Home TEMPO LIBERO Al Globe Theatre di mattina con mamma e papà

Al Globe Theatre di mattina con mamma e papà

Globe-Theatre

Dopo la prolungata incertezza legata al lockdown e risolti i problemi logistici connessi alla necessità di assicurare ai propri spettatori il distanziamento sociale, il Silvano Toti – Globe Theatre, la splendida struttura elisabettiana che sorge nel cuore di Villa Borghese, è pronto per ospitare una nuova stagione.

Nel programma, che potete consultare qui, ci piace segnalare la presenza di due spettacoli scritti appositamente per un pubblico più giovane e che saranno in scena nei weekend di agosto e settembre sempre con inizio alle ore 11.

Inclusi nella proposta “al Globe con mamma e papà”, “Riccardino Terzo” e “Le Tre Streghe di Macbeth” sono rappresentazioni di derivazione shakespeariana pensate per i bambini, “senza però sottostimare mai la loro capacità di comprensione ed evitando eccessive semplificazioni e banalizzazioni”, caratteristiche che le renderanno fruibili anche per gli adulti. Ne abbiamo parlato con l’autore e regista, Gigi Palla.

A colloquio con Gigi Palla

Nato a Roma il 15 luglio 1970, Gigi Palla si dedica da oltre venticinque anni al teatro per bambini e ragazzi. A lungo responsabile artistico del progetto Eliseo Bambini, l’artista capitolino – che ha diretto le sue rappresentazioni anche al Teatro Le Maschere e al Teatro Ciak – non propone animazione, ma con i suoi compagni di viaggio offre autentico teatro professionale. Insieme a sua moglie, l’attrice Gabriela Praticò, ha dato di recente vita al soggetto produttivo dei 2GIGA.

Gigi, intanto, hai scritto qualcosa durante il lockdown?

Sì, in un momento in cui scrivere significava più che altro darsi una speranza! In un post su facebook ho scherzosamente affermato che durante il lockdown avrei scritto tutte le cose che avevo in programma per la prosecuzione della stagione… una specie di scommessa goldoniana contro il virus!

I quattro copioni li ho praticamente completati tutti e “Riccardino Terzo” sarà il primo a vedere la sua realizzazione…

Cosa significa tornare a teatro? 

Nei momenti più difficili dell’epidemia mi sembrava impossibile tornare in scena prima di un’intera stagione! Questo ritorno a Villa Borghese, con spettacoli non “monologanti”, è certamente un enorme merito dell’organizzazione del Globe e della tenacia, anzi della tigna – come ha dichiarato lui stesso – del direttore artistico Gigi Proietti.

E “al Globe con mamma e papà” quest’anno raddoppia…

il successo della scorsa stagione ha sorpreso un po’ tutti! Il fatto, poi, che in questo 2020, così particolare e difficile, il Globe raddoppi la proposta è un segno dell’ottimo consenso ottenuto, che speriamo di poter replicare.

Parliamo, allora, di Riccardino Terzo…

Lo spettacolo è un ideale prequel che prende come riferimento il protagonista dell’opera shakespeariana. Nel nostro caso, però, allude alla posizione che ottiene sempre il giovane Riccardino nelle gare della Giostra del Piccolo Cavaliere, in cui è impegnato insieme ai due fratelli maggiori che tendono a prevaricarlo sistematicamente, anche con mezzucci ed imbrogli.

Una storia divertente ma…

c’è anche un risvolto educativo perché affrontiamo temi sensibili come il bullismo, il valore della lealtà e della fiducia in se stessi.

Ma Riccardo Terzo, il personaggio di Shakespeare, compare nel vostro spettacolo?

Sì, poche battute nel finale che prefigurano un futuro torvo che la nostra rappresentazione vuole, però, rendere più roseo, celebrando l’infanzia come quel periodo in cui l’essere umano offre comunque il meglio di sé.

Riccardino Terzo – giocoso “prequel” in un atto unico ispirato al personaggio di Riccardo Terzo è uno spettacolo adatto ai bambini di età compresa fra i 4 e gli 11 anni, durerà all’incirca un’ora e dieci minuti e sarà in scena (inizio ore 11) nei seguenti giorni: 1, 2, 22 e 23 agosto; 5, 6, 19 e 20 settembre.

La trama. Londra, 1450. La corte d’Inghilterra è in fermento perché si avvicina la Giostra del Piccolo Cavaliere, in cui gli imberbi rampolli della nobiltà londinese si affrontano per contendersi il titolo di giovane pretendente alla corona.

In gara ci sono ci sono i tre fratelli di casa York: Edoardino Primo, principe ereditario, Giorgetto Secondo, duca di Clarence, e Riccardino Terzo, conte di Gloucester…

Sul palco ci saranno Tommaso Cardarelli, Sergio Mancinelli, Valentina Marziali, Gigi Palla e Gabriela Praticò.

Gigi, passiamo alle Tre Streghe: perché la scelta è ricaduta su Macbeth?

Perché la tragedia shakespeariana presentava alcuni elementi accattivanti – come le streghe, i fantasmi e le formule magiche – sui quali poter impostare una drammaturgia ad hoc.

La trama dell’originale, che in un momento dello spettacolo verrà riassunta, ritornerà in diversi punti del nostro spettacolo, da una prospettiva, però, opportunamente rovesciata. Il nostro Macbeth è un bambinone e Lady Macbeth diventerà Lady Mamma…

A proposito di Lady Mamma, diamo la parola a Gabriela Praticò, che la interpreta…

 É un sogno che si realizza (dice, sorridendo, l’attrice argentina, ndr): ho sempre voluto interpretare Lady Macbeth! Mai, però, avrei pensato che si sarebbe trattato della mamma di un pestifero ragazzino che non pensa ad altro che a diventare re!

E, oltre a Lady Mamma, interpreti anche… 

Ecate, la potente strega della foresta di Birman, la stratega del gruppo, il motore dell’azione, quella che farebbe carte false per dimostrare il suo potere. Potrebbe persino diventare buona per aiutare un ragazzino viziato e imbelle a diventare un re saggio, virtuoso e coraggioso!

Gigi, in cosa consiste l’educazione civica dell’aspirante Re?

Sostanzialmente nell’apprendere quali sono le qualità che un Re deve avere per poter essere la guida per i propri sudditi: altruismo, senso della giustizia, rispetto ed accortezza, amore, coraggio, virtù e saggezza.

Credo che queste siano alcune delle qualità che qualificano anche il cittadino attivo, per la cui formazione, appunto, dal prossimo settembre rientrerà in vigore, nelle programmazioni scolastiche, l’ora di educazione civica.

Le Tre Streghe di Macbeth ovvero l’educazione civica di un aspirante Re, liberamente ispirata alla tragedia scozzese di Shakespeare, la rappresentazione è indirizzata ai bambini di età compresa fra i 5 e gli 11 anni, durerà circa sessanta minuti e sarà in scena (inizio ore 11) nei seguenti giorni: 8, 9, 29 e 30 agosto; 12, 13, 26 e 27 settembre.

La trama. Macbeth ha un unico grande desiderio: diventare Re ossia poter cingere il suo capo della meravigliosa corona appartenuta a Kenneth Mac Alpine, il capostipite dei sovrani scozzesi.

Tre streghe, apparentemente sue complici in questo progetto, gli faranno capire – attraverso una serie di prove ridicole, falsi incantesimi e premonizioni non proprio ineccepibili – quali sono le qualità che bisogna avere per poter guidare un regno ed essere un punto di riferimento per la propria comunità.

Sul palco ci saranno Tommaso Cardarelli, Sergio Mancinelli, Valentina Marziali e Gabriela Praticò.

Il progetto 2GIGA

Mentre salutiamo Gigi Palla e Gabriela Praticò, chiediamo loro anche del progetto 2GIGA: “non abbiamo fatto in tempo ad avviarlo che ci siamo dovuti fermare a causa del lockdown!”, ci rispondono all’unisono.

Proveremo comunque a proporre nella prossima stagione” – aggiunge Gigi – “il nostro Giocatore, al quale assoceremo anche un altro spettacolo, pensato per i più piccoli e che si chiama “Ritorno ad Oz”, un sequel del romanzo di Baum, che vedrà protagonista una Dorothy Gale, ormai anziana e smemorata nonnina. Ma questa è un’altra storia…” (che vi racconteremo a tempo debito, ndr).

Info e biglietti

I biglietti per gli spettacoli sono in vendita su www.ticketone.it e al botteghino del Globe Theatre sito in viale P. Canonica (martedì-domenica dalle 16.30 alle 19, nei giorni di spettacolo fino all’inizio dello stesso; lunedì aperto solo nei giorni di spettacolo dalle 18 alle 21).

Per prenotazione di nuclei familiari e congiunti si può scrivere una mail a globeinfamiglia@globeroma.com, per ogni altra informazione si può consultare il sito web del teatro.

Giovanni Berti

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome