Home AMBIENTE Pian dell’Olmo è salvo, la discarica non si farà

Pian dell’Olmo è salvo, la discarica non si farà

discarica pian dell'olmo

Un Mammuth, una Dama Clactonianae un Cervus Elaphus nominato Rianensis, in quanto unico esemplare, sono solo alcuni degli importanti ritrovamenti archeologici avvenuti a Pian dell’Olmo.

Ed è sempre a Pian dell’Olmo che relazioni scientifiche documentano il ritrovamento di reperti di alto interesse storico, così come si evince dalla pubblicazione della Prof. A.M. Maccagno, dell’Istituto di Geologia Paleontologia dell’Università Sapienza di Roma, nel suo studio “Gli elefanti fossili di Riano.

Non tutti sanno che questo è uno dei siti paleontologici più importanti d’Italia per varietà di specie, eppure è proprio qui a Pian dell’Olmo – ultimo lembo del Municipio XV ai confini col Comune di Riano – che si pensava di realizzare una mega discarica, una Malagrotta2, che avrebbe trasformato questo stupenda area rovinandola per sempre.

Fortunatamente, dopo tante proteste da parte delle comunità locali, ci ha pensato la Direzione per le politiche ambientali della Regione Lazio a stoppare l’ipotesi. Pian dell’Olmo è salvo, la discarica non si farà.

Lo stop è datato 5 ottobre. Nel lungo documento pubblicato sul sito della Regione, dopo il riepilogo di tutti i pareri negativi fra i quali viene citato anche quello del Municipio XV, si giunge al punto finale nel quale si dice che viene espressa “pronuncia negativa di Valutazione di Impatto Ambientale sul progetto “Piattaforma per lo smaltimento definitivo dei residui prodotti dal processo dell’End of Waste”, Comune di Roma, località Pian dell’Olmo, Società proponente TORRE DI PROCOIO srl, ai sensi del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i., secondo le risultanze dell’istruttoria dell’Area V.I.A“.

Cala così definitivamente il sipario sull’ipotesi di una mega discarica nella bella campagna romana. Per tutti gli articoli sulla vicenda cliccare qui

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome