Home CRONACA Gigi Proietti, alle 20 dai balconi un lungo applauso

Gigi Proietti, alle 20 dai balconi un lungo applauso

proietti

La proposta è stata lanciata dalla pagina facebook “Reporter-Montesacro” ed ha subito preso piede.

Di gruppo in gruppo, di chat in chat si sta diffondendo nei vari quartieri romani e in particolare sulla Cassia, dove Gigi Proietti viveva in zona Tomba di Nerone.

L’idea è quella di avvolgere le figlie Susanna e Carlotta e la moglie Sagitta Alter in un grande corale e virtuale abbraccio omaggiando Proietti dalle finestre e dai balconi con un caloroso applauso lungo un minuto. L’appuntamento è alle 20, per salutare un grande romano, un attore insuperabile, un gigante del teatro italiano.

Nel frattempo, il Campidoglio sta lavorando ad un omaggio particolare: una grande foto di Gigi Proietti dovrebbe essere riprodotta in videomapping sulla facciata del Palazzo Senatorio e sul Colosseo già da questa sera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 COMMENTI

  1. Sei stato il mio compagno di tante serate di solitudine….un sorriso sei sempre riuscito a farmelo uscire..grazie GIGI..ora farai sorridere tutti lassù nel cielo,tra le tante persone che porterò sempre nel cuore e che troppo presto mi han lasciata sola qui..CIAO MARESCIA’

  2. Me rivorgo a te Onnipotente che 80 anni fa’ hai messo ar monno ‘na creatura tanto preziosa,n’omo raro e de valore, nun potevi pesca’ quarcun’artro, magari chi fa’ piagne e nun fa’ ride, chi nun è ‘na persona generosa quanto lui, chi se dedica a fa’ tanto e solo der male.
    E ‘nvece te sei preso er mejo, c’hai spento er sorriso che pochi sapranno riaccenne perché come Gigi nostro nun ne cascherà più uno su sto’ monno.
    Forse pure te , pe quanto assurdo, c’avevi bisogno de incontra’ na persona bella,n’artista mai visto, quarcuno che te entra dentro senza bisogno de chiede permesso perché è delicato anche nel rubatte l’affetto.
    Ma perché nun hai saltato ‘sta fermata, potevi aspetta’ n’artro po’, stamo a vive già un momento brutto, la gente c’ha bisogno de belle notizie no de artri strappi ar core, perché questo è stato un furto imperdonabile.
    Ciao Gigi, ce sarà sempre un battito de’ core d’ ogni italiano dedicato a te !!!

    • Emanuela scusa se te do del tu..
      Ma erano anni che Nun piagnevo.. e dopo ieri co sta notizia
      Che m’ha strappato Er core, te possino a menue’ co ste belle
      Frasi m’hai fatto piagne pe la seconda vorta in du giorni..
      Gigi è stato Er primo comico che ho visto in vita mia
      C’ haveno 7 anni quanno mi padre me lo portò a vede’
      Drento ar puff il locale cabaret de Nantro Grande uomo
      Nando Fiorini.. da dove so usciti i più grandi ma non come
      Gigi.. perché lui non era solo un immenso attore
      Lui era GIGI PROIETTI ..

  3. Era un uomo di una grazia una eleganza una comunicabilità umana fuori del comune.
    Ci faceva sorridere, era profondamente intelligenza e giocava con i lati più ironici del nostro vivere.
    In San Filippo Neri ho visto la sua anima vera, era quella, a distanza di tanti anni, la vera indole di un uomo miracoloso nella vita e sicuramente sereno nel suo viaggio verso la Luce di Dio

  4. Lo spettacolo italiano ha perso un grande e noi abbiamo perso un grande uomo di grande qualità. Addio Gigi, se è tutto vero ci rivedremo. Ti amerò sempre come uomo e come grande artista. Ciao Enzo

  5. ROMA intera adesso piagne- con il lutto capitale-,un gran fijo suo…se spegne- dentr al letto d ospedale-Dar sarcofago nfiorato-Giggi ascorta li commenti-da sto monno fa commiato-proprio er giorno dè defunti.-Popolani e altolocati-oggi pareno parenti-hanno voci addolorati-sò sinceri come tanti-L’arte sua teatrale-nnobbiliva ogni battuta-coloranno de speciale- l ironia più raffinata-Oggi orfani restamo-de tanto bonumore-ma a risata conservamo-de Mandrake dentro ar core

  6. Caro Pierfrancesco FAVINO,
    sono un tuo ammiratore ed estimatore poiché amo il cinema ma soprattutto il teatro. So anche, perché l’hai reso pubblico, che stimavi moltissimo il grande Gigi Proietti. E’ proprio per questo che mi rivolgo a te per inviarti un mio ‘pensiero’ per il compianto maestro. Se hai tempo lo leggi e, se ti piace, disponi come meglio credi di farne uso. La lingua che ho usato è il romanesco, ma io sono un pugliese che vive in Sicilia, quindi, è chiaro che non sarà perfetta. Ti ringrazio per l’attenzione e… viva il teatro!
    P.S. Dimenticavo: ovviamente, se hai l’opportunità, invia un saluto e un abbraccio ai familiari di Gigi anche se non li conosco perché sono sicuro che loro sono accoglienti con le persone semplici e sincere come io credo di essere.

    ER DIALOGO CELESTE
    GIGI C’è permesso? (silenzio) C’è permesso? (silenzio) Gnente! E’ vero che so’ tutti morti, ma quarcuno deve pur parlà, o no! (Più forte) C’è permesso?
    S P Chi è?
    GIGI So’ io, Gigi
    S P Gigi chi?
    GIGI So’ Gigi, er teatrante.
    S P Er teatrante! E che vieni a fa’ qua?
    GIGI Me c’hanno mannato quelli der Purgatorio.
    S P Der Purgatorio? Ma perché, là nun te possono tené.
    GIGI E no, perché dice… dice…
    S P Dice chi?
    GIGI No, dice… che nun c’è posto pe’ me.
    S P Nun c’è posto? Ma che stanno a di’, là ce stanno er doppio de posti che ci’avemo qua.
    GIGI Sì, però m’hanno detto che, siccome quann’ero ancora drento la cassa, hanno sentito tutta la popolazione del paese mio che me voleva ‘n Paradiso.
    S P E tu perché sei passato dar Purgatorio prima?
    GIGI Ecco appunto, te lo stavo a di’: prima prima me so’ presentato all’Inferno pecché me pareva naturale presentamme come umile peccatore su la tera
    S P Ma quindi tu te senti peccatore?
    GIGI E… sì, quarche vorta me so’ trovato a di’ o a fa’ cose… come te posso di’… nun troppo angeliche, con rispetto parlando. Ma sai, semo omini e… è facile che famo cose sbagliate. Però, in tutta sincerità te devo di’ che me so’ pentito forte e… me so’ pure messo a chiagne quanno me so’ accorto de quello che avevo combinato.
    S P E allora, pecché nun t’hanno pijato all’Inferno?
    GIGI E… pecché pure llà m’hanno detto che nunn’era posto pe’ me: m’hanno detto che li peccati mia so’ stati, come se po’ di’, troppo leggeri, mica come quelli che stanno là, così m’hanno detto. E pe’ quello che poi so’ passato dar Purgatorio e nun me vogliono manco là.
    S P Ma ora dimme ‘na cosa: siccome qua io ce sto da tanto, tanto tempo, nun me rendo conto de quello che sta a succede là sulla tera. So solo che qua arriveno ogni tanto omini o donne che sembrano angeli, poi pe’ quarche tempo, gnente de gnente. Tu lo sai pecché?
    GIGI Beh, caro er mio vecchietto (nun è che t’offenni se te parlo così, no?) come te dicevo io ho fatto er teatrante tutta la vita e me so’ divertito a pijà la vita stessa in giro, sai pecché? Pecché la vita sulla tera è diventata, come se po’ di’, troppo difficile ed è pe’ quello che ho cercato de renderla un po’ più… più leggera.
    S P Allora, te sei pijato la libertà de prendere in giro quelli che stavano male, è questo che me voi di’?
    GIGI No, che c’entra, ma che stai a di’, col tuo permesso! Io sto a di’ n’artra cosa: io volevo solo fa’ ride le persone, che, tu lo sai mejo de me, hanno bisogno de nun pensa’ sempre alli affanni de ogni santa mattina.
    S P Ma tu lo sai che proprio questo fa bene alla salute e all’anima?
    GIGI E ce lo so, sì, però…
    S P Però che?
    GIGI Però, se me posso permette, quanno sei nei guai là sulla tera, nun n’è cosa semplice azzasse la mattina e dire ‘Ma come so’ felice de campa’ oggi! ’
    S P Questo pecché tu non sei un vero credente!
    GIGI No, nun n’è così, abbi pazienza, amico mio, se me posso permette! Ma tu lo sai che cosa sta a succede ora là sotto?
    S P Certo ch ‘o so, che te pare che nun ci’o so?
    GIGI E però voi state qua e noi stamo là, voi siete creature piene de santità, noi semo persone semplici e vivemo ogni giorno a combatte co’ le ingiustizie, co’ e magagne, co’ e malattie, co’ i soprusi, co’ e guere, e nu te sto’ a fa’ l’elenco che nun finisce mai.
    S P E quindi co’ tutte ste problematiche com’è che volevi fa ride l’omini uguali a te?
    GIGI Beh! All’inizio te pare ch’è stato facile? Ma poi me so’ detto: ‘A Gigi, datte na mossa che se no qua dove te giri giri ce so sempre guai, e famoli divertì un pochetto sti poveri disgraziati come me. ’ E così, me so ‘nventato tanti personaggi che vedevo pe’ strada e ci’o fatto la caricatura pe’ fa’ ride ma pure pe’ fa’ pensa’ quanto semo scemi tante vorte.
    S P Che significa sta cosa?
    GIGI Ma sì, caro mio, noiartri semo bravi a fa’ questo e a fa’ quello ma poi semo proprio ciuchi quanno pensamo che de fronte a noi ce sta sempre uno che ce fa’ e scarpe o magari al contrario semo noi che je’ famo le stesse scarpe. Vojo di’ che semo pieni de difetti ma nun ce n’accorgiamo o, se ce n’accorgiamo famo finta che nun ce so’.
    S P Ma io v’avevo detto la stessa cosa tanto tempo fa eppure v’aa siete scordata…
    GIGI Io, pe’ ditte a verità, non m’oo ricordo, comunque, te stavo a di’ che, difetto de qua e difetto de là, m’è venuta l’idea de presenta’ a teatro tutte ste… come potemo di’… tutte ste…
    S P Problematiche, manie, incomprensioni, cattiverie, …
    GIGI Chiamamole pure… fesserie amplificate pe’ non esse scortese co’ a bocca co’ na persona anziana come te, carissimo er mio vecchietto.
    S P E famola finita co’ sto vecchietto! Io sembro così ma drento so’ più giovane de te, caro mio. Comunque, me stavi a di’ che hai recitato a teatro, ma er pubblico come ha reagito quanno ci’hai fatto vede’ tutti li difetti sua? Nun s’è agitato e arrabbiato? Nun t’ha pijato a pomodori? Nun t’ha menato?
    GIGI No, macché. S’è messo a ride forte forte pecché, a poco a poco, ha capito che je stavo a di’ la verità scherzando, come er padre quanno vole rimprovera’ er suo figliolo, però je fa capi’ che je vo’ bene, nun so se me so’ spiegato…
    S P Te sei spiegato bene, certo. Ma, ora, spiegami na cosa che nun m’è chiara: me dici che hai fatto er mestiere che t’è piaciuto, me dici che hai fatto diverti’ e che pure tu te sei divertito. Allora, pecché sei arrivato qua quanno ancora potevi da’ sollievo alli compagni tua. Te, sei ancora giovane, pecché te ne sei scappato de là.
    GIGI E ci’hai ragione a dimme sta cosa, però… ora me vergogno pure a dittela… nun gnaa facevo più.
    S P Ma che stai a di’… mica te sei finito co’ e mani tua! Allora sì che te manno dritto dritto…
    GIGI No, no, e famme fini’ de raccontatte a storia, famme spiega’ tutto in santa pace. Ci’avemo a pace armeno quassopra o no?
    S P Certo che ci’avemo a pace. Se nun l’avemo qua, dove artro a trovi?
    GIGI Oh! Me fa piacere senti’ sta cosa. Allora, te stavo a di’ che, proprio nell’urtimo periodo c’è stata na situazione che ci’ha fatto diventa’ tutti strani: t’aa ricordi a peste?
    S P A peste! Ma so’ secoli che nun ce sta più.
    GIGI Sì, ci’ho so pure io, ma sta malattia se comporta come quella: nun te puoi avvicina’ a uno, se no t’aa acchiappi subbito. Poi, te devi mette a mascherina, te devi lava’ le mani de continuo, te devi sta tranquillo a casa tua, pe’ lavora’ te devi compra’ n’arnese che ce parli co’ lui. Io ci’ho provato quarche vorta, ma me sembrava de parla’ co’ na sedia, cor muro, e perciò me so’ detto ‘ Ma che stai a di’, ma che stai a fa’, ma che te sei proprio rin… ahia, me devi scusa’, ma ar paese mio parlamo colorito pe’ facce capi’ mejio…
    S P Ci’oo so, ci’oo so, che te pare che so’ nato ieri. E quindi, ancora nun m’hai detto pecché te ne sei annato.
    GIGI E t’oo dico subbito. Te dicevo che, pe’ evita’ de attaccacce sta schifezza de malanno, l’alte autorità, a poco a poco, ci’hanno detto de sta a casa quanno cala a sera, de chiude tutti e locali de ritrovo, er cinema e… pure er teatro.
    S P E quindi?
    GIGI Come ‘e quindi? ’ A Paradiso! Me spieghi come faccio a presentamme sopra ar palco e parlo solo io, a chi poi? A e sedie?
    S P E ci’hai ragione, amico mio.
    GIGI E certo che ci’ho ragione, mannaggia a disgrazia! Allora me so’ detto ‘Si nun posso usci’, nun posso vede’ l’amici mia, nun posso anna’ de qua e de là pe’ vede’ come passa la vita, che faccio?
    S P Ma te, sei n’omo de risorse…
    GIGI A risorsa mia, a vita mia, a parte a famija, sai qual era?
    S P Io so che pe’ n’omo normale è a famija.
    GIGI Certo, t’oo detto prima. Ma pe’ me er teatro era a famija mia, caro mio: e quanno m’hanno detto che er teatro chiude, me so’ chiuso pur’io e pure er core mio nun gnaa fatta più.
    S P E ora come fanno quelli che hai lasciato là sotto senza de te?
    GIGI Ricrescono!
    S P Come, ricrescono!
    GIGI Già, pecché de fiore nasce fiore: se passa da un Gigi a n’artro. Questo è er messaggio che ci’ho lasciato.

    CATANIA,12-12-2020

    Da: Angelo Giuseppe GIORGINO

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome