Home ATTUALITÀ Covid-19 nel Municipio XV, continua a frenare il contagio

    Covid-19 nel Municipio XV, continua a frenare il contagio

    coronavirus-mascherine

    A Roma, dall’inizio dell’epidemia pandemica fino al 13 dicembre sono stati contati 76.481 casi di positività al Covid-19 con un tasso d’incidenza ogni 10mila abitanti pari a 267,8.

    Rispetto alla precedente fotografia del 6 dicembre, quando ne furono contati in tutto 71.972, l’incremento in sette giorni è stato di +4509 cioè un terzo dell’incremento della scorsa settimana e ben un quinto di quello di due settimane fa.

    In media quindi, negli ultimi sette giorni sono stati diagnosticati circa 640  nuovi contagi ogni 24 ore, un dato veramente incoraggiante se si guarda alle settimane passate.

    A far emergere questi dati è l’analisi della mappa analitica gestita dal Seresmi, il Servizio Regionale per Epidemiologia, Sorveglianza e Controllo Delle Malattie Infettive, i cui dati sono aggiornati al 13 dicembre e resi pubblici nella sera di giovedì 17 dicembre.

    Come si legge sul sito, la mappa descrive l’incidenza cumulativa dei casi covid-19 da inizio epidemia all’ultimo aggiornamento disponibile. In in altre parole, non si tratta del numero dei casi attualmente positivi bensì del numero di casi analizzati complessivamente dall’inizio dell’emergenza coronavirus; è bene sottolinearlo per evitare confusione nella lettura dei dati.

    I dati del Municipio XV

    La frenata dei contagi nella capitale di questi ultimi sette giorni si riflette fortunatamente anche su Roma Nord dove il territorio del XV Municipio registra una modesta crescita dei positivi: il 29 novembre erano 3820, sono diventati 4280 il 6 dicembre per fermarsi ora a 4530 casi il 13 dicembre.

    Continua ad ammorbidirsi quindi la curva dei contagi, l’ultimo incremento di soli 250 casi fa ben sperare dopo le forti preoccupazioni di tre settimane fa quando si contò un aumento di ben 1600 casi.

    clicca sul grafico per ingrandirlo

    Segnali positivi questi, che indicano che le misure in atto e la responsabilizzazione dei singoli stanno dando i loro frutti. Ma non bisogna abbassare la guardia, occorre ancora il  massimo rigore e mantenere alta la guardia fino all’arrivo del vaccino. E serve mantenerla alta soprattutto nelle prossime festività natalizie nelle quali, stante alle indiscrezioni di questi giorni, il Governo ci chiamerà a rispettare misure severissime per evitare la diffusione del contagio e una terza ondata.

    Analizzando i quartieri, il maggior aumento di casi rispetto alla settimana precedente questa volta si registra a Labaro con un +49 seguito da Tomba di Nerone con un +47. E ancora +29 a Cesano, +26 a La Storta, +22 a Santa Cornelia, tutti gli altri sotto i 20, diversi addirittura sotto i 10. Numeri modesti che lasciano ben sperare.

    Lo spicchio del XV dove invece il contagio fino ad oggi si è fatto sentire di meno– al di là di Martignano che non può far testo – e che potremmo quasi definire covid-free, è ancora Grottarossa est-Saxa Rubra con soli 40 casi di contagio.

    In rapporto alla popolazione, dal punto di vista tasso d’incidenza ogni 10mila abitanti il record fin dall’inizio è stato del quartiere Foro Italico e ancora lo è, ma ciò si spiega col basso numero di effettivi residenti (700).

    Ed ecco tutti i quartieri in ordine di numero casi in assoluto da inizio pandemia al 13 dicembre.

    clicca sulla tabella per ingrandirla
    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome