Home CRONACA Studenti e videomaker, i ragazzi del Pascal raccontano Labaro

Studenti e videomaker, i ragazzi del Pascal raccontano Labaro

videomakergirl

Martedì 11 febbraio all’Istituto Biagio Pascal è iniziato il progetto “Labaro: da borgata a quartiere, da quartiere a comunità”, un’iniziativa realizzata con il sostegno del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo e di SIAE nell’ambito del programma «Per Chi Crea».

Grazie alla collaborazione della società di produzioni audiovisive Koda Media gli studenti saranno impegnati in un percorso formativo che li porterà alla realizzazione di un documentario sul quartiere di Labaro.

Il progetto prevede tre azioni: a una fase di formazione sul linguaggio del documentario ne seguirà una di tipo pratico, finalizzata a acquisire le competenze necessarie ad usare l’attrezzatura tecnica e una terza dedicata alla realizzazione del prodotto audiovisivo.

Secondo il Preside Antonio Volpe: «questo progetto è un grande successo per la nostra scuola perché il programma Per Chi Crea della SIAE è fortemente selettivo per cui essere tra le sessanta scuole italiane vincitrici per il settore cinema è un bel risultato».

Inoltre, a parere del Dirigente: «l’audiovisivo è uno strumento didattico molto utile perché rappresenta un linguaggio che gli studenti usano tutti i giorni, con questo progetto cerchiamo anche di offrire ai ragazzi un’occasione di contatto con un settore del mondo del lavoro che in una città come Roma propone diversi sbocchi professionali».

“Labaro: da borgata a quartiere, da quartiere a comunità” difatti è un PCTO (Percorso per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento), la nuova denominazione dell’Alternanza Scuola-Lavoro.

La vocazione orientativa dell’iniziativa è confermata anche da Elisabetta Angelillo, la coordinatrice artistica del progetto per conto di Koda Media: «entrare nel processo produttivo di un audiovisivo aiuta a capire come cinema e televisione, fatta eccezione per le grandi produzioni, siano ancora dei mestieri artigianali: lavorare come videomaker significa essere in grado di gestire tutte le fasi del processo dall’ideazione al montaggio. Buona parte dei contenuti che oggi vanno in televisione e sul web sono realizzati da videomaker».

Per la professoressa Silvia Coletti che assieme a Stefania Colucci segue il progetto: «il progetto offre diverse opportunità di raccordo con la didattica ordinaria poiché porta gli studenti a confrontarsi con il tema della memoria e del racconto».

“Labaro: da borgata a quartiere, da quartiere a comunità” si concluderà a Giugno 2020 con la presentazione del documentario in nel corso di un evento pubblico aperto alla cittadinanza.

VignaClaraBlog.it

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome