nuova modalità ‘trendy’ di food truck per portare il ristorante a chi non ha la possibilità di andarci. Proprio in questa piazza Papa Francesco ha affermato che ‘siamo tutti sulla stessa barca e nessuno si salva da solo, ma dobbiamo remare tutti insieme’: partiamo da un pasto, un primo contatto per aiutare le persone fragili a riprendere una vita normale” ha sostenuto l’Assessora capitolina alle Politiche Sociali Barbara Funari.

A quanto si apprende, al momento è prevista ogni settimana la preparazione e la distribuzione di 450 cene calde servite in monoporzioni termosigillate. Assieme alla cena vengono consegnati un sacchetto con bevande e cibi confezionati per la colazione del giorno dopo e all’occorrenza altri beni di prima necessità, come sacchi a pelo e kit igienici.

A bordo del foodtruck operano volontari e operatori sociali di Progetto Arca qualificati nell’assistenza di persone in grave marginalità.

Le 450 cene verranno dispensate in quattro serate in due zone di Roma: nell’area di San Pietro e sulla Cassia, dove peraltro, a Grottarossa, è presente anche Casa Arca, la micro-comunità che Progetto Arca gestisce da anni nella capitale per accogliere uomini in difficoltà che hanno bisogno di un sostegno abitativo per poter recuperare una dimensione lavorativa e sociale.

Casa Arca a Grottarossa, punto di ripartenza per uomini in difficoltà

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome