Home CRONACA Nuova viabilità a La Giustiniana, la querelle continua

Nuova viabilità a La Giustiniana, la querelle continua

divieto-di-sosta-con-rimozione

Il comitato di quartiere “La Giustiniana e dintorni” continua a farsi sentire sulla questione viabilità a La Giustinianella, la zona de La Giustiniana che comprende Via Cappelletta della Giustiniana, Via Giuseppe Reina e Via Rocco Santoliquido.

Proprio nel pomeriggio di oggi, mercoledì 11 dicembre, l’ultimo incontro in XV Municipio con il Presidente Stefano Simonelli che, insieme all’Assessore ai Lavori Pubblici e il Direttore tecnico municipale ha incontrato il comitato e una piccola rappresentanza dei cittadini nella Sala Consiglio di via Flaminia 872.

Ad aprire i lavori lo stesso Simonelli che,  dopo aver chiarito che, “quello sulla viabilità della Giustinianella  è un progetto che verrà realizzato in ogni caso perché già votato dal Consiglio” ha però specificato che l’incontro di oggi è servito “per dare un aggiornamento sui lavori in corso, ma anche per confrontarsi su alcuni aspetti tecnici”.

La questione viabilità per quest’area de La Giustiniana inizia più di un anno fa, ad ottobre 2018, quando il comitato di quartiere in un primo incontro con il Presidente della Commissione Lavori pubblici viene a conoscenza del nuovo progetto urbano che interesserà tutta la Giustinianella e che riguarderà passaggi pedonali, divieto di parcheggio H24 per alcune vie e una variazione della viabilità locale.

I primi lavori sono partiti nel maggio scorso e hanno riguardato principalmente il rifacimento dei marciapiedi in Via Cappelletta della Giustiniana. Dopo qualche mese il comitato di quartiere insieme ai residenti ha chiesto audizione alle Commissioni Trasparenza, Lavori Pubblici e Mobilità per avere un chiarimento sul nuovo progetto definito da molti residenti come una vera e propria “trasformazione” del quartiere. Convocati esclusivamente dalla Commissione Trasparenza è stato indetto un ulteriore incontro con gli uffici realizzatori del progetto.

Le questioni contestate dai residenti, sarebbero sostanzialmente tre: l’allargamento dei marciapiedi con una conseguente riduzione della carreggiata, ristretta anche dalla predisposizione di nuovi parcheggi a spina di pesce, la soppressione di parcheggi per lunghi tratti stradali e la variazione di viabilità su alcune delle vie che contribuirebbe ad un peggioramento del traffico locale.

Le vie per cui è prevista una modifica della viabilità nal nuovo progetto sono per lo più interessate al momento da traffico locale, parliamo di Via Giuseppe Reina, Via Lodovico Settala, oltre che vie più grandi come Via Cappelletta della Giustiniana, Via Rocco Santoliquido e Via Martiri della Storta. Il  rischio è che cambiando i sensi di marcia alcune di quelle strade diventino più trafficate” – ha spiegato il Presidente del Comitato di quartiere, Francesco Petrucci.

C’è poi un problema grave che riguarda i parcheggi: in quelle vie quasi nessun residente gode di un parcheggio privato o di un garage condominiale, per cui i cittadini hanno sempre sostato sul ciglio della strada. Ora l’Ufficio Tecnico e la Polizia locale rifacendosi al codice della strada stanno installando una nuova cartellonistica con divieto di sosta H24 su alcune vie. E’ chiaro che di fronte al codice della strada non possiamo fare nulla, ma impedire ai residenti di parcheggiare diventa un problema reale. In quella zona c’è anche una scuola e temiamo che non sarebbe possibile neanche sostare per accompagnare o riprendere i propri figli.”

Dopo l’incontro con la Commissione Trasparenza, non essendo pervenuta alcuna risposta dalle Commissioni Mobilità e Lavori Pubblici, il 28 novembre scorso il comitato di quartiere si è presentato spontaneamente in Commissione Mobilità del Municipio XV: “In quella sede abbiamo esposto quali sono secondo noi le criticità emerse dopo aver visionato attentamente la nuova mappatura della zona ma abbiamo espresso anche dubbi sulla cartellonistica installata in questi giorni con divieto di fermata H24, per non parlare della concentrazione di alcune strade come punti di immissione su Via Cappelletta della Giustiniana, considerando che il quartiere ad oggi ha una sola uscita su Via Cassia penalizzata dalla nuova rotatoria. Volevamo insomma che la Commissione Mobilità si facesse garante in questa fase e chiedesse un incontro con il Comandante della Polizia Locale e il Presidente del Municipio alla presenza del Dirigente UOT”.

Durante l’incontro di oggi però, il Direttore Tecnico, Ernesto Dello Vicario, ha chiarito che per tutta quella zona al momento “non esiste una disciplina di traffico” e che il nuovo progetto sulla viabilità, realizzato dopo numerosi sopralluoghi effettuati anche con la Polizia Locale, oggi assente, servirebbe anche a “massimizzare la possibilità di sosta” garantendo in ogni caso per ogni via almeno su un lato la sosta della automobili. L’unica strada che non subirebbe alcuna modifica è Via Rocco Santoliquido, al momento a doppio senso di marcia.

Non si capisce per quale motivo, con tutti i problemi di viabilità che ci sono in Municipio, a partire proprio dalla Cassia che si trova a pochi metri da noi, bisogna insistere su questa zona di fatto a traffico locale. Con il nuovo progetto, si allungano i percorsi e allungando i percorsi avremo un aumento dell’inquinamento acustico, del traffico e dello smog” – è intervenuta spazientita una residente – “sono 60 anni che abitiamo in quel quartiere e non ci sono mai stati problemi, ora ci dite che dobbiamo rispettare una normativa, che e vale per noi allora deve valere per tutti gli altri”.

L’incontro di oggi è stato davvero molto utile e propositivo. Abbiamo fatto una nuova proposta sul progetto presentato dal Municipio e chiesto che venga vagliata nuovamente dagli Uffici tecnici e dalla Polizia Locale e poi, come proposto anche dal consigliere Daniele Torquati, oggi in aula, sarebbe utile anche un passaggio in Commissione. Da parte nostra, qualora venissero prese in considerazione le nostre proposte, ci impegnano a condividerla con tutto il quartiere in modo che tutti i cittadini siano coinvolti e consapevoli” – ha aggiunto Petrucci a conclusione dell’incontro, nonostante le perplessità di alcuni dei residenti presenti.

Ludovica Panzerotto

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome