Home CRONACA Largo Sperlonga, tanto largo quanto dimenticato

Largo Sperlonga, tanto largo quanto dimenticato

largo-sperlonga

Chissà quante volte percorrendo via Ischi di Castro, in zona Due Ponti, siamo passati per Largo Sperlonga senza fermarci; d’altra parte se non devi prendere un bus lì al capolinea, che ti ci fermi a fare? Ma per dovere di cronaca l’abbiamo fatto, di giorno e di sera, e quel che abbiamo visto non ci ha entusiasmato.

La piazza che fronteggia un grande residence abitato per lo più da extracomunitari si trova appunto lungo Via Ischia di Castro poco prima dell’inizio di Via Germana Stefanini (la cosiddetta “strada di fondovalle”); Piazza Sperlonga è stata riqualificata nel 2002 e la grande tabella con il progetto di sistemazione è ancora là. Come la grandi targhe marmoree che i Papi mettevano sulle piazze al termine di opere faraoniche.

Solo che le opere dei Papi erano fatte per durare millenni mentre quella di Largo Sperlonga, dopo 17 anni, è già da rifare: stiamo parlando di ordinaria manutenzione ma ovviamente a Roma, da anni, l’ordinario diventa subito straordinario.

Il Largo, oltre ad ospitare cassonetti telecamere e la fermata del bus 029,  è anche una specie di piazza paesana dove giocano i bambini e dove la sera i residenti si riuniscono per fare quattro chiacchiere; lo stato in cui si trova attualmente non ne fa però uno straordinario luogo di aggregazione.

Tanto per cominciare le erbacce hanno aggredito i marciapiedi conferendo al tutto un senso di grave sciatteria; sulla sinistra invece, dove c’è un ampio squarcio nella rete metallica, insiste una piccola discarica dove si accumulano calcinacci e rifiuti.

Tra l’altro, lungo via Stefanini, da anni c’è un insediamento abusivo parzialmente nascosto dalla vegetazione ma noto a tutti.

Ma torniamo alla piazza; vicino ai cassonetti un tombino ha ceduto e si è creata una piccola voragine in cui sicuramente potrebbe cadere un bambino, o la notte, anche un adulto.

Sulla destra, oltre ad un lampione danneggiato, c’è un ampio spazio pavimentato con pannelli di colore scuro messi là forse per consentire ai bambini di giocare in sicurezza. Con il tempo molti si sono incurvanti, altri mancano; anche il marmo che copre il muretto che delimita la proprietà privata è danneggiato in più punti.

Nel complesso una situazione che non richiede grandi lavori ma piccole opere che comunque restituirebbero dignità alla piazza; peraltro anche le zone adiacenti non si trovano in condizioni migliori.

Dove Via Ischia di Castro inizia a salire, tra la vegetazione, ci sono montagne di rifiuti; la stessa Via Stefanini è sporca e trascurata con le strisce pedonali in alcuni punti cancellate.

Sarebbe bello vedere la grande tabella dei papi di Piazza Sperlonga sostituita con una nuova che descrive un progetto di sistemazione per il 2019; magari un progetto che preveda anche la piantumazione di qualche albero così da fornire nei mesi estivi un po’ d’ombra. E non ci starebbe male neppure una fontanella; se non altro sarebbe l’ultimo rifornimento per chi si appresta ad affrontare a piedi la “strada di fondovalle”, tutta in salita.

Francesco Gargaglia

 

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. per francesco gargaglia, le volevo dire che in quella piazza i danni li fanno i residenti, che tra l’altro non fanno neanche la differenziata, che esistono cantine buie senza finestre affittate ad appartamenti, largo sperlonga ha uscite anche in alto. lei dovrebbe risalire in alto e troverà ancora più. degrado. esistono gli incivili, e a che servono queste telecamere se gli incivili continuano a sporcare . io farei pulire ai colpevoli tutto ciò, francesco gargaglia mi contatti che le faccio vedere qualcosa ancora piu orribile. ma mi creda , sembra che la colpa non se la prende nessuno e i palazzoni con cantine trasfomate in appartamenti di appena 15 metri oppure 13, che ospitano appunto gli incivili. chi ha dato abitabilità, a questi posti. mi contatti la prego. cosi fara servizi piu completi.

  2. Nota a latere : ma quello stop (molto poco visibile e semi cancellato) alla fine di via Stefanini siamo sicuri che sia funzionale? Non sarebbe meglio posizionarlo su via Ischia di Castro alla confluenza con largo Sperlonga, appunto per i veicoli (pochi) che, proveniendo da via V. Mariano, scendono dal primo tratto, piuttosto che per quelli (moltissimi) che vengono giù da Grottarossa ?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome