Home LABARO Al Pascal genitori a colloquio con i prof via Skype

Al Pascal genitori a colloquio con i prof via Skype

skype

L’Istituto di Istruzione Superiore “B. Pascal” di Labaro, nell’ambito delle azioni messe in campo per conciliare lo studio con lo sport, ha dato avvio ai colloqui Skype per le famiglie degli studenti-atleti non residenti a Roma e coinvolti nel progetto “La Dual Career degli studenti-atleti nella scuola secondaria” e nella Sperimentazione studenti-atleti di alto livello”.

Chiediamo maggiori spiegazioni al dirigente scolastico dell’Istituto, il  prof. Antonio Volpe, che così ci risponde: “Abbiamo intrapreso in questi anni con il coordinamento della docente referente prof.ssa Mascia Migliorati un percorso efficace per supportare gli studenti che praticano sport a livello agonistico, l’istituto è diventato un riferimento fondamentale per molte società/associazioni sportive. Quest’anno abbiamo 72 studenti che hanno richiesto l’adesione alla Sperimentazione studenti-atleti di alto livello di molteplici discipline sportive: basket, calcio, nuoto, baseball, rugby e molte altre ancora.

Occorre poi ricordare, sottolinea il preside, che alla sperimentazione si aggiunge il progetto d’Istituto “dual career”, che in qualche modo ha anticipato lo stesso Decreto ministeriale. Attivo dall’anno scolastico 2015/2016, coinvolge quest’anno 5 classi con 27 studenti-atleti. Un’iniziativa didattica che si è rivelata subito un valido strumento per garantire il diritto allo studio di questi ragazzi eccezionali.

Ogni giorno – chiosa Antonio Volpe – operiamo per costruire il dialogo tra la scuola, le società sportive e le famiglie degli studenti-atleti, e proprio per facilitare la condivisione con le numerosissime famiglie di studenti-atleti che provengono dalle diverse parti del mondo, sono stati avviati i colloqui tramite Skype con la consulenza tecnica anche dei prof. Gerardo Fariello ed Eugenio Casanova. Le famiglie degli studenti-atleti non residenti a Roma possono prenotare i colloqui in videochiamata negli orari di ricevimento dei docenti“.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome