Home ATTUALITÀ Quel simbolo bruciato, quel femminicidio offuscato

    Quel simbolo bruciato, quel femminicidio offuscato

    Galvanica Bruni

    A Milano è stato incendiato il muro delle bambole, ce ne sta uno anche a Roma, a due passi dal Lungotevere. Il muro delle bambole è un simbolo contro il femminicidio.

    Nato per accendere i riflettori sugli abusi nei confronti delle donne. Il Centro Culturale di via De Amicis, a Milano, dal 2014 ospita “Wall of Dolls”, installazione artistica inaugurata per sensibilizzare la popolazione sui temi del femminicidio.

    Continua a leggere sotto l‘annuncio

    Non sappiamo perché sia stato dato alle fiamme quel simbolo, le tre cofondatrici Jo Squillo, Giusy Versace, e Francesca Carollo sperano si tratti di un casualità.

     

    “Confidiamo – hanno detto – che non si tratti di un evento doloso, ma se così non fosse i responsabili facciano un passo avanti, chiedano scusa e si adoperino per riparare il danno. Il muro non è solo una installazione permanente, è un’opera d’arte volta a sensibilizzare e coinvolgere.

    È della cittadinanza e fa piacere quando incontri gente che lo sente proprio come nel caso di Umberto Sbordone che ci ha subito avvisate e che ringraziamo. I

    l restauro, in ogni caso, avverrà in tempi rapidi perché questo luogo possa continuare a rappresentare un invito alla riflessione e un simbolo della lotta alla violenza sulle donne”. Il muro delle bambole è un simbolo.

    Farsi non una, ma cento domande, adesso, non è reato…

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    1 commento

    1. Cogliamo l’occasione per aggiungere un commento e ricordare che le relazioni uomo-donna o donna-uomo non sono una barzelletta.
      Questi femminicidi derivano proprio dal mancato riconoscimento di risultati incontestabili che le donne hanno ottenuto per farsi riconoscere più come individui e meno come “femmine”.
      Il mondo maschile riversa ancora troppo sulle proprie compagne o mogli il proprio essere, risultato quello a cui assistiamo attacco infame contro “il sesso debole” per antonomasia.
      Gli insuccessi nel sociale degli uomini derivano da interpretazioni della realtà e di se stessi fuori portata, mentre invece i successi del mondo femminile in ogni ambito derivano principalmente da impegno, studio, dedizione, rispetto, lavoro, fatica, approfondimenti, ecc. costruzione poderosa di figure professionali per essere in grado di provvedere a se stesse. Stanche le donne, tutte, di essere guardate solo come donne chiedono a gran voce riconoscimento e rispetto sollecitano una riflessione sul destino di chi nasce donna in Italia.
      Bambole appese al muro.

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome