Home CRONACA Cassia, via Panattoni e l’impatto paesaggistico bifronte

Cassia, via Panattoni e l’impatto paesaggistico bifronte

lavori-fermi-via-panattoni
Galvanica Bruni

In via Panattoni, una tranquilla strada a senso unico e in salita che congiunge, a valle, la zona di via Cassia ‘Antica’ con, a monte, il piccolo quartiere del Villaggio dei Cronisti, sulla Cassia, dal 18 giugno al 15 luglio erano scattati i primi divieti di sosta; dal 27 di luglio al 14 agosto ne erano stati disposti altri.

Il motivo? I divieti erano stati chiesti dalla Direzione Tecnica del Municipio XV per realizzare box in muratura a protezione dei cassonetti.

Continua a leggere sotto l‘annuncio

Ciò per evitare il continuo assalto dei cinghiali che, lasciando nottetempo la confinante Riserva Naturale dell’Insugherata, fanno man bassa dei rifiuti riuscendo a rovesciare i contenitori di plastica dalle piccole dimensioni (la strada è così stretta che non si può permettere di ospitare quelli di grandezza standard in metallo).

Bene, passato un mese e mezzo da ferragosto, data entro la quale dovevano essere terminasti i lavori, dei box non c’è ombra. Dopo che gli operai a metà giugno hanno rotto l’asfalto e posizionato in terra dei blocchetti di travertino e l’immancabile fettuccia bianco-rosso tutto si è fermato. Non per un giorno, non per una settimana ma per mesi, tre.

I residenti sono sul piede di guerra anche perché questi mini cantieri fermi sottraggono posti auto, merce veramente rara in via Panattoni.

Ci sono giunte numerose segnalazioni in merito; fra le tante citiamo quella di Francesca B. che così ci scrive: “Trovo intollerabile che questa pubblica amministrazione che mi fa attendere sei mesi per autorizzarmi a rimuovere un cespuglio all’interno della mia proprietà a causa dell’impatto paesaggistico che la rimozione dello stesso può avere sulla zona, sprechi tempo e denaro pubblico (cioè dei cittadini, cioè mio) iniziando dei lavori senza poi finirli mandando in malora i materiali e creando disagio a tutti. Vogliamo parlare dell’impatto paesaggistico di ciò che si vede in questa foto?
Un impatto come Giano: bifronte. Per alcuni versi vale, per altri no.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome