Home CRONACA Covid nel Municipio XV, i dati per quartiere al 3 gennaio

Covid nel Municipio XV, i dati per quartiere al 3 gennaio

coronavirus-mascherine

A Roma, dall’inizio della pandemia e fino al 3 gennaio sono stati contati 89577  casi di positività al Covid-19 con un tasso d’incidenza ogni 10mila abitanti pari a 313,6.

Rispetto alla precedente fotografia del 20 dicembre, quando ne furono contati in tutto 81039, l’incremento in due settimane è stato di +8538. In media quindi, dal 20 dicembre al 3 gennaio sono stati diagnosticati 609 nuovi contagi ogni 24 ore: un dato inferiore, anche se non di molto, all’ultimo noto di due settimane fa (650).

I quartieri più colpiti sono ancora una volta quelli del quadrante sud-est: Appia, Tuscolana, Casilina, col Municipio VI che supera i 9700 casi accertati e col VII che si attesta a poco più di 9500.

A far emergere questi dati è l’analisi della mappa analitica gestita dal Seresmi, il Servizio Regionale per Epidemiologia, Sorveglianza e Controllo Delle Malattie Infettive, i cui dati sono stati aggiornati al 3 gennaio e resi pubblici nella sera di giovedì 7 gennaio.

Come si legge sulla pagina web del Seresmi, la mappa descrive l’incidenza cumulativa dei casi covid-19 da inizio epidemia all’ultimo aggiornamento disponibile. In altre parole, non si tratta del numero dei casi attualmente positivi bensì del numero di casi complessivi dall’inizio dell’emergenza coronavirus; è bene sottolinearlo per evitare confusione nella lettura dei dati.

I dati del Municipio XV

A Roma Nord, il territorio del XV Municipio per la quarta settimana consecutiva registra una crescita contenuta e stabile dei positivi.

Dopo il picco del 29 novembre con 3820 casi (+1683 sul dato della settimana precedente) la crescita infatti ha iniziato a frenare già il 6 dicembre attestandosi a 4280 casi (+460) per poi consolidarsi a 4530 il 13 dicembre (+250) a 4760 il 20 dicembre (+230) e per arrivare ora a 5223 casi al 3 gennaio, con un incremento di +463 casi in quattordici giorni, cioè 231 a settimana.

 

Il XV quartiere per quartiere

Tornando ai numeri e analizzando i singoli quartieri, il maggior aumento di casi rispetto all’ultimo dato noto lo si registra a Tomba di Nerone con +69 e nell’area Farnesina-Vigna Clara-Fleming sempre con +69. Attenzione, come ricordiamo anche nella tabella, l’incremento è misurato sull’arco di due settimane (20 dicembre-3 gennaio) in quanto il Seresmi non ha pubblicato la situazione intermedia. Per avere quindi il dato di tendenza, l’incremento va dimezzato.

In termini di rapporto con la popolazione residente, il quartiere con il dato più alto è Grottarossa Ovest con un tasso d’incidenza ogni 10mila abitanti pari 554,9 seguito da Grottarossa Est-Saxa Rubra con 387,5 e Santa Cornelia con 354,4 solo per citare i primi tre.

In numeri assoluti, invece, accantonando i pochi metri quadri di Martignano e, con tutto il rispetto, la cinquantina di persone che vi vivono, lo spicchio del XV dove il contagio fino ad oggi si è fatto sentire di meno è sempre l’area di Grottarossa est-Saxa Rubra con soli 51 casi di contagio su 1300 residenti (e questo spiega perchè il tasso d’incidenza è molto alto).

Ed ecco tutti i quartieri elencati in ordine di numero casi in assoluto da inizio pandemia al 3 gennaio 2021, con evidenza delle situazioni settimanali degli ultimi due mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome