Home TEMPO LIBERO Dasvidania, appuntamento al Fleming con lo scrittore Nikolai Prestia

Dasvidania, appuntamento al Fleming con lo scrittore Nikolai Prestia

Nikolai-Prestia
ArsBiomedica

Venerdì 26 novembre, alle 18.30, nei locali de “l’osteria il Quinto Quarto” – via Flaminia 638, Collina Fleming – l’autore Nikolai Prestia presenta il suo romanzo d’esordio Dasvidania (Marsilio Editore) in compagnia di Raffaele Notaro, scrittore.

Nikolai è nato nel 1990 a Nizhny Novgorod, in Russia. All’età di otto anni, insieme alla sorella, è stato adottato da una coppia italiana residente in Sicilia. Laureatosi in Giurisprudenza, oggi vive a Roma e questo è il suo primo romanzo, una storia vera di sofferenza e crescita raccontata attraverso la lente immaginifica della letteratura.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

La partecipazione all’evento, organizzato dalla Libreria delle Pessime idee, è gratuita ma occorre prenotarsi scrivendo a libreria@pessimeidee.it o chiamando il numero 0668589290. All’atto dell’ingresso verrà richiesto il green pass.

La trama

Kola ha sette anni e, concentratissimo, studia una mela verde sul davanzale di una finestra. Fuori ogni cosa è bianca della neve appena caduta. I tetti della città si scorgono appena.

La città dà su un fiume: è il Volga, nel pieno dell’inverno russo. Kola è orfano e vive con la sorella in un istituto. Ha alle spalle una storia di povertà, disagio e scarsa cura, se non abbandono.

Quel bambino, che oggi ha trent’anni e abita in Sicilia, racconta la sua storia. Con la precisione di un reportage, Nikolai Prestia racconta la seconda metà degli anni Novanta e l’epoca post-sovietica nel loro aspetto più duro di miseria ed esclusione sociale, violenza domestica, alcolismo e droga.

Questo libro però non è un reportage, è un romanzo. È una storia durissima, che sarebbe insostenibile se lo sguardo di Kola non compisse una specie di magia: l’immaginazione. Solo che l’immaginazione di Kola non crea mondi alternativi, non cerca vie di fuga, ma indaga il potere simbolico, poetico e quasi magico degli oggetti quotidiani…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome