Home POLITICA Discarica Pian dell’Olmo, Torquati (PD): “Raggi smetta di dire bugie”

Discarica Pian dell’Olmo, Torquati (PD): “Raggi smetta di dire bugie”

discarica pian dell'olmo

Non vogliamo la discarica a Pian dell’Olmo, nella zona nord di Roma, e non vogliamo nuove discariche nel nostro territorio. Un territorio che è stato devastato per decenni dalla presenza della più grande discarica d’Europa, quella di Malagrotta, e che non può permettersi altri impianti di questo tipo. Sono al fianco dei cittadini e di tutti i sindaci dell’area che si oppongono a questa ipotesi“.  Parole della sindaca Virginia Raggi su facebook, parole contro le quali si scaglia il capogruppo PD del Municipio XV, Daniele Torquati.

“La Sindaca Raggi, piuttosto che scrivere bugie sui social come la presunta contrarietà alla discarica a Pian dell’Olmo, faccia la Sindaca e ci dica per quale motivo l’area é stata da lei inserita tra quelle sottoposte alla valutazione della Regione. Il fatto che il proprietario dell’area abbia chiesto anche lui,  come del resto la legge dispone, che l’area venga valutata dalla Regione, non esime di certo il Campidoglio dalle proprie responsabilità. I cittadini di Riano e di Roma nord vanno rassicurati, non ingannati”.

“Per la Raggi a  Roma non esistono alternative alle discariche, non esiste l’impellente necessità di un Assessore, non esiste trasparenza e non esiste neanche la decenza di ammettere che la città è sommersa dai rifiuti non raccolti e che non possono essere i Comuni limitrofi a doversene far carico.
La Conferenza dei servizi di questa mattina in Regione è solo procedura e anzi bene hanno fatto comitati e cittadini a partecipare. I vincoli e loro osservazioni potranno portare la Regione a dare parere negativo, come del resto ha ben detto l’Assessore regionale competente”.

“La Sindaca – conclude Torquati – smetta di soffiare sul fuoco e proceda come dice la legge, ovvero indicando alla Regione le aree per gli impianti. Il resto é veramente irresponsabilità istituzionale. I Comuni sono i diretti responsabili nell’identificazione delle aree. Basta dire bugie. La Sindaca faccia la Sindaca, non l’adolescente sui social”.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome